Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

#Needyou project: ecco il messaggio di presentazione

I nostri due avventurieri si apprestano ad intraprendere il loro viaggio, ecco il loro “manifesto”:

“Siamo due studenti universitari che ormai da otto mesi stanno portando avanti un progetto che sta per trovare la sua vera e propria realizzazione pratica. Il progetto si chiama #NEEDYOU Project e si sviluppa in ambito socio-economico contemporaneo, cercando di aumentare l’interazione sociale e la collaborazione tra gli uomini.
Ci rivogliamo alle persone promuovendo uno stile di vita che si basa sull’aiuto incondizionato o reciproco e sulla fiducia verso il prossimo. Attuando l’”Economia del Bisogno”, forma economica basata sulla cooperazione incondizionata fra individui volta a raggiungere il soddisfacimento di uno più bisogni di uno più soggetti, senza alcun utilizzo di denaro, baratto, credito, schiavismo o ricompensa.
Il nostro intento è quello di compiere un viaggio, toccando più parti d’Italia, utilizzando come mezzo di trasporto la bicicletta e, per spostamenti più lunghi, i mezzi pubblici. Cercando giorno per giorno ospitalità, vitto, idee, conoscenze, condividendo ciò che noi possiamo mettere a disposizione e le nostre competenze.
All’interno di questo viaggio svolgeremo uno studio, strutturato con metodo scientifico, proposto alle persone attraverso un questionario, i dati verranno poi raccolti ed elaborati. Oltre al questionario, principale strumento di analisi, utilizzeremo altri metodi di indagine come ad esempio l’intervista.
L’obbiettivo a lungo termine del progetto, visto su scala globale, è quello di soddisfare i bisogni di tutti, rendendoli parte di una comunità globale in cui le persone si aiutano a vicenda e tendono ad accrescere il benessere dell’intera umanità nel rispetto di tutti i popoli e del pianeta stesso.
#NEEDYOU Project si presenta come una proposta innovativa di sharing economy che, oltre a favorire uno sviluppo collaborativo della società, può essere considerata un buon metodo per ridurre gli sprechi materiali, utilizzare al meglio le risorse e aumentare così il rispetto ambientale.
Abbiamo sviluppato la nostra idea curandola personalmente in ogni suo aspetto”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: