Attualità

Oltre 10mila pellegrini al Santuario assieme al Cardinale

Almeno diecimila persone, forse anche qualche centinaio in più. Sono tantissimi i pellegrini che stamane, assieme al vescovo Vittorio Lupi, non hanno rinunciato a recarsi al Santuario in occasione della festa patronale di Nostra Signora della Misericordia. Nonostante il cielo molto nuvoloso di prima mattina e le previsioni che promettevano pioggia, una folla sempre più numerosa ha dato vita alla solenne e tradizionale processione che, partendo intorno alle 7.15 dalla Cattedrale, ha raggiunto in preghiera il Santuario dell’apparizione fra le curve della provinciale e le nove caratteristiche “cappellette”, tutte addobbate a festa. Di sicuro moltissimi volevano salutare l’ospite d’onore, il cardinale Domenico Calcagno che tornava a Savona a un mese esatto dalla “porpora”: in effetti i numeri sono stati superiori a quelli consueti, un exploit favorito anche dall’insolito 18 marzo di domenica che ha consentito la partecipazione di molti fedeli che non risiedono o lavorano a Savona.

Fra i pellegrini numerose le autorità civili e militari: su tutti il sindaco Federico Berruti e il presidente della Provincia Angelo Vaccarezza più molti assessori e consiglieri delle varie istituzioni territoriali dei diversi schieramenti politici, quindi, tra gli altri, il prefetto Gerardina Basilicata, il questore Vittorino Grillo, il comandante dei Carabinieri Giovanni Garau, il presidente della Fondazione De Mari Roberto Romani, il presidente della Carisa e della Camera di Commercio Luciano Pasquale,il comandante della Municipale Igor Aloi, nonché la presidente delle Opere sociali Donatella Ramello.
Alla processione hanno ovviamente partecipato diversi sacerdoti del clero diocesano – questi in numero minore rispetto al solito proprio perché la processione era concomitante con le Messe domenicali – e le confraternite di tutta la diocesi che hanno portato in testa al corteo sacro il crocifisso, appena restaurato, della confraternita di santi Anna e Gioacchino di Cadibona, con 18 portatori e 5 “stramüi” (cambiatori). Le confraternite – prima di curare la questua e il servizio in appoggio alla distribuzione dell’eucarestia durante la Messa in piazza – si sono anche occupate di portare le sei trombe altoparlanti che, con la voce guida di don Giuseppe Militello e di alcuni suoi parrocchiani, hanno consentito la preghiera ai pellegrini lungo la valle del Letimbro.

Corteo lunghissimo e veloce, quindi la preghiera in cripta

Sarà stato per il timore della pioggia, ma la processione quest’anno ha fatto registrare anche un piccolo record di velocità: il corteo, ingrossato sempre più, con pellegrini che si sono inseriti man mano che procedeva per le vie del centro fino a Lavagnola, ha tenuto un ritmo piuttosto sostenuto tanto da giungere a destinazione alle 9.30 circa. All’arrivo la processione è stata accolta da centinaia di persone che già erano presenti al Santuario, raggiunto con bus o mezzi propri: così una folla enorme è andata a gremire la piazza della Basilica – quest’anno con molti più posti a sedere – in attesa della celebrazione.
Prima dell’inizio della Messa il cardinale Domenico Calcagno e il vescovo Vittorio Lupi, dopo essere passati fra due ali di folla plaudente, hanno raggiunto e salutato alcuni malati presenti in piazza, quindi si sono recati nella cripta della Basilica, sorta sul primo luogo dell’apparizione della Vergine al Botta, per recitare insieme una preghiera. Infine sono tornati in piazza per salutare la moltitudine di fedeli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: