Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURA

Maturità 2019, niente terza prova e grande novità al Classico

Novità al Classico. Sono uscite da pochi minuti le materie delle prove scritte previste per l’esame di maturità del prossimo giugno, annunciate dal ministro Marco Bussetti. La grande novità coinvolge il liceo più “tradizionale” per storia e argomenti trattati, ovvero il Classico. Per la prima volta, gli studenti dovranno infatti vedersela con una prova multidisciplinare che vedrà insieme Latino e Greco. Per i coetanei dello Scientifico, invece, la prova sarà di Matematica e Fisica. Al fine di agevolare gli studenti, il Miur ha messo a disposizione, sul sito on line, alcuni esempi su come la prova mista di Latino e Greco sarà strutturata.

Ciao, ciao “terza prova”. Un esame che consterà di soltanto tre prove: due scritte e una orale. Addio quindi al tanto temuto “quizzone” della terza prova, incubo di numerose generazioni.  Una nuova formula della maturità che, per ottenere una maggiore uniformità delle valutazioni, cosa importante visto che in numerosi concorsi viene richiesto di aver raggiunto un punteggio minimo alla maturità per poter accedere, metterà a disposizione del corpo docente delle griglie di valutazione per le prove scritte. Gli esami partiranno ufficialmente il 19 giugno con l’intramontabile tema di Italiano, per il quale, fra qualche mese, inizierà il “toto titoli”.

Gli altri istituti. Per quanto riguarda le seconde prove degli altri istituti, solo per citarne alcuni, Scienze umane e Diritto ed Economia politica per il Liceo delle Scienze umane – opzione economico sociale, Discipline turistiche e aziendali e Inglese per l’Istituto tecnico per il turismo, Informatica e Sistemi e reti per l’Istituto tecnico indirizzo informatica e Scienze degli alimenti e Laboratorio di servizi enogastronomici per l’Istituto professionale per i servizi di enogastronomia (per le materie oggetto di seconda prova relative a ogni tipo di istituto, fare clic QUI).

Valutazione finale e ammissione. Cambierà anche il modo di calcolare il voto finale. In sintesi, c’è da ricordare che il numero di crediti massimo che è possibile ottenere nel triennio sarà 40 e non più 25, mentre per ognuna delle tre prove potrà essere assegnato un massimo di 20 punti. Ha già fatto polemica la regola seconda la quale si potrà essere ammessi con delle insufficienze, a patto che la media dei voti sia 6, condotta inclusa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: