Attualità

Nutri-Score: quali sarebbero i prodotti tarocchi promossi?

Ritorniamo, come promesso, al pezzo di stamattina “Nutri Score, riserve di Coldiretti”, per sottolineare alcuni aspetti che, per chi è interessato, possono servire per un approfondimento.

Nutri- Score è un sistema di etichettatura che, sulla scia semmai delle tendenze odierne alle diete ipocaloriche, o presunte tali, “cataloga” i prodotti alimentari in base alle loro caratteristiche nutrizionali, non vuole affatto colpire la “dieta  mediterranea” o meglio i prodotti italiani; citiamo ancora l’articolo del”Fatto alimentare” del 18 dicembre scorso, cui rimandiamo, a chi interessasse, per una lettura integrale; è sconcertante come su tale argomento si sia innestato l’antieuropeismo che dimostra, ancora una volta, di essere basato su equivoci, mezze frasi, mezze notizie, mezze verità e più evidentemente, mezze falsità e malafede; comunque riportiamo dal “Fatto Alimentare”:

“Ovviamente l’etichetta non è affatto un’arma contro la dieta mediterranea che, nella sua versione originale, è un modello alimentare sostenuto da tutti i nutrizionisti (specialmente quelli che hanno concepito e sviluppato il Nutri-Score) e ripresa nelle raccomandazioni alimentari di quasi tutta l’Europa, dal Nord al Sud. Per sostenere la sua teoria, Salvini sottolinea il fatto che il semaforo classifica il Pecorino Romano, il Gorgonzola, il Prosciutto San Daniele e l’olio di oliva nelle categorie meno favorevoli sul piano nutrizionale. Questi esempi gli bastano per dire che il Nutri-Score si oppone alla dieta mediterranea… Ciò è totalmente assurdo per diverse ragioni:

  1. La dieta mediterranea non si limita al consumo di Pecorino Romano, Gorgonzola, Prosciutto San Daniele… La piramide universale della dieta mediterranea mette bene in evidenza che l’alimentazione mediterranea è caratterizzata dal consumo in abbondanza di frutta, verdura, legumi, cereali (soprattutto integrali), moderato di pesce, limitato di prodotti lattiero-caseari e molto basso di carni, salumi e prodotti zuccherati, grassi e salati; e privilegia l’olio di oliva tra le materie grasse aggiunte ma non ne raccomanda un consumo ad libitum… L’alimentazione mediterranea non promuove mai, coma lascia intendere Salvini, formaggi e salumi (che siano italiani o no!). Essi non sono dei pilastri importanti della piramide della dieta mediterranea. Questo è totalmente coerente con il Nutri-Score che classifica più favorevolmente gli alimenti o i piatti poco grassi, zuccherati o salati, ricchi di fibre, frutta e verdura, legumi e frutta secca. Quando si comparano le raccomandazioni o la piramide della dieta mediterranea e il Nutri-Score, si nota la buona convergenza.
  2. Se i formaggi e i salumi (e non solo quelli italiani) sono classificati per la maggior parte in D e talvolta in E, ciò si spiega dal fatto che contengono quantità significative di grassi saturi e di sale e sono anche calorici… Ma come tutti i prodotti classificati D o E con il Nutri-Score, i formaggi e i salumi possono perfettamente essere consumati nel quadro di un’alimentazione equilibrata. Informare i consumatori sulla realtà della qualità nutrizionale di questi alimenti tradizionali non ne esclude il consumo, ma spinge a farlo in quantità/frequenze limitate, in totale coerenza con i principi del modello di alimentazione mediterranea e con il significato della loro classificazione sulla scala del Nutri-Score.
  3. La pasta, il risotto, la polenta, le salse e i sughi e anche alcune pizze ricevono A o B nel sistema Nutri-Score, e anche loro rappresentano la ricchezza dell’alimentazione tradizionale italiana!
  4. Per quanto riguarda l’olio di oliva, non riceve affatto una E rossa come afferma Salvini! È in classe C, cioè il miglior punteggio per le materie grasse aggiunte e per gli stessi oli vegetali! Le raccomandazioni di salute pubblica in Italia come altrove non suggeriscono di consumare l’olio di oliva senza limiti (è una materia grassa al 100% che è calorica come tutte le altre) ma spingono i consumatori a privilegiarlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto ai grassi animali. È a questo obiettivo che contribuisce il Nutri-Score, che classifica l’olio di oliva con il miglior punteggio possibile (C) per gli oli vegetali (insieme all’olio di colza e l’olio di noci) e dunque meglio dell’olio di soia, girasole, mais (D), di quelli di cocco e palma (E) e del burro (E).

Comparare l’olio di oliva alla Coca-Cola Light non ha alcun senso. La questione non si pone affatto in questo modo per i consumatori al momento dell’acquisto! In effetti, è molto poco probabile che il consumatore pensi di condire l’insalata con la Coca-Cola o di dissetarsi con l’olio d’oliva… In realtà, il consumatore ha bisogno di poter comparare la qualità nutrizionale degli alimenti che possono sostituirsi tra loro al momento del consumo, uso o condizioni di acquisto. Se vuole scegliere un olio, vedrà facilmente sugli scaffali del supermercato, grazie all’etichettatura Nutri-Score, che l’olio di oliva è il miglior classificato. Allo stesso modo, per scegliere una bevanda, vedrà che l’acqua è la sola classificata in A e che le bevande zuccherate classiche sono classificate in E…

I timori di Coldiretti, certo fondati se si tratta di difendere l’agricoltura italiana e ligure, non si capisce però a cosa realmente si riferiscono. Un altro spunto di ragionamento emerge però dal caso; l’inflazione del modello della cosiddetta “dieta mediterranea”, inventata a tavolino, senza oggettiva storicità, non me ne voglia nessuno, e io stesso, ligurissimo, ha sempre avuto la cucina regionale come abitudine alimentare, ma va detta la verità, la cucina ligure, come le altre “mediterranee”,  se ne infischia un po’ della piramide, i “cereali integrali” non mi sembra ne facciano assolutamente parte, e la carne bovina vi è presente, non per contentino, ma con il posto d’onore, parlo della tradizione, del piatto del giorno di festa, e mi riferisco al “Tuccu” alla genovese, simile, con le dovute distinzioni, al “Ragù” napoletano. E può anche darsi, per non fare dei ragionamenti capziosi simili a quelli del noto uomo politico italiano citato nell’articolo, che la “carne rossa” come si definisce la carne bovina o suina, consumata una volta la settimana, possa in qualche modo correlarsi alla “piramide”, in un tempo in cui cibo a disposizione ce n’era molto meno di adesso e la gente non era tanto contenta di ciò, ma onestamente non so chi segue alla lettera  le direttive impartite da tale “piramide” e oso andare oltre: dubito che faccia mantenere la linea per quanto, modello studiato a tavolino, possa davvero essere salutare! A forza di sostenere questo “modello”, e dire, trascurando magari i prodotti del territorio proprio, che si deve assolutamente seguire quello, che non prescinderebbe dall’olio d’oliva come condimento, è logico che ci si possa trovare, specie all’estero, di fronte a prodotti di dubbia qualità o peggio, spacciati per il succo del frutto di Minerva, essenziale per la cucina di tante, non di tutte, le sponde del nostro amato “Mare Nostrum”, accessibile a tutti e alla massa, mentre del nostro olio, fuori dei confini nazionali prodotto “di nicchia”,  per ovvi motivi di quantità, non ce ne sarebbe in ogni caso per tutti pur con tutte le difese dei marchi e le etichette, i sigilli e gli anatemi a chi lo vorrebbe imitare!

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: