Economia

Maersk: inizio dei lavori a settembre

Entro la fine di luglio l’Autorità Portuale di Savona dovrebbe avere in cassa l’intero importo del finanziamento ottenuto con il Decreto Milleproroghe dello scorso anno (circa 68 milioni di euro), mentre le ulteriori risorse necessarie per la realizzazione della piattaforma multipurpose di Vado Ligure saranno garantite dalla parte di gettito Iva derivato dallo sdoganamento delle merci portuali, secondo quanto previsto dal recente Decreto Crescitalia. Dopo otto anni da presidente e altrettanti da segretario generale dell’Authority, Rino Canavese ha ottenuto sul filo di lana il risultato più importante e determinante per il futuro sviluppo dello scalo di Savona – Vado Ligure.

A sbloccare una situazione che sembrava attorcigliarsi su se stessa a causa delle perduranti difficoltà del Paese, è stato l’incontro tra lo stesso Canavese e il capo di gabinetto del ministero dell’Economia e Finanze, Vincenzo Fortunato. Quest’ultimo ha confermato l’impegno del ministero ad adottare gli ultimi atti amministrativi necessari a scongelare le risorse già destinate alla piattaforma e ribadito che lo strumento per completare il quadro finanziario dell’opera è individuato nell’articolo 15 del Decreto Sviluppo entrato in vigore nelle scorse settimane. Un risultato che, sommato alla bocciatura del ricorso presentato dal Comune di Vado in materia di dragaggi, apre la strada all’apertura effettiva dei cantieri, che comunque non avverrà prima di settembre, come già concordato con Grandi Lavori Fincosit, impresa incarica dei lavori. Tra l’altro, questa mattina, il Comitato Portuale di Savona ha deliberato di mettere a disposizione dell’impresa uno specchio d’acqua presso la testata del molo di sopraflutti dove sarà posizionato un impianto per la produzione dei colossali cassoni da affondare in rada per fissare sul fondale la piattaforma. Altre aree, a monte del viadotto sulla via Aurelia in prossimità del faro di Capo Vado, saranno utilizzate per la sistemazione dell’impianto di prefabbricazione dei cassoni. Tutte aree – è stato precisato – che appartengono al Comune di Bergeggi. In un primo tempo la realizzazione degli enormi cassoni – di grandezza variabile ma comunque alti una ventina di metri, larghi più di 20 e di lunghezza media intorno ai 30 metri – era prevista nel cantiere Fincosit di Multedo, con la necessità di affrontare complesse operazioni di trasporto. Con la nuova soluzione, tra l’altro, il comprensorio savonese acquisisce un volume supplementare di lavoro (è prevista la realizzazione di 132 cassoni), che darà respiro alle imprese locali.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: