Cultura e Musica

Milly Coda in esposizione a Finale Ligure

L’Oratorio de’ Disciplinati nel Complesso Monumentale di S. Caterina ospita dal 17 giugno al 15 luglio 2012 la mostra di Milly Coda “Mari di Ieri Lidi del Domani”, proveniente dal Museo Galata del Mare di Genova , che nel 2011 ha ricordato i 50 di attività artistica della pittrice. Emilia Marasco scrive nel catalogo: “Il mare. Il paesaggio che Milly Coda ha attraversato in cinquant’anni di pittura – e di poesia – è il mare.

Le ragioni di un’attrazione inconscia e al tempo stesso di una scelta consapevole sono nella sua nascita e nella storia ligure, nella sua cultura classica, nella sua esperienza di donna, con le diverse stagioni dell’amore in tutte le sue declinazioni, vissuta in continua comunicazione con l’essere artista. I mari di Ieri, i lidi della poesia, i lidi del domani: dai paesaggi industriali di Vado e del Savonese ai bambini (.)…i bambini sull’orlo dell’acqua, di spalle, che guardano avanti e oltre e nel profondo, sono i bambini migranti, bambini in partenza o in arrivo, vicino alle donne con i fagotti delle cose salvate (.)”. E Maria Teresa Orengo scrive: “La pittura di Milly procede per strati che si sovrappongono, alcuni dettagli vengono coperti da altri in una sorte di horror vacui che trasforma lo spazio in un continuum di forme e linee.(.) La pittura che ne deriva, è raffinata, ricca di simbologie, idonea ad esplorare quella parte della coscienza umana che è a confine tra realtà e sogno”. .(.) “… Il protagonista è sempre il mare, quel mare che unisce e divide, e diventa il tramite tra presente e passato, tra reale e irreale….”
Milly Coda, artista di origine vadese, allieva del pittore Raffaele Collina, della scultrice Renata Cuneo e di Lino Berzoini, ha fatto parte del gruppo degli artisti della temperie savonese con De Salvo, Peluzzi, Rambaldi, Saccorotti ecc… Ha il suo esordio in una personale alla Galleria S. Andrea a Savona nel 1961, distinguendosi nel paesaggio, in particolare quello industriale e nella figura. Scrive Beringheli : “(.) Più recentemente l’artista, che è anche fine letterata, si è rapportata ad un recupero pacato degli aspetti della pittura simbolista, denunciando intenzioni oniriche ed
emblematiche(.)”.
La pittrice ha fatto parte degli artisti di Campoaperto, del “Padiglione Italia” in occasione della Biennale di Venezia, di Satura, della Nuova Promotrice, del Gruppo 177…
Ha partecipato a mostre collettive in Italia, Europa e altre città del mondo e ha esposto in una ventina di Mostre Personali. Vive a Genova dove svolge attività di arte e cultura . Ha ideato e curato mostre e cataloghi, ha collaborato in pubblicazioni e libri. Scrive e disegna favole. I suoi Azulejos in ceramica: la Via Crucis, le tre Croci dell’Altare, il Sacro Mandillo per la Croce e due vasi, sono esposti nella Cappella di S. Antonio dell’Argentario in Toscana.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: