Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Nuove rotte artiche : rischio o opportunità?

C’è un rapporto ben preciso tra lo scioglimento dei ghiacci nell’Artico e Genova visto che questo potrebbe cambiare, in maniera sostanziale, i traffici marittimi sconvolgendo equilibri consolidati. Uno scenario che non è proprio dietro l’angolo ma sul quale vale la pena di riflettere con attenzione come ha fatto “Osservatorio Artico” il primo portale italiano di informazione su questi territori, che ha tenuto nel capoluogo ligure il proprio festival dal titolo: “Italia chiama Artico”.

“Questo è un evento importante e la rotta artica è un vero e proprio punto di forza del cambiamento climatico ma occorre intraprendere politiche che permettano di favorire la transizione ecologica ed interventi che  combattono la carbonizzazione”, dichiara Paolo Emilio Signorini, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, “ed i porti più competitivi al mondo si trovano in luoghi disagiati ricordando che per arrivare al porto di Amburgo è necessario risalire un fiume. Nel porto di New York si sono spesi due miliardi di dollari per i dragaggi ma è necessario evidenziare che un sistema competitivo permette di superare facilmente le avversità”.

Parole simili da parte di Carmine Robustelli, inviato speciale per l’Artico :”Genova è una città di mare, il legame tra noi e l’Artico è fondamentale e la nostra esperienza mediterranea può essere utile; l’Italia è osservatore al Consiglio Artico con un discreto successo anche se il consiglio ha sospeso la sua attività con la guerra in Ucraina per riprendere in un periodo migliore. In tre anni è cambiato l’approccio e la rotta commerciale del nord-est è importante per il futuro; il contributo legato alla logistica permette di cambiare le rotte e la Russia, che ha 24000 chilometri di costa artica, è bloccata dai forum del settore. Occorre altresì una particolare attenzione agli eventi internazionali”.

“In Artico gli effetti del cambiamento climatico sono più veloci che altrove”, commenta Stefania Gilardoni della Stazione Artica Dirigibile Italia, “ed i giorni che durano sei mesi hanno un importante impatto. Collaboriamo con istituti internazionali molto importanti e lavoriamo bene”.

“L’Artico è sempre più importante e vi è una grande attenzione a livello internazionale”, sottolinea Vito Vitale, dirigente di ricerca CNR-ISP, “e gli organismi sovranazionali fanno grandi strategie. Per l’Artico la cooperazione è fondamentale ed il nostro Paese, pur non essendo geograficamente di quell’area, ha grandi interessi in quelle zone; noi collaboriamo con le altre nazioni per avere obiettivi chiari e vogliamo un Artico pacifico, prospero e sostenibile anche se le tensioni internazionali dovute alla guerra stanno cambiando tutto”.

“Sono contento di essere qui ricordando come il Polar Code è stato il primo tentativo per fare uno standard di navigazione e navigare in mare implica grosse riflessioni”, ricorda il professor Francesco Munari, “ma questo diritto è condizionato a verifiche preventive di certe circostanze. Le rotte artiche coinvolgono Russia e Canada e quest’ultima nazione si occupa di questi temi; il Polar Code disciplina i rischi senza dimenticare la biodiversità e gli effetti legati al passaggio delle navi. Lo shipping in Artico porta a conflitti con gli indigeni ed è fondamentale tener conto delle loro tradizioni; la libertà dei mari è poco applicabile in Artico ed è fondamentale capire molte cose. Il Polar Code è stato creato nel 2016 solamente per le navi commerciali ma ha molti limiti e servono modifiche; sono otto le nazioni interessate dall’Artico ma è necessario trattare la biodiversità”.

“Questo è un argomento complesso ed i grandi Paesi decideranno se usare queste rotte”, prosegue l’Ammiraglio Massimiliano Nannini, direttore dell’Istituto Idrografico della Marina, “ed il programma dell’istituto che dirigo è importante così come l’attività di esplorazione. Il ghiaccio è pericoloso perchè rende le navi instabili”.

“L’Antartide è una terra importante ed il Canada rivolge una particolare attenzione sul tema; la Russia ha grandi interessi allo sfruttamento di queste terre”, conclude il professor Munari.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: