Economia

Nuove regole contrattuali per le imprese artigiane

Intesa raggiunta sulle regole per i contratti integrativi nelle piccole e medie imprese dell’artigianato edile ligure. Anaepa Confartigianato Liguria, Cna Costruzioni Liguria e le organizzazioni sindacali Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil hanno siglato l’accordo quadro che determina l’applicazione del contratto integrativo nel rispetto delle peculiarità del settore artigiano. In pratica è stata definita la “cornice” applicabile su tutto il territorio regionale per gli associati alle organizzazioni artigiane e della piccola e media impresa del comparto dell’edilizia e i loro dipendenti, che rientrano nel contratto collettivo nazionale per il comparto edile artigiano.

All’incontro, svoltosi a Genova, che ha sancito l’intesa erano presenti: Paolo Figoli, presidente regionale Anaepa Confartigianato, Massimo Giacchetta, presidente regionale Cna Unione delle Costruzioni Liguria, Francesco Balato, segretario Liguria FeNEAL Uil, Silvano Chiantia, coordinatore regionale Fillea Cgil, e Salvatore Teresi, segretario Liguria Filca Cisl.
L’accordo fissa regole comuni per la stesura dei contratti integrativi provinciali e prevede inoltre una clausola di sussidiarietà che affida ai referenti regionali la possibilità di intervento per superare eventuali divergenze, qualora a livello provinciale non si arrivi a un’intesa sul contratto. “«Dopo un lavoro di concertazione durato più di un anno e superate alcune divergenze iniziali tra le parti – spiegano i sottoscrittori –, le Associazioni dell’ artigianato e della piccola e media impresa dell’edilizia hanno raggiunto un risultato storico perché finalmente viene colmato il vuoto normativo precedente. L’integrativo di secondo livello è infatti un passaggio importantissimo per riconoscere su tutti i piani, anche quello territoriale, la dignità del contratto artigiano e per dare seguito a quanto disposto dal nostro Ccnl del 2008 e successivi rinnovi”. Punto fondamentale su cui si è raggiunto l’accordo è l’impegno a procedere per la corretta attuazione di tutto ciò che concerne il sistema bilaterale. Lo strumento della bilateralità, se pienamente e correttamente attuato, è un importante elemento per dare concreta attuazione ai diritti di tutte le parti, datori di lavoro, lavoratori, rappresentanze sindacali. Da parte dei sottoscrittori, è auspicabile che un percorso condiviso, come quello che si è attuato con la firma dell’accordo, possa essere una risposta alla crisi che sta colpendo duramente il settore delle costruzioni. Secondo l’ultima indagine di Anaepa Confartigianato che ha fotografato lo stato di salute del settore edile nel primo semestre 2012: mentre a livello nazionale l’edilizia presenta una flessione della produzione dell’1,36%, la Liguria presenta il record nazionale per tasso positivo di imprese di costruzione: +0,97% registrato nell’ultimo anno. A imprimere la spinta a tutto il comparto edile sono le imprese artigiane: alla Spezia si registra l’unico saldo negativo con un -0,74%, a fronte della vera e propria impennata a Genova (+3,67%) ed ai dati positivi di Imperia (+1,02%) e Savona (+0,58%). Sono ad oggi oltre 23 mila le imprese artigiane registrate in Liguria su un totale di 30.600 di quelle operanti nelle costruzioni in generale. “Questo non vuol dire – spiega Paolo Figoli, presidente di Confartigianato Liguria Costruzioni – che da noi sia tutto rose e fiori. Anzi: se guardiamo ai tassi di occupazione emerge che la Liguria ha tra i tassi peggiori per numero di lavoratori sia dipendenti sia indipendenti. Molti ex dipendenti decidono di mettersi in proprio, ma in pochi riescono a rimanere sul mercato”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: