Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Mariella Lentini, la signora delle zucche e dei Santi

"Coltivo zucche per nutrire il corpo, scrivo la vita dei santi per nutrire l'anima, non di solo pane vive l'uomo... A chi acquista il mio libro "Santi compagni guida per tutti i giorni" (Editore Espansione Grafica di Castell'Alfero d'Asti), che si avvia alla terza ristampa, offro una zucca in omaggio. Ne avevo 40, me ne restano solo 5. Finite le zucche regalerò verze e finocchi".

E con questa “trovata” iniziata per scherzo sulle pagine di Facebook, dopo aver visto il suo orto ricolmo di zucche, Mariella Lentini, giornalista astigiana (scrive per il quotidiano nazionale indipendente www.informazionecattolica.it, direttore Matteo Orlando, dove ogni giorno pubblica l’audiobiografia di un santo con la propria voce,), è stata presa sul serio, e da 40 che ne aveva, le zucche si sono ridotte a cinque.  Tutti chiedono la zucca, tutti vogliono farsi fotografare con la zucca in mano. E siccome non di solo pane vive l’uomo, ma anche di spirito, ecco arrivare in aiuto un libro sui Santi, che si avvia alla terza edizione, tutto illustrato a colori, descrive vita, miracoli, opere e preziosi insegnamenti di 365 santi, uno al giorno: dalla Mamma Celeste a San Giuseppe, da Francesco a Chiara, e poi Antonio da Padova, Rita da Cascia, Pio da Pietrelcina, gli Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele, Martino, Pietro e Paolo, gli evangelisti Marco, Matteo, Luca e Giovanni, Don Bosco e Don Gnocchi, il Papa buono Angelo Roncalli, Giovanni Paolo II,  Carlo Borromeo, Madre Teresa di Calcutta, Teresa d’Avila e Teresa di Lisieux, l’Angelo Custode, Agnese, Rosalia, Rocco, Benedetto da Norcia, Mamma Margherita Occhiena, Pier Giorgio Frassati, Ildegarda, Nicola di Bari…

E se Asti, sabato e domenica 19 e 20 novembre, è stata protagonista con la visita privata alla cugina Carla Rabezzana di Papa Francesco (accolto dal Vescovo diocesano Monsignor Marco Prastaro e dal Sindaco di Asti Maurizio Rasero),  nella terra d’origine dei famigliari, per ritrovare le proprie radici, da oggi, 25 novembre, da questa ridente cittadina monferrina, parte il tour planetario del Bagna Cauda Day (25, 26, 27 novembre con replica il 2, 3 e 4 dicembre), creato dalla mente geniale del giornalista Sergio Miravalle, “deus machina” del Bagna Cauda Day e direttore della rivista Astigiani. Il bagna cauda Day vede protagoniste, oltre all’aglio e alle acciughe, i prodotti dell’orto, che da queste parti rappresentano un’eccellenza, dai peperoni di Motta di Costigliole al cardo gobbo di Nizza Monferrato, fino alle zucche che possono diventare gustosissimi flan e che si sposano benissimo con la bagna cauda, tanto apprezzata anche da Papa Francesco che affonda le sue origini proprio in queste terre, a Portacomaro d’Asti, da dove partirono per l’Argentina in cerca di fortuna i nonni Rosa e Giovanni Bergoglio e suo padre Mario (il libro “Santi compagni guida per tutti i giorni”, dove Sua Santità viene nominato cinque volte, è stato regalato a Papa Francesco l’anno scorso, che ha ringraziato inviando dal Vaticano due lettere all’autrice).

La zucca è molto amata dai cuochi e dalle mamme di famiglia perchè estremamente versatile in cucina, può essere cucinata al forno, a vapore, fritta, impanata o in carpione, bollita, nel minestrone, per vellulate, puree, flan, gnocchi, pane, ravioli, torte dolci e pure caramellata. Possiede proprietà benefiche eccezionali, parola di Giorgio Calabrese, famoso medico dietologo, testimonial con la figlia Cinzia Myriam Calabrese di “Campagna Amica” della Coldiretti di Asti, che considera la zucca l’amica del nostro organismo: “La zucca – afferma Giorgio Calabrese – è tra gli alimenti ipocalorici e apporta solo 18 Kcal per 100 grammi di prodotto. Contiene caroteni e pro-vitamina A. E’ ricca di ferro, fosforo, magnesio, potassio e Vitamina C e del Gruppo B. Non solo, le maschere a base di zucca, utili per idratare, levigare e pulire la cute,  sono indicate anche per lenire le scottature”.

Mentre per nutrire la mente e l’anima ecco arrivare il libro di Mariella Lentini “Santi compagni guida per tutti i giorni”, 365 biografie di altrettanti santi, beati, venerabili e testimoni, uno al giorno, di tutto il mondo e di ogni epoca, alcune delle quali vengono pubblicate nell’enciclopedia on line più autorevole e completa www.santiebeati.it diretto da Francesco Diani.
Ma da dove nasce questo rapporto tra cibo e spiritualità? Da lontano, basti pensare al messaggio evangelico: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio» Ovvero ogni essere umano non può vivere senza aria, acqua e cibo. Ma questo non basta! L’individuo ha bisogno di una casa, di stare al caldo, di vestiti, del sonno, di godere di buona salute, di comunicare, eppure avendo tutto questo quanta infelicità e depressione esistono nella nostra società, anche tra chi vive nel lusso? Oltre al pane, essenziale per vivere, c’è qualcos’altro che serve per essere felici, dare un senso alla proprio esistenza, nutrendo la propria spiritualità, la propria mente, la propria anima.

“Leggendo la vita dei Santi si può trovare qualche esempio. Sono esempi luminosi ed è meglio tendere alla luce piuttosto che al buio, queste biografie daranno a ciascuno l’illuminazione utile alla nostra esistenza”- afferma Caterina Calabrese (giornalista e scrittrice, Laurea in Tecnologia Alimentare e in Scienze religiose, collabora con il marito Giorgio Calabrese) che firma la prefazione al libro della Lentini.

Nel prologo al libro la Prof.ssa Maria Rita Parsi (psicologa, giornalista, scrittrice, Presidente della Fondazione Movimento Bambino, già componente del Comitato ONU per i diritti dei fanciulli e delle fanciulle) scrive: “I giovani devono saper distinguere il Bene dal Male. Mancano i valori. Forse anche perché una parte della società si è allontanata dalla fede? L’uomo da sempre è alla ricerca del divino, del soprannaturale per dare una risposta alle inquietudini e agli interrogativi esistenziali che lo tormentano. Esiste un bisogno del sacro, di dare un senso alla vita che può diventare un disperato grido di aiuto. Il viaggio della vita è irto di difficoltà, per chiunque. La religione può diventare, allora, un sostegno prezioso. I messaggi d’amore enunciati dai santi possono avere effetti taumaturgici nelle persone, ovvero guarirle dal male di vivere facendole sentire meno sole. La fede può diventare un rifugio di positiva speranza”.

“In una società: dove le famiglie si disgregano sempre di più, dove tanti giovani non hanno una guida su cui fare riferimento o dalla quale prendere esempio e si perdono, percorrendo strade sbagliate, dove non si sa più a che cosa e in chi credere, dove purtroppo assai raramente si considerano e rispettano i giovani, gli anziani, i figli, i genitori, questo libro potrebbe essere utile: per trovare una via umana, sociale e religiosa da seguire; per dare, ricevere e condividere il buon esempio; per allontanarsi dal Male ed avvicinarsi al Bene” – è quello che asserisce nella presentazione al libro Giangiacomo Dapino, con i suoi prossimi 80 anni il più anziano avvocato astigiano, già responsabile diocesano del settore famiglia, componente del “Coro Amici della Montagna CAI Asti”, diretto da Flavio Duretto.

Mentre Gianpiero Dellarovere, editore storico di Espansione Grafica, ereditata dal figlio Alberto Dellarovere, dichiara: “Santi compagni guida per tutti i giorni non è un libro, è un capolavoro! Ma non solo perchè ci ha lavorato una vita Mariella Lentini, questo volume dura 365 giorni, un santo per ogni giorno dell’anno, non si finisce mai di leggerlo”.

 Mariella Lentini

  • Mariella Lentini (nata a Palermo il 25 dicembre 1962), giornalista, scrittrice, addetto stampa, ha scritto per Il Giorno, Il Mediterraneo di Palermo, Confidenze, Cosmopolitan e collaborato con Rete 4 (Mediaset).
  • Dal 2021 collabora con il quotidiano nazionale on line informazionecattolica.it. (Direttore Matteo Orlando) dove ogni giorno conduce una rubrica agiografica con una audiobiografia, utilizzando la propria voce.
  • Ha svolto attività di addetto stampa per Fondazione Movimento Bambino (Presidente Maria Rita Parsi); Federcasalinghe di Asti (Referente Regionale del Piemonte Nicole Piccione, Presidente Nazionale Federica Rossi Gasparrini); Centro Studi e Ricerche Victor Meyer (Presidente Marina Balbo); EMDR Italia (Presidente Isabel Fernandez).
  • Nel 1997 ha svolto attività di epistolografa (stesura di lettere d’amore su commissione) e nello stesso anno ha partecipato alla mostra del libro “Parole in tasca” al Castello di Belgioioso (PV), presentando una raccolta di sue lettere.
  • Nel 1999 le sono stati assegnati il Premio Nazionale Giornalistico “Il Roero, i suoi prodotti e le sue tradizioni”; l’attestato di merito per la X edizione del “Premio Biennale Letterario Internazionale dei Monti Lepini” nella sezione saggistica per il libro Eclissi d’amore e nel 2002 il “Premio Giornalista della Solidarietà”, istituito dalla Regione Piemonte, per l’attività svolta in qualità di Capo Redattore del mensile “Asti in… Vetrina”.
  • Nel 1999 ha pubblicato un saggio sui maltrattamenti in famiglia “Eclissi d’amore – Storie vere di maltrattamenti in famiglia, psicologi, fisici e sessuali, dagli anni Venti agli anni Novanta” (Espansione Grafica). Ha curato i saggi “Il soldato con la pistola ad acqua” (Nuova iniziativa Editoriale, Roma 2003) e “Alessio Gherlone – Tunnel sì ma sul campo” (Espansione Grafica 2011). Ha partecipato alla stesura di alcuni libri di Maria Rita Parsi, tra i quali: “Più furbi di cappuccetto rosso” (Oscar Mondadori 2000); “L’alfabeto dei sentimenti” (Oscar Mondadori, 2003); “Ingrati” (Mondadori 2011). Nel 2019 pubblica il saggio “Santi compagni guida per tutti i giorni” edito da Espansione Grafica di Castell’Alfero d’Asti di Alberto Dellarovere, arrivato alla imminente terza edizione (alcune biografie di santi vengono pubblicate nell’enciclopedia on line più autorevole e completa santiebeati.it diretta da Francesco Diani e trasmesse da Radio Maria).
  • Estimatrice della Regina Elisabetta Seconda, nel maggio del 2021 Mariella Lentini scrisse una lettera indirizzata al Castello di Windsor, dopo la morte dell’adorato marito Filippo Duca di Edimburgo, per manifestare alla Sovrana la propria ammirazione e vicinanza. Elisabetta Seconda rispose alla Lentini con una bellissima lettera,tramite una dama di corte.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: