Politica

Malumore tra le forze politiche per l’ingresso in giunta di Livio Di Tullio

Paolo Gaggero, vice sindaco del comune di Savona, ha rassegnato le dimissioni. Al suo posto dovrebbe entrare in giunta Livio Di Tullio, attuale segretario provinciale del Pd. Il sindaco Federico Berruti vedrebbe bene l’ingresso dell’esponente dei democratici, ma è malumore fra le forze politiche che sostengono la maggioranza. Il segretario provinciale di Rifondazione Comunista Marco Ravera afferma: “E’ inaccettabile. Il sindaco avrebbe dovuto quantomeno consultare le segreterie politiche”.

Roberto Pizzorno, segretario provinciale dell’Udc, interviene dicendo:  “Il sindaco, su questa su decisione non ci ha consultati. E’ vero: è il  sindaco che decide le nomine. Però qui il problema è politico. Verrebbe nominato un uomo di partito, il segretario del primo partito di questa coalizione. Ci aspettavamo almeno un incontro informale con le segreterie che sostengono questa maggioranza, cosa che purtroppo ad oggi non si è verificata”. Continua Pizzorno: “Abbiamo sottoscritto con Federico Berruti, il programma di Governo di questa città. Non vogliamo valutare le intenzioni del sindaco, ma questa decisione non ci è piaciuta. Questa giunta è sempre più a sinistra con cinque esponenti del Pd uno a testa per Sel, Idv e Prc, mentre il centro è assolutamente assente. Se siamo forza di maggioranza, e lo siamo,  dobbiamo esserlo sempre non solo quando fa comodo. Non è una bocciatura alla persona di Di Tullio che anzi potrebbe far ripartire l’urbanistica in città che attualmente è ferma. Critichiamo la forma con la quale è avvenuta. In ogni caso non faremo mancare il nostro appoggio a questa maggioranza. L’Udc -conclude Pizzorno-  è un partito serio, critico ma fedele, se vengono rispettati i programmi sottoscritti”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: