Attualità

Messa a Valleggia per la giornata del migrante

Domenica prossima 27 settembre ricorre la 106ma Giornata mondiale del migrante e del
rifugiato sul tema, scelto dal Papa Francesco, “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire.
Accogliere, proteggere, promuovere e integrare gli sfollati interni”: la nostra diocesi la
celebrerà con la Messa presieduta dal vescovo Calogero Marino alle 15.30 sul campo
sportivo di via san Pietro a Valleggia. In caso di pioggia la celebrazione sarà annullata e
rimandata a data da destinarsi. Alcuni passi del messaggio di Papa Francesco sono esplicativi
per comprendere meglio la tematica scelta. “Alla luce dei tragici eventi che hanno segnato il
2020 estendo questo messaggio, dedicato agli sfollati interni, a tutti coloro che si sono trovati
a vivere e tuttora vivono esperienze di precarietà, di abbandono, di emarginazione e di rifiuto
a causa del Covid-19”. “Il forte interesse della comunità internazionale nella migrazione
forzata attraverso le frontiere ha, talvolta, distolto l’attenzione da chi è costretto a migrare
senza, tuttavia, lasciare il proprio paese, aumentando così la vulnerabilità degli sfollati
interni e il loro bisogno di tutela dei diritti umani e di assistenza umanitaria – commentano i
condirettori dell’Ufficio pastorale diocesano per le missioni e le migrazioni Davide
Carnemolla e don Michele Farina – un elevato numero di sfollati interni è spesso
intrappolato in situazioni disperate, nel mezzo di combattimenti o in aree remote e
inaccessibili, isolati da aiuti o soccorsi in caso di emergenza. Le persone potrebbero essere
costrette a vivere lontano dalle loro case per anni, privi dell’accesso all’educazione, alle loro
proprietà, al lavoro e al supporto che necessiterebbero per avere mezzi di sussistenza
sostenibili e una speranza per il loro futuro. Anche se sono spesso costretti a fuggire allo
stesso modo e per le medesime ragioni, gli sfollati interni non rientrano nel sistema di
protezione previsto dal diritto internazionale dei rifugiati”. L’Ufficio pastorale missioni e
migrazioni si è riunito più volte per organizzare la Giornata ma soprattutto per riprendere un
cammino che coinvolga le comunità cattoliche straniere presenti nel territorio nonché le
realtà missionarie e i vari gruppi di stranieri non rappresentati da una associazione. L’intento
è quello di riprovare a tessere le fila di una “rete della Mondialità”. Così i contatti con
l’Unione solidarietà ecuadoriani in Italia e con il suo presidente Antonio Garcia, con la
comunità indiana di rito siro-malabarese rappresentata da don Agi Chungan e con la
comunità ucraina cattolica di rito greco bizantino rappresentata da padre Vitaliy Tarasenko

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: