Cronaca

Murialdo: ok al progetto per rimuovere la frana

La giunta provinciale di Savona ha approvato il progetto definitivo per il consolidamento e la messa in sicurezza del versante franato a fine 2010 lungo la strada provinciale tra Millesimo e Calizzano, in località Isolagrande di Murialdo. La frana ha interessato la sede stradale al km 14,800, interrompendo i collegamenti tra il comprensorio di Calizzano – Bardineto e la bassa Valle Bormida. La strada è stata completamente invasa (il materiale franato è stimato complessivamente in 40 mila metri cubi) con parziale crollo del muro di sostegno della carreggiata, mentre parte del costone staccato dal versante è finito nell’alveo del sottostante fiume Bormida.

Il collegamento è stato nei mesi successivi ripristinato attraverso la costruzione di un by-pass temporaneo (con ponte Bailey) in sponda sinistra della Bormida e una spesa di 565 mila euro. Nel frattempo sono state avviate le procedure per la rimozione della frana sul tracciato della provinciale e la messa in sicurezza del versante a monte della sede stradale. Lo società SGG di Restagno e Triboli, di Savona, è stata incaricata di effettuare una campagna geognostica e di prove e studi geologici finalizzata alla stesura della relazione geologica esecutiva, mentre all’ing. Marcello Macciò, dello studio tecnico associato Progeos di Millesimo, è stata affidata la progettazione preliminare e definitiva dell’intervento. Contestualmente ai lavori necessari per garantire la sicurezza della circolazione veicolare, sarà completamente ripristinata la sezione idraulica del fiume Bormida attraverso la rimozione del materiale franato ancora presente nell’alveo. Una volta completati gli interventi di messa in sicurezza, si potrà procedere alla riapertura, eventualmente a senso unico alternato della circolazione sulla provinciale. Anche perché il ripristino completo della viabilità è subordinato all’esecuzione di ulteriori interventi sia sul lato di Millesimo sia su quello di Calizzano. La soluzione tecnica proposta comporta opere in cemento armato e opere speciali per il sostegno della strada, abbinate a tecnologie più avanzate (reti metalliche ad alta resistenza e tiranti in barra d’acciaio) per il sostegno del versante a monte. L’importo dell’intervento è stimato in 2 milioni 480 mila euro, di cui 1.776.000 per lavori e 704 mila costituiti da somme a disposizione.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: