Attualità

Mercato del lavoro più dinamico in aprile

La congiuntura della prima metà di aprile, comunica l’Osservatorio Mercato del Lavoro dell’Amministrazione provinciale di Savona, segna un sia pur lieve maggior dinamismo nella domanda di lavoro complessivamente rivolta ai savonesi. I comparti che hanno formulato esigenze di professionalità sono quelli dell’alberghiero, ristorazione, della gestione di stabilimenti balneari, delle imprese famigliari, ma anche le costruzioni. Anche il numero delle cessazioni di rapporti di lavoro risulta in diminuzione ed a terminare sono principalmente i contratti a tempo determinato.

La conseguenza di tali dinamiche è visibile nel saldo fra avviati e cessati che si mantiene positivo e in crescita nel periodo 1 – 14 aprile. “Tali performance – precisa l’Osservatorio di Palazzo Nervi – non consentono, però di invertire il saldo fra entrati ed usciti dalla disoccupazione rilevato attraverso i centri per l’impiego che si mantiene in crescita rispetto al periodo precedente”. Il lieve dinamismo sembra trovare conferma anche nel numero di aziende localizzate sul territorio provinciale, di piccola e piccolissima dimensione, che hanno effettuato assunzioni nel periodo considerato, aziende quasi tutte operanti nell’alberghiero, ristorazione, gestione stabilimenti balneari, bar e attività a carattere famigliare.  A livello statistico, sono state 1.594 le aziende che nella prima metà di aprile hanno operato delle assunzioni, per un totale di 2.761 persone. A incrementare l’occupazione sono stati soprattutto alberghi (326 persone assunte da 129 diverse aziende), stabilimenti balneari (199 persone assunte da 123 aziende), ristoranti (196 persone assunte da 123 aziende), bar (99 persone assunte da 62 esercizi), imprese di pulizia (63 persone assunte da 24 ditte).  Sono state invece 490 (in diminuzione rispetto al periodo precedente) le aziende che hanno effettuato cessazioni di rapporti di lavoro, per un totale di 793 persone. Anche in questo caso le attività economiche che hanno proceduto a maggiori cessazioni sono gli alberghi (104 persone), ristoranti (67 persone), bar (26 persone). Ma anche scuole medie (28 persone) e supermercati (15 persone). Da rilevare, infine, che le aziende assumono soprattutto a tempo determinato (58,3% dei casi) ed a tempo indeterminato (30,6%).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: