Cronaca

Monsignor Lupi:“Lo Spirito ci sprona a cambiare”

Ascolto, anzitutto: “Ascoltare i reali disagi delle persone, prendere sul serio le domande profonde che salgono dal basso, senza minimizzare i problemi. Lo Spirito ci parla attraverso le domande esplicite e implicite della gente. Anche noi siamo chiamati a fare la nostra parte, non cedendo alla tentazione di ritirarci nelle sacrestie o di rifugiarsi negli spiritualismi”.

Poi, disponibilità al cambiamento: “Lo Spirito ci sprona a cambiare, come sono cambiati gli apostoli, come è cambiato Pietro. Credo che questa sia la direzione da seguire: l’unità, la carità vissuta a livello non solo personale e comunitario, ma anche a livello di strutture ecclesiali: uffici diocesani, parrocchie, istituti religiosi, movimenti, confraternite, e che si esprime in forme di collaborazione, accoglienza, condivisione, partecipazione, dialogo, consapevoli di fare tutti parte di una sola grande famiglia”. Questo l’appello conclusivo che il vescovo ha rivolto alla diocesi a conclusione della sua riflessione durante la veglia di Pentecoste di ieri sera, per la prima volta itinerante e iniziata all’aperto, in due luoghi simbolici della città, e conclusa in Cattedrale. “Cammino che ci cambia” era il titolo dell’inedita iniziativa e        questo tema è stato ricorrente nell’omelia di monsignor Vittorio Lupi che si è conclusa con un richiamo al “coraggio evangelico”. Ecco l’omelia del vescovo.Questa Veglia ci prepara a vivere la venuta dello Spirito Santo, con la consapevolezza che non si tratta solo di un anniversario di quanto è accaduto duemila anni fa, ma ci fa rivivere quell’evento con lo stesso Spirito, con la stessa grazia, la stessa opportunità che hanno avuto allora gli apostoli.

Lo Spirito è Colui che rende Gesù nostro contemporaneo, che ce ne fa ricevere l’azione e i benefici esattamente come avveniva allora in Palestina, è Colui che rende viva e palpitante la Parola, in modo che anche noi, ascoltandola, possiamo dire come già gli ebrei allora: “Nessuno ha mai parlato come quest’uomo”.

E’ Colui che fa della Chiesa,  non un organismo internazionale ben strutturato, ma un organismo vivente, il Corpo di Cristo.

Lo Spirito che soffia dove vuole soffia questa sera anche qui da noi: ci aiuta a guardare al cammino che abbiamo fatto quest’anno con occhio di chi vuole capire non se abbiamo avuto successo, non per gloriarci delle nostre realizzazioni, per dirci “come siamo bravi”, non per piangerci addosso se qualcosa non è andato come volevamo, se dobbiamo costatare ed ammettere la nostra debolezza e i nostri limiti, ma per capire, capire se ci siamo impegnati con retta intenzione, con spirito di fede, con attenzione alla Parola di Dio e al soffio dello Spirito che ce la fa comprendere nel vivo della nostra vita, in mezzo agli avvenimenti e alle circostanze in cui viviamo.

Capire se siamo stati capaci di fare un cammino comune, di Chiesa, oppure se abbiamo preferito strade più facili, più comode, magari già da noi praticate e quindi meno bisognose di attenzione a quanto lo Spirito ci suggerisce, perché già conosciute, se abbiamo seguito le piste che ci erano più congeniali, più personali, più secondo le nostre propensioni, esonerandoci dallo sforzo di camminare insieme.

Se ci siamo impegnati molto in quello che avevamo programmato noi, studiato noi, realizzato noi, e molto meno in quello che era stato studiato da altri, programmato da altri, realizzato da altri, anche se di interesse comune.

Vogliamo starcene indifesi davanti allo Spirito, capaci di accoglierne le suggestioni, di coglierne i dolci rimproveri che ci sussurra nel segreto del nostro cuore, gli stimoli a cambiare, gli aiuti ad essere e vivere con entusiasmo la realtà più bella ed esaltante che Egli stesso ha messo in atto: essere Chiesa.

Pietro era stato, dopo Giuda, l’apostolo che più di tutti aveva dimostrato la debolezza dell’uomo di fronte al pericolo, eppure a Pentecoste lo Spirito spinge proprio lui a prendere la parola.

Lo Spirito parlava attraverso Pietro quel mattino, ma lo stesso Spirito agiva sul cuore di coloro che ascoltavano e che, al discorso di Pietro “si sentivano il cuore compunto” e chiedevano: che cosa dobbiamo fare?

Lo Spirito parla questa sera attraverso la lettura che abbiamo ascoltato e attraverso le mie povere parole, ma lo stesso Spirito parla al vostro cuore, e agisce su ciascuno per aiutarci a realizzare quella che, al di là delle vocazioni personali, è la vocazione comune di tutti noi: essere Chiesa.

Il brano che abbiamo ascoltato è magistrale, ci fa vedere che è Lui a dirigere la Chiesa, al di là dei limiti, della paure, delle aspirazioni, delle debolezze, delle visioni limitate, delle chiusure degli uomini, che è Lui a prevenire le situazioni e illuminare circa la via da seguire.

Ci dice infatti che “Dio non fa preferenze di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia” il centurione romano Cornelio è un uomo pio e caritatevole, timorato di Dio.  Il termine “timorato di Dio” è tecnico ed è riferito a persone pagane che, venute a contatto con la religione ebraica ne erano conquistati e cercavano di seguire la legge. I timorati di Dio tuttavia nel modo più assoluto, non erano considerati appartenenti alla fede ebraica, ma un po’ come degli aggregati esterni e separati, perché non circoncisi.

La prima comunità cristiana era composta solo da ebrei, tutti circoncisi, per cui all’inizio il problema non si era posto.

Lo Spirito agisce su Cornelio e su Pietro e li porta a fare quello che né Pietro, né qualunque altro apostolo avrebbe avuto il coraggio di fare: andare contro la legge di Mosé e accogliere dei non circoncisi.

Qui è lo Spirito che, come ha spalancato le porte sprangate del cenacolo, facendo uscire gli apostoli allo scoperto, così ha ora spalancato le porte della Chiesa aprendola a tutti i popoli.

Che nessuno avrebbe avuto il coraggio di spalancare queste porte e meno che mai Pietro è dimostrato anche dal fatto che appena Pietro torna in Gerusalemme viene subito rimproverato: “Sei entrato in casa di uomini non circoncisi e hai mangiato insieme con loro!”. Accusa pesante come un macigno rivolta al capo della Chiesa, accusandolo di una grave mancanza alla legge di Mosè.

In casa di Cornelio Pietro, liberato dalle paure sue personali di andare contro la legge, liberato dalla paura delle critiche da parte dei confratelli, dà il primo annuncio, il kerigma, e dona la sua testimonianza personale “abbiamo mangiato e bevuto con Lui dopo la sua risurrezione dai morti”  e lì ha una delle consolazioni più grandi: vede e constata in quelle persone pagane gli stessi effetti della effusione dello Spirito avvenuti negli apostoli.

Lo Spirito Santo ha abituato Pietro ad essere attento osservatore dei segni che Egli diffonde ovunque, lo ha allenato a riconoscerli e lo spinge a leggerli e ad accoglierli, anche se questo può comportare problemi, o incomprensioni da parte della sua comunità.

L’attenzione alla voce dello Spirito è quanto ha condotto avanti la storia della Chiesa: non sono state le grandi organizzazioni, le azioni internazionali, i grandi interventi, ma delle umili persone che hanno seguito la voce dello Spirito: Francesco di Assisi, Caterina da Siena, Ignazio di Loyola, Don Bosco, Madre Teresa e nella nostra diocesi: il Beato Ottaviano, Giacomo da Varazze, Santa Maria Giuseppa Rossello, e vicino a noi Chiara Luce Badano.

Persone che hanno saputo guardare agli avvenimenti belli e meno belli, dolorosi, o difficoltosi, e hanno saputo viverli in assoluta fedeltà allo Spirito che attraverso quegli avvenimenti suggeriva loro gli atteggiamenti e gli impegni da avere in coerenza con il Vangelo.

Anche noi oggi viviamo in un contesto in cui lo Spirito ha qualcosa da dirci: i nostri tempi sono difficili, ma vorrei capire se mai ci sono stati tempi facili.

Già i romani dicevano “Mala tempora currunt”. E’ vero, le difficoltà che viviamo a livello materiale, sociale, morale e spirituale non incoraggiano molti alla speranza.

S. Agostino, in tempi sicuramente non migliori dei nostri, spronava i cristiani: “Se i tempi sono cattivi, vivete bene e li cambierete”.

Vivere bene, che cosa vuol dire? Desiderare il bene, promuoverlo, incarnarlo con passione umana e con una convinzione di fede.

Lo si dice da tanto: la crisi del nostro tempo è soprattutto spirituale, è crisi di fede, così che gli uomini non sanno più vivere, né si preoccupano di insegnare ai giovani, in modo vitale e testimoniale, l’arte di vivere il bene comune.

Ma è questo il tempo che il Signore ci ha dato di vivere, queste le difficoltà del nostro tempo. Non evadiamo dalle nostre responsabilità rimpiangendo altri tempi che, solo perché passati ci appaiono migliori: da quei tempi “migliori” è arrivata questa situazione di difficoltà economiche, sociali, culturali e nella fede, quindi non erano poi tanto migliori.

E se risponderemo alla grazia dello Spirito Santo che ci giuda in questi frangenti, questi potranno essere tempi meravigliosi per una nuova evangelizzazione, per una ri-umanizzazione del nostro tempo fondata sulla fedeltà evangelica e sul realismo cristiano.

Ci dice il Papa: La Chiesa ha bisogno di un rinnovamento: prima che strutturale, urge un rinnovamento del cuore, dell’anima della Chiesa. Solo attraverso uomini interiormente “toccati” da Dio, Dio potrà far ritorno nella storia.

Ridiamo alla Chiesa, oggi tanto osteggiata e provata dall’esterno e dall’interno, la sua credibilità attraverso una autentica “conversione a Dio”, attraverso la nostra fedeltà alla vita evangelica, un nuovo amore per la vita soprannaturale, ad una riscoperta della familiarità con Dio attraverso una vita di preghiera, di sacrificio fatto con gioia ed entusiasmo, di assoluta dedizione alla causa di Dio.

In tempi più difficoltosi dei nostri per la Chiesa un San Francesco non ha contestato, non ha cercato di convertire ecclesiastici, o laici, ha cercato solo di convertire se stesso e di vivere fino in fondo il Vangelo.

Questa sua testimonianza ha provocato un movimento di persone, un ripensamento della propria vita, una conversione che ha riformato la Chiesa dandole impulso nuovo.

Solo con la nostra conversione personale e comunitaria potremo fermare quella corsa alla secolarizzazione che è in atto nella nostra società, non per non perdere terreno nella vita sociale, ma perché l’eclissi di Dio nella storia ha sempre provocato una eclissi dell’uomo e del suo futuro di giustizia e di pace.

Mi pare di poter affermare senza trionfalismi e compiacimenti (non è proprio il caso) e con la consapevolezza dei nostri limiti e di tutto quello che ancora rimane da fare, che qualche passo insieme abbiamo cercato di farlo. Ne sono stati testimoni coloro che lungo le due processioni hanno presentato alcune attività. Siamo consapevoli che sono piccoli passi, ma sono l’inizio di un cammino fatto insieme e questo avverbio è importante più delle cose realizzate.

Le cinque esperienze presentate questa sera non sono le uniche, ma sono emblematiche di quanto cerchiamo di fare in alcuni ambiti, altre ce ne sono ed esprimono il lavoro che, forse con fatica, ma anche con impegno, gioia e soddisfazione viene effettuato:

è stata presentata l’esperienza di Libera: in cui molti nostri giovani hanno espresso il loro impegno di cittadini e di cristiani per la conoscenza dei meccanismi delle organizzazioni criminali e per la costruzione di una cultura della legalità che diventi mentalità comune.

E’ importante che questa non rimanga un’esperienza per i giovani soltanto, ma che tutti impariamo ad avere sempre, in ogni circostanza, atteggiamenti rispettosi della legalità.

È stata poi presentata la bella esperienza della festa della famiglia, vissuta tra famiglie di varie culture e religioni, in un clima sereno, con un dialogo aperto.

Hanno dato la loro disponibilità, associazioni o gruppi di volontariato che operano nel campo della famiglia, facendosi conoscere con i loro progetti e stili di vita.

Il grande gioco ha coinvolto i bambini; ed era bello vedere a loro agio famiglie di tutte le culture stare semplicemente e gioiosamente insieme.

Si è dedicato un momento di confronto interreligioso, sulla famiglia nelle diverse religioni; sono state coinvolte le rappresentanze della comunità ebraica, ortodossa, islamica, evangelica metodista e cattolica con testimonianze di vita.

Interessante anche la testimonianza di tre piccoli gruppi di adolescenti di San Lorenzo, Celle e Albisola Superiore che, prima separati fra loro e con pochi contatti in seguito alla partecipazione alla preghiera diocesana per i giovani, hanno iniziato anche una proficua collaborazione loro rinforzando i loro cammini e sperimentando una vita di Chiesa più grande.

Anche la testimonianza di “Opening Soon” è stata valida: un cammino iniziato quest’anno dedicato ai giovani maggiorenni, un arco di età importante. Il tema è stato quello della ricerca sulla verità, un tema difficile ma che prima o poi va affrontato nella vita. La partecipazione, pur limitata agli incontri, ha tuttavia aiutato i partecipanti a porsi le domande fondamentali della vita.

C’è stata infine la testimonianza sulla Vicaria di Vado: che si è confrontata sui tre percorsi del programma pastorale diocesano.

Tre punti sono stati messi in evidenza: la collaborazione tra parrocchie, la corresponsabilità tra i sacerdoti e i laici e l’acquisizione di uno ” stile di vicaria”.

Tutte la Vicarie hanno effettuato un lavoro, ma alcune difficoltà obiettive non hanno permesso a tutti di realizzare un buon lavoro condiviso, per alcune c’è la difficoltà della dislocazione territoriale che non favorisce la partecipazione e che ha zone con problematiche diverse, ma è una difficoltà che con la buona volontà si può superare; per tutte il recente cambio di diversi parroci ha comportato la difficoltà per chi è appena arrivato, di programmare un lavoro sia a livello parrocchiale, che a livello vicariale.

Il nostro lavoro ci impegna in un atteggiamento di ascolto. Ascoltare i reali disagi delle persone, prendere sul serio le domande profonde che salgono dal basso, senza minimizzare i problemi.

Lo Spirito ci parla attraverso le domande esplicite e implicite della gente. Anche noi siamo chiamati a fare la nostra parte, non cedendo alla tentazione di ritirarci nelle sacrestie o di rifugiarsi negli spiritualismi; lo Spirito spalanca le porte chiuse del nostro quieto vivere, delle nostre titubanze, delle nostre timidezze.

Lo Spirito ci sprona a cambiare, come sono cambiati gli apostoli, come è cambiato Pietro.

Credo che questa sia la direzione da seguire: l’unità, la carità vissuta a livello non solo personale e comunitario, ma anche a livello di strutture ecclesiali: uffici diocesani, parrocchie, istituti religiosi, movimenti, confraternite, e che si esprime in forme di collaborazione, accoglienza, condivisione, partecipazione, dialogo, consapevoli di fare tutti parte di una sola grande famiglia.

Il cambiamento che dobbiamo fare sulla spinta dello Spirito è all’interno in una coesione sempre più stretta e all’esterno in una apertura a tutte le sollecitazioni da accogliere alla sua luce, con coraggio evangelico.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: