Cultura e Musica

Museo dedicato a Santa Maria Giuseppa Rossello

di Sonia Pedalino.
La Collezione di arte sacra contemporanea “Santa Rossello” situata in via Chiassuolo Rossello 11, a Savona, venne inaugurata il 24 giugno 2011 in occasione del 200° anniversario della nascita di santa Maria Giuseppa Rossello (1811-1880). L’idea dell’Associazione, savonese no profit, Renzo Aiolfi di creare questo museo è nata dal ricordare il fatto, poco noto ancora oggi, che Santa Maria Giuseppa Rossello è stata proclamata nel 1989, patrona dei figuli e ceramisti liguri, oltre che per la modernità del suo pensiero, all’avanguardia per l’epoca in cui visse. “Santa Maria Giuseppa Rossello era figlia di un vasaio di Albissola Marina la cui casa era ubicata in uno degli edifici più antichi in pozzo Garitta, e , da bambina creava con l’argilla piccole figure del presepe, coi rimasugli di scarto della lavorazione paterna- esordisce Silvia Bottaro presidente dell’Associazione Renzo
Aiolfi- Benedetta ( questo il suo nome prima di prendere i voti) era una donna forte e coraggiosa, capace di leggere i segni del suo tempo e mise tutte le sue energie al servizio di Dio e degli ultimi; in particolare tolse dalla strada molte ragazze di colore e diede loro un’istruzione. Quindi lo scopo della collezione d’arte è bivalente, da un lato rendere omaggio alla figura e all’apostolato della Santa , dall’altro scrivere per immagini i fatti salienti e le emozioni che una vita da santa può aggiungere alla nostra nel suo svolgersi quotidiano ricercando la modernità degli atti e dei valori”. Devota alla Madre di Misericordia e a san Giuseppe fondò la congregazione delle figlie di N.S. di Misericordia che operano ancora oggi, non solo in Italia, ma in tutto il mondo attraverso le attività delle scuole e delle missioni. “Cuore a Dio e mani al lavoro” era il suo motto ed è per celebrare una tale figura così importante che nacque il museo, ma prima ancora di avere una sede stabile le opere create hanno fatto parte di una mostra itinerante. “A partire dal 2006 come Associazione avevamo chiesto ad artisti, sia ceramisti che pittori, delle quattro province liguri di creare un’opera per ricordare la Santa e il suo operato-riprende Silvia Bottaro- prima di approdare in sede definitiva in via Chiassuolo nello studio che era stato dello scultore savonese Antonio Brilla, ne è nata una mostra con nomi importanti a livello nazionale, quali Nani Tedeschi, Maria Giulia Drago, Giorgio Laveri, Bruno Gorgone, Arturo Santillo e altri. La collezione nel 2006 fu esposta nella Cappella Sistina di Savona, poi passò nel museo di Arte Contemporanea di Albissola Marina; nel 2007 al museo l’Agostiniana di piazza del Popolo a Roma , nel chiostro di santa Caterina a Finale, per giungere alla biblioteca Berio di Genova, e al Castello del Carretto di Millesimo fino ad arrivare nel 2011 alla sede definitiva, nello studio dello scultore Antonio Brilla. – prosegue- Questa sede in via Chiassuolo di proprietà delle Figlie di N.S. di Misericordia conta di tre sale che l’associazione Aiolfi fece restaurare per adattarle a museo, dove oltre al catalogo tradizionale è presente, unico nel suo genere, un catalogo in braille per non
vedenti e ipovendenti realizzato grazie alla collaborazione con l’Unione Italiana ciechi e ipovedenti onlus, sezione provinciale di Savona. Nel corso di questi anni come Associazione abbiamo accompagnato a conoscere il museo numerose scuole di Savona e zone limitrofe e organizzato incontri tra gli artisti presenti e il pubblico,
riscuotendo grande successo. La mostra è visitabile su richiesta e volendo si può accedere anche agli appartamenti della Santa situati nell’adiacente convento. – conclude Silvia Bottaro- Nel 2011 era nato anche un concorso sulla figura della Rossello rivolto alle scuole elementari e medie i cui lavori furono esposti a palazzo
Santa Chiara. La collezione d’arte sacra contemporanea, è stata inserita nel circuito Nazionale dei Musei della Ceramica, su iniziativa dei Comuni italiani della Ceramica e del Museo Internazionale di Faenza con il quale la nostra Associazione è gemellata.” Un altro tassello importante per questo piccolo gioiello nel cuore di
Savona. Il museo contava inizialmente 34 opere, nel corso del tempo si sono aggiunti lavori di nomi importanti, quali Carlo Giusto, Alfredo Gioventù, Ylli Plaka, Renata Minuto. Di quest’ultima è presente il bozzetto dell’opera che l’artista savonese ha creato per i giardini Vaticani, che raffigura la Madonna di Misericordia.
Per visitare il museo si può contattare l’Associazione Aiolfi: al numero 3356762773 o alla mail: ass.aiolfi@yahoo.it; ass-aiolfi@libero.it

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: