#games&technology

Minecraft: il gioco a cubetti più popolare di sempre!

Bentornati su #games&technology, oggi si parla di Minecraft.

Minecraft gioco uscito nel lontano 2009  è oggi una pietra miliare dei videogiochi, riuscendo a diventare il gioco più venduto di sempre  superando addirittura “Tetris”.  E’ stato rilasciato praticamente per ogni console ma la prima release del gioco è stata su Pc.

Minecraft è un gioco sandbox (mondo aperto) con uno scenario quasi infinito dove si può costruire tutto quello che la propria creatività suggerisce.  Questo gioco è famoso anche per avere una grafica a blocchi che ha dato il via ad una serie di parodie e plagi dello stesso. La grafica di Minecraft è semplice ed efficace capace di attirare l’attenzione anche se non ha una grafica particolarmente realistica e spettacolare. 

Il gioco presenta due modalità principali: la modalità “creativa” e “sopravvivenza”. Nella modalità sopravvivenza verremo catapultati in un mondo sconosciuto nel quale dovremo sopravvivere raccogliendo oggetti e fabbricarne dei nuovi con le risorse ottenute.  Ad esempio all’inizio del gioco dovremo esplorare i vari territori per raccogliere del legno che ci servirà a costruire degli attrezzi che saranno successivamente  migliorati “farmando” (raccogliendo/coltivando) altri materiali quali pietre, ferro etc.  Grazie a questi miglioramenti sarà possibile andare nelle miniere alla ricerca di altri minerali che serviranno per fabbricare ulteriori oggetti.  Per poter sopravvivere in questi mondi, non bisogna dimenticarsi di consumare periodicamente del cibo che potremo procurarci cacciando animali selvatici, allevandoli costruendo vere e proprie “farm” (fattorie) oppure coltivando patate e grano per impastare il pane.  Per la notte, bisognerà allestire un rifugio che ci terrà al sicuro  da orde di zombie,  scheletri e altri mostri che si aggirano per il paesaggio. Lo scopo della modalità sopravvivenza oltre che sopravvivere , ottenere e migliorare gli equipaggiamenti,  è quello di andare nell’ “End”,  dimensione in cui è presente un drago che bisognerà sconfiggere per “finire” il gioco.

Il gioco in realtà non ha una “fine” perché dopo aver sconfitto il drago si può continuare a giocare per costruire edifici e creare vere e proprie città. Nella modalità creativa invece saremo immortali e avremo a disposizione tutti i blocchi fin da subito senza doverli ottenerli con il “crafting” (ricerca nelle miniere).

Minecraft supporta anche la modalità multiplayer che permette di giocare con amici oppure su server creati dagli utenti della rete.

Ad ottobre 2020,  inoltre,  è stato annunciato il “Cave Update”,  un aggiornamento che implementa e aggiunge migliorie alle caverne del gioco inserendo nuovi oggetti e nuovi mostri da affrontare.

 

 

Ogni appassionato di videogiochi dovrebbe provarlo almeno una volta! Se per la generazione precedente i capisaldi erano Tetris, Pong e Pac- Man,  per la nostra è  Minecraft!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: