Sport

Olimpiadi: è Savona la Fiaccola di Londra 1948

La fiaccola olimpica di Londra 1948 non e’ custodita nella capitale inglese, come si potrebbe pensare. Da oltre mezzo secolo quella fiaccola e’ in Italia, precisamente a Savona. A custodirla come una sorta di reliquia e’ il presidente del Coni di Savona, Lelio Speranza, 86 anni, che ha fatto di quella torcia una ragione di vita: ”Per me significa moltissimo, e’ il simbolo stesso dei valori olimpici, ancor piu’ significativo perche’ accese il primo braciere olimpico del dopoguerra. Non la cederei nemmeno se venisse a chiedermela la Regina Elisabetta in persona”.

Fu con quella torcia che il tedoforo inglese John Mark il 29 luglio del 1948 accese il braciere di Londra, il primo ad ardere dopo gli orrori della Seconda Guerra Mondiale. Presa in consegna dapprima dai servizi segreti britannici, la fiaccola rimase poi sotto la protezione del Governo britannico fino a Helsinki 1952. Successivamente la torcia fini’ nelle mani dell’allora capo della delegazione olimpica italiana, il velista di Varazze Carlo Maria Spirito. Un velista di fama internazionale che partecipo’ anche alle Olimpiadi di Melbourne. E che da Melbourne in poi, dato che nessuno ne fece richiesta, la tenne con se’. La porto’ alle Olimpiadi di Roma del 1960 e, successivamente, la offri’ ai Giochi della Gioventu’ di Roma del 1976, ”quando la torcia – ha ricordato oggi Lelio Speranza – venne mostrata come ospite-simbolo della manifestazione”. La fiaccola olimpica di Londra resto’ nelle mani del velista italiano fino agli Anni ’80, quando, nel corso di una cerimonia con gli Azzurri d’Italia, Carlo Maria Spirito, che nel frattempo era diventato giudice internazionale di vela, decise di donarla a Lelio Speranza  ”affinche’ questo simbolo continuasse la diffusione della cultura dello sport tra i giovani” ha ricordato Speranza. Oggi la torcia è custodita nell’ufficio del presidente Speranza e ”per nulla al mondo” l’anziano presidente sarebbe disposto a cederla. ”Premesso che la Regina non mi ha mai chiesto di riaverla – ha commentato sorridendo -, proprio non saprei trovare una ragione per privarmene. Lo dico in modo bonario, ma fino a un certo punto, e con tutto il rispetto per Sua Maesta’: fin che vivo la tengo io, nel mio ufficio. Carlo Maria Spirito, che fu un grande uomo di sport, voleva che questo dono al sottoscritto, rappresentasse lo stimolo per diffondere i valori di competizione e lealta’ sportiva tra le associazioni, a cominciare dai circoli velici. Lui era un grande campione, e sapeva che i simboli possono essere un grande strumento di educazione”.

1 commento

  • Salve, sono un collezionista olimpico e in particolare di torce, ne possiedo 12 diverse e proprio di Londra 1948 ne ho 2. Posso soltanto dire alcune cose in merito alla vicenda: l’Italia è stata la nazione, su cui è transitata la staffetta, che ha ottenuto più esemplari, ben 540. Addirittura di più che in Gran Bretagna…
    Vennero commissionati 2 modelli di torce, il modello classico oggetto di questa notizia ed utilizzato durante la staffetta olimpica e un modello particolare utilizzato proprio per l’accensione del bracere nello Stadio di Wembley (costruito in soli 2 esemplari). Quest’ultimo modello, completamente diverso dal modello posseduto da me e dal Sig. Speranza, era fatto in acciaio inox e il combustibile, anch’esso diverso, era magnesio.
    Quindi la storia che raccontate, non è corretta, la torcia originale che accese il bracere non so neppure io dove sia finita (penso sia in possesso del Museo Olimpico di Losanna, presso il Comitato Olimpico Intenazionale), ma di certo non è quella in possesso al Sig. Speranza e oggetto di questo articolo.

    Per ulteriori info http://www.olympic-museum.de/torches/torch1948.htm

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: