Varie

Nel giorno del mio compleanno…lettera a un figlio mai nato

In questo giorno un po’ così, che considerò più scrigno da custodire che regalo da festeggiare, mi rivolgo a te, figlio carissimo mai nato, perché insieme possiamo aiutarci a comprendere quello che siamo stati e che diventeremo, sempre considerando quel quid di imprevedibile che ogni esistenza immancabilmente ci riserva.  Così inizio col dirti che ogni nascita è certamente un regalo, perché è regalo la vita stessa, ma anche l’incipit di aspettative e atto di responsabilità.. Poi man mano che passano gli anni e diventiamo giovani e inquieti, ci viviamo come trottole che girano vorticosamente su se stesse: ci accendiamo di passioni, desideriamo l’impossibile, talvolta ci sentiamo al centro del mondo, come se tutto, nel fiore dei nostri anni, ci fosse dovuto e non invece meta di conquista. Rivedo in te, seppure adombrato da momenti di cupezza, lo stesso mio afflato un po’onnipotente, la facilità di innamorarsi, la passione politica, quel lasciarsi andare senza troppe domande che impreziosiva la mia immaturità. Poi d’improvviso è come se tutto cambiasse: alla stagione dell'”infinito”, subentrano orizzonti più ristretti: quelli delle scelte e delle responsabilità. Realizzi che ogni scelta, per quanto sentita, ci depriva di quel senso di libertà nel mare di un’individualità tranquilla, che non reclamava altro che di conquistare se stessa.  E così ti accorgerai che in quel “mare” incontaminato,  spunteranno i primi scogli che pur dovrai affrontare.  Quegli scogli avranno nomi diversi, potranno chiamarsi ” gli altri”, la società, le ambizioni e le aspettative, le donne ( che legittimamente ti chiederanno di essere una volta per tutte declinate al singolare).  E dopo? Ma sì, come saranno i trenta e quarant’anni, sento mi domandi con preoccupazione? Tranquillo, godranno senz’altro di una stella polare. Quella stella sarà ancora l'”Io” e le sue ambizioni, che naturalmente tendiamo a soddisfare. Croce e delizia, questo benedetto “Io”:  perché essere uomini è incompletezza e questo “Ego” lungi dall’essere pacificato, potrà invece darti filo da torcere e scalciare come un ostile purosangue. Ma lo dovrai comunque cavalcare,  attraverso praterie che ( non voglio spaventarti) saranno sì allietate da gioie, ma anche insidiate da torvi alberi di delusioni ed amarezze.  E dunque? Dovrai allora scendere da quel cavallo e gettare la spugna?  Assolutamente no, continuerai a stare in sella e gestirai con sapienza quell’equino divenuto così imprevedibile. Severo con lui, ne stringerai le briglia, lo renderai finalmente consapevole, cosciente dei suoi limiti e delle sue qualità.  Certo, potrai essere costretto a cambiare percorso, incontrare nuovi compagni di viaggio e abbandonare quelli vecchi, sui quali non ti sentirai più di investire per le troppe delusioni e ferite che hanno lasciato nel tuo cammino.  “E con quale bussola, con quale fede affronterò questi rivolgimenti?”, mi risuona ancora la tua voce. Ti rispondo. Abbandonando a un certo punto il cavallo stesso, disarcionandoti e ridimensionandolo quell'”Io” che talvolta ti avrà pure aiutato, ma è stato al contempo anche fonte originaria di tutte le afflizioni. Così continuerai il tuo viaggio dentro la vita a piedi, ispirato alle più benefiche bussole dell’altruismo e della coscienziosità: affaticato certo, ma alla fin fine più sereno e appagato, rispetto alla vacuità delle tante aspettative e del bisogno continuo di auto-gratificarti.
Questo, figlio caro mai nato, mi sentivo di scriverti, in un giorno particolare, nel giorno agrodolce del mio compleanno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: