Attualità

Non basta il “Coronavirus “a sconvolgere l’Italia: anche la rivolta nelle carceri evidenzia l’immagine di una nazione che va a rotoli!

DI CARLO COLLA
In piena emergenza “Coronavirus” quanto recentemente successo nelle case circondariali italiane è fatto
estremamente negativo che dovebbe farci riflettere per poi prendere delle decisioni irrevocabili e drastiche. Facciamo pure tranquillamente la premessa che nelle carceri italiane si vive male perchè queste sono piene all’inverosimile, costringendo la polizia penitenziaria ad un superlavoro e ad assumersi sempre maggiori responsabilità. La prima domanda è quella del perchè lo Stato non adibisce a carceri le moltissime caserme che hanno chiuso i battenti a causa della sciagurata decisione di “sospendere” il servizio militare obbligatorio? Dette caserme, con opportune modifiche, potrebbero ospitare migliaia di detenuti anzichè tenerli come acciughe. Sappiamo anche che l’unica forma di contatto che i detenuti hanno con il mondo esterno è quello del dialogo con i parenti e con gli incontri con gli stessi nell’ambitio della settimana. La sospensione di questi incontri con i propri parenti ha suscitato la illogica protesta dei detenuti che hanno colto l’occasione per abbandonarsi ad ogni sorta di squallidi comportamenti rompendo, bruciando e mettendo a ferro e fuoco le carceri che li ospitano. Danni per centinaia di milioni di euro che pagheranno i cittadini italiani, dal momento che “non credo proprio” che lo Stato farà rivalsa sui detenuti e sulle loro famiglie che hanno contribuito in modo decisivo a questa rivolta che, come il Coronavirus, si è propagata da un carcere all’altro in tutta Italia. Non solo i detenuti non hanno mostrato nessuna collaborazione, ma hanno approfittato di questo enorme disagio italiano per fare ulteriori gravissimi danni dimostrando così di meritare ampiamente il luogo ove si trovano. Perche rompere, spaccare e bruciare tutto, perchè prendere in ostaggio e picchiare le guardie carcerarie? Perchè i parenti dei detenuti si sono scagliati contro le forze dell’ordine? La domanda che io e molti cittadini si pongono è quella relativa a chi pagherà questi danni e, soprattutto, che provvedimenti saranno presi? La polizia penitenziaria, peraltro già ridotta in numero di uomini, si è trovata di fronte a situazioni incredibili, comprendendo di essere non difesa e non protetta dalle istituzioni. Ma tutti quanti ci chiediamo il perchè di tali rivolte che non si è riusciti a sedare dall’inizio. Dal carcere di una città del meridione sono scappati più di 70 detenuti uscendo dalla porta principale come tanti operai che uscivano dalla fabbrica dopo il turno di lavoro! Ma, come è possibile che tale porta sia stata aperta? Non c’era un corpo di guardia a sorvegliare? Ma il direttore o la direttrice del carcere dov’era mentre all’interno del carcere avveniva l’inferno e mentre i detenuti riuscivano a scappare per la strada rubando le auto ai passanti e dileguandosi fra la gente? Non è forse compito e dovere del direttore della casa circondariale garantire la sicuerzza del carcere stesso e, soprattutto, quella delle guardie carcerarie? Qualcuno ne dovrà pur rispondere. Certamente questi direttori saranno promossi a incarichi superiori! Eppoi il Governo si renda finalmente conto delle condizioni pessime di lavoro in cui la polizia penitenziaria è cosrtetta a lavorare. Perchè non vengono fatte nuove assunzioni? Perchè non si decide di inviare anche reparti speciali dell’esercito a sostegno della poolizia penitenziaria? E, intanto, che venga fatto un decreto urgente che imponga di pagare le spese dei danni fatti alle famiglie ed ai detenuti: troppo comodo fare danni le cui spese dovrebbero essere pagate dallo Stato, ovvero da noi tutti che poi il problema del sovrappopolamento all’interno delle carceri italiane esiste, è vero e lo abbiamo già detto! Si può migliorare tutto ricordandoci però che le carceri non sono un Grand Hotel e non un luogo ove vivere bene! Certamente è il problema della “giustizia ” che in Italia va rivisto tutto. Ma di questo se ne potrà parlare dopo la vittoria contro il “Coronavirus”: guerra che, attenzione, si rischia anche di perdere!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: