Sport

Mondiali degli Sport Sferisterici: due bronzi per l’Italia

Due bronzi: questo il bilancio della Nazionale Azzurra ai Mondiali degli sport sferistici organizzati dalla Cijb svoltisi questa settimana a Franeker in Olanda. Due piazzamenti sul gradino più basso del podio e la conferma dell’Italia tra le più forti nel Gioco Internazionale. “Mi congratulo con la nostra Nazionale – ha detto il presidente Fipap, Enrico Costa – per aver onorato questo importante appuntamento conquistando due bronzi, nonostante il poco tempo che gli impegni di campionato lasciano alla preparazione nelle varie discipline. La partecipazione a queste manifestazioni viene annualmente riconosciuta dal Coni perché attribuisce un respiro internazionale alla nostra Federazione: la rassegna olandese ha infatti rappresentato un palcoscenico importante per promuovere la nostra realtà, che è giusto rimanga fortemente ancorata alla disciplina “principe” quale è la pallapugno, senza però rinunciare a nuove opportunità”.

La rassegna iridata ha evidenziato un livello tecnico sempre più alto, con nazioni emergenti come Ecuador, Colombia e Francia, nel llargues, denotando quanto sia sentito il confronto mondiale degli sport sferistici. Alla rassegna olandese, il team di Sergio Corino (che ha fatto ruotare tutti gli atleti a disposizione, Roberto Corino, Massimo Vacchetto, Bruno Campagno, Enrico Rinaldi, Matteo Levratto, Mariano Papone e Andrea Corino) inizia a mille nel Gioco Internazionale, vincendo il girone eliminatorio grazie alle vittorie su Olanda, Colombia e Uruguay. In semifinale l’Italia (con Roberto Corino, Massimo Vacchetto, Bruno Campagno, Mariano Papone, Andrea Corino ed Enrico Rinaldi) affronta il Belgio: partita molto equilibrata, con le due formazioni in perfettà parità fino al 4-4. Nel finale di gara, però, il Belgio trova il rush vincente e chiude vittorioso 6-4. Nella finale per il terzo posto, Italia batte poi la Spagna nettamente per 6-3. Terzo posto anche per la squadra femminile dell’Italia nella specialità ‘tradizionale’ olandese, il kaatsen. In campo Giulia Tedesco, Martina Garbarino e Marta Mascarello: dopo aver chiuso il girone di qualificazione con due sconfitte ed una vittoria, l’Italia conquista il bronzo superando nella finale per il terzo posto per 6-1 l’Inghilterra. Oro invece per la padrone di casa dell’Olanda, davanti alla Spagna. Ecco come è andata invece nelle altre specialità: nell’one wall maschile, con Campagno e Rinaldi in campo, l’Italia esce a testa alta nel girone di qualificazione, con una sconfitta al terzo set con l’Olanda, una vittoria contro il Venezuela in soli due set, ed un ko con il favorito Messico, che giungerà poi secondo perdendo la finale con il Portorico. Nel kaatsen maschile, Italia eliminata nella fase di qualificazione, con la medaglia d’oro assegnata all’Olanda padrona di casa (6-0 in finale contro il Belgio). Nel llargues, vince il titolo l’Olanda, mentre gli Azzurri (con Giovanni Ranoisio, Enrico Rinaldi, Andrea Corino, Mariano Papone e Giorgio Vacchetto) giungono terzi nella classifica del girone eliminatorio dietro a Spagna ed Ecuador (battuta invece l’Argentina). Nell’One wall femminile, l’Italia si arrende nella fase eliminatoria, anche se rimane la soddisfazione per la vittoria contro l’Inghilterra. L’oro va invece al Portorico che batte in finale l’Olanda (vincitrice nella classifica generale della manifestazione). Prossimo appuntamento nel 2014 con i Mondiali in Argentina. Doveroso un ringraziamento agli sponsor Camozzi Group, Araldica Vini e Banca d’Alba, nonché al Comune di Monticello ed alla società Monticellese per la disponibilità del campo e logistica nei mesi di preparazione della Nazionale.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: