Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURA

Marco Boato,a Savona, per “Il lungo sessantotto”

Domani, lunedì 29 ottobre, alle ore 18,00 presso il Rock Cafe’ di via Mistrangelo 10 r a Savona, verrà presentato il libro “Il lungo sessantotto”, di Marco Boato (Venezia,1944), che sarà presente all’evento e che discuterà del suo saggio con Danilo Bruno, storico e dirigente dei Verdi savonesi.

L’autore, figura controversa, già parlamentare dei Verdi, fu un protagonista della stagione sessantottina, specie a Trento, dove studiava alla Facoltà di sociologia della locale università.

Il libro è incentrato su di una lunga riflessione sulla società degli anni sessanta fino a giungere al periodo del terrorismo e vuole essere un contributo, in questo cinquantesimo, per la comprensione del fenomeno del sessantotto e per cercare di dare una risposta alle domande ed ai luoghi comuni su quel periodo storico.

Nel testo compare una ricca documentazione e si analizzano in modo innovativo il dibattito nel mondo cattolico, la figura di Pier Paolo Pasolini e le sue polemiche con il movimento studentesco.

Così si legge sul sito dell’Editrice del saggio “Morcelliana La Scuola”: “Questo libro non è né nostalgico, né celebrativo. Ricostruisce, senza rimpianti e con rigore analitico e storico-critico, non solo cosa fu il ’68 in Italia e nel mondo, ma da cosa nacque, come si caratterizzò il movimento in quell’anno “epocale” e anche che cosa resta a cinquant’anni di distanza. Una analisi critica, senza mitologie e senza demonizzazioni postume, che si rivolge sia alle generazioni adulte o più “anziane” sia alle nuove generazioni. Una testimonianza, ma non solo. Il movimento del ’68 in realtà nasce prima e finisce dopo: per questo il libro si intitola Il lungo ‘68. La ricostruzione storica risale all’inizio degli anni ’60 e si conclude negli anni ’70. Ma il ’68 fu l’anno cruciale, in Italia e nel mondo, che è diventato una data “periodizzante” anche per gli storici, perché ha segnato una svolta e una “frattura” tra il prima e il dopo. Nulla è stato più come prima. Nel movimento del ‘68 ci sono stati anche errori ideologici e contraddizioni politiche, ingenuità e slanci utopici, che poi non si sono realizzati. Mauro Rostagno, uno dei leader del ’68, in occasione del ventennale, nel febbraio 1988, disse: «Per fortuna non abbiamo vinto». Ma pochi mesi dopo, il 26 settembre 1988, venne assassinato a Trapani mentre combatteva la mafia e la corruzione politica. Anche questo suo sacrificio fu un’eredità del movimento del ’68, del suo impegno politico e civile.”  Per dirla con Manzoni: “Ai posteri l’ardua sentenza!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: