lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Nuova importante tappa per l’agricoltura ligure

Nuova importante tappa per l’agricoltura ligure

Una rappresentanza della nostra Regione in partenza per la fiera di Berlino

Dopo che la nostra regione, nel Ponente, era stata scelta dalle più importanti organizzazioni agricole europee come sede del “Winter Meeting” del florovivaismo, una significativa rappresentanza dell’agricoltura ligure è in partenza per “Fruit Logistica”, la fiera ortofrutticola più importante al mondo, che si tiene a Berlino e che, in questo anno 2020, è programmata per i giorni dal 5 al 7 febbraio; è la prima volta che la Liguria partecipa a questo evento e vi si prepara in forze, sotto la guida dell’Amministrazione regionale, con la partecipazione della Cooperativa ” L’Ortofrutticola” di Albenga, di varie associazioni ed aziende di settore, delle autorità portuali di Savona, Genova, La Spezia.
Il progetto è stato presentato, nella sala delle assemblee della Cooperativa “L’Ortofrutticola”, intitolata allo storico direttore Matteo “Uccio” Gallinaro, nella sede di Regione Massaretti a Bastia d’Albenga, il giorno 8 gennaio, dall’ Assessore regionale all’agricoltura, Stefano Mai, da Luca De Michelis, presidente del Distretto Florovivaistico della Liguria,da Giovanni Vassallo, presidente SGM (Società Gestione Mercato), da Gianni Ratto, in rappresentanza di Confcommercio International.
La Presidente della Cooperativa “L’Ortofrutticola” di Albenga, Lara Ravera, ha illustrato brevemente la storia del sodalizio fra agricoltori, giunto al settantanovesimo anno. “593 soci che hanno letteralmente inventato un’economia. Un’offerta che ha saputo cambiare e rinnovarsi costantemente negli anni e che vede oggi nelle aromatiche il suo prodotto di riferimento, soprattutto per quanto riguarda la Piana Ingauna. Siamo fieri di presentare questa forte coalizione a Berlino, per dimostrare che si può fare sistema tutti insieme e che l’individualismo cede il passo alla collaborazione”, così si è espressa la Presidente Ravera.
Giovanni Vassallo (SGM), ha tenuto a mettere in rilievo la novità: oggi non esiste più il solo settore Ortofrutta, esiste un “Sistema Liguria” che dovrà evolversi in un nuovo modello di business per il futuro.
Lo stand ligure, per la realizzazione del quale sono state stanziate alcune decine di migliaia di euro, è stato presentato dall’Assessore Mai: “Sarà un’area bellissima, aperta e spaziosa, di ben 105 metri quadri, che ospiterà spazi di ritrovo e di relax con prodotti tipici di aziende locali e un grande giardino di aromatiche”. “Casa Liguria”, avrà nome lo stand e sarà aperto a tutte le aziende locali che vorranno farsi conoscere all’estero, all’insegna dello slogan “Liguria: taste, flavour, effectiveness” ovvero ” Sapori, profumi, efficienza”, ci si impegnerà per attrarre i visitatori nel mondo dell’ ortoflorovivaistica ligure, cercando di”… portare con noi quanta più Liguria possibile”, come dice l’Assessore Mai.
Luca De Michelis, presidente del Distretto Florovivaistico, ha posto all’ttenzione i disagi ed i “complessi” che sono inevitabilmente sorti dopo il crollo del Ponte Morandi eman mano che vengono alla luce i mali delle comunicazioni stradali a autostradali, da ultimo gli inconvenienti lungo la A6 e la A26, ma l’auspicio e, molto di più, l’impegno, è di ripartire da un sorta di “Anno Zero”, in grado di dissipare ogni timore ed ogni eventuale sciacallaggio che può insinuarsi. L’importante è riuscire ad affermare l’importanza di un “Sistema Liguria” come avvenuto in altre regioni(Trentino e Veneto al Nord, Puglia e Sicilia al Sud).
In tale contesto Gianni Ratto ha sottolineato il ruolo strategico che, nelle sfide future, può essere assunto da Confcommercio International:“Una nuova realtà in Confcommercio, per chi vuole far conoscere a livello globale la grande capacità di lavorare della Liguria”.

All’edizione dello scorso anno della “Fruit Logistica” era stato assegnato per la prima volta ad una azienda agricola italiana il primo premio del “Fruit Logistica Innovation Award” ed altre tre imprese italiane si erano classificate ra i dieci finalisti per il premio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *