Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Oltre 37 milioni di euro per l’efficientamento energetico ed il recupero di 734 alloggi di edilizia residenziale pubblica della Liguria

Oltre 37 milioni di euro per un piano di recupero e efficientamento energetico di 734 alloggi di edilizia residenziale pubblica in Liguria; su proposta dell’assessore all’Urbanistica, ha approvato il riparto delle risorse, a valere sul Fondo Complementare al PNRR, tra i diversi Enti. Il piano, con il parere favorevole del Ministero delle Infrastrutture, prevede l’assegnazione di fondi alle quattro Arte ed ai Comuni del territorio, stilate in base alle richieste presentate dagli interessati, nelle quali erano indicate le priorità degli interventi.

GENOVA : Complessivamente nella provincia di Genova vengono assegnati euro 15.106.486, 39 per la riqualificazione di 383. Ad ARTE Genova, l’agenzia che gestisce il maggior numero di immobili sul territorio ligure sono stati assegnati € 13.806.486,39 che verranno investiti per l’efficientamento energetico di 331 alloggi situati a Genova, a Santa Margherita Ligure e Cicagna, secondo le priorità espresse dall’Agenzia. Nel territorio genovese sono state accolte anche le richieste da parte dei Comuni di Arenzano e di Fontanigorda, che hanno ricevuto rispettivamente euro 155.830,73 per l’efficientamento di 7 alloggi e di euro 71.569,00 per effettuare interventi in 5 abitazioni. Inoltre, ad ARTE Genova verranno assegnati 1,3 milioni di euro, ottenuti da regione Liguria da Cassa deposito e Prestiti, per realizzare un programma di recupero di 40 alloggi sfitti di ERP, in attesa di interventi di manutenzione straordinaria, per provvedere al crescente fabbisogno di alloggi. Gli immobili sono situati nei Comuni di Genova, Sori, Bogliasco, Chiavari, Lavagna, Sestri Levante, Mignanego e Cogoleto. Gli interventi di recupero prevedono, oltre alle opere manutentive ed alla rigenerazione delle unità abitative, anche la verifica e l’attestazione della conformità degli impianti esistenti al fine di certificarli come richiesto dalle normative vigente o, in alternativa, il rifacimento integrale degli impianti se non conformi alle norme stesse. Nell’ambito del Programma, ARTE Genova ha previsto lavori di recupero su alloggi sfitti distribuiti su tutto il territorio provinciale e di varia taglia, al fine di poter sistemare nuclei familiari di diverso numero di componenti ed offrire un’ampia gamma di opportunità.

IMPERIA : Complessivamente nel imperiese vengono assegnati euro 7,6 milioni per la riqualificazione di 96 alloggi, per il Centro Servizi all’Utenza e l’acquisizione di 5 nuovi alloggi.
Arte Imperia, grazie all’investimento di euro 6.186.338,01, effettuerà interventi su 69 alloggi, di cui 59 situati nel Comune di Ventimiglia e 10 a Caravonica. Un importante intervento sugli Edifici Residenziali Pubblici situati in via Gallardi nella città di confine, da realizzare per intervenire e sanare l’attuale situazione di degrado urbano e sociale del quartiere. Inoltre, Arte ha presentato un progetto per il Centro Servizi all’Utenza situato ad Imperia Porto Maurizio, un punto di riferimento per soggetti fragili, che può essere esportato come modello nel mondo dell’edilizia sociale. I lavori sullo stabile termineranno entro fine anno. Il progetto prevede, inoltre, l’acquisizione di cinque alloggi a libero mercato da destinare ad abitazioni ERP, per un investimento complessivo di 1 milione di euro, ottenuti da regione Liguria da Cassa deposito e Prestiti. Al Comune di Imperia sono stati assegnati euro 414.368,80 per un piano di efficientamento energetico di 28 alloggi ERP indicati dallo stesso come prioritari.

SAVONA : ARTE Savona, grazie al contributo di oltre 7 milioni di euro, effettuerà interventi di efficientamento energetico in 206 appartamenti. Di questi 5 milioni verranno investiti nella città di Savona e saranno impiegati per l’efficientamento energetico di 158 alloggi, 2 milioni ad Albenga per lavori in 48 abitazioni.

LA SPEZIA : Allo spezzino vengono assegnati 7,6 milioni di euro per interventi su 48 alloggi.
Arte Spezia investirà 7,2 milioni di euro per lavori in 36 alloggi, 12 situati a Santo Stefano di Magra e 24 a Sarzana. Il Comune di La Spezia che riceverà ulteriori 223 mila euro per interventi su 3 ulteriori alloggi ERP. Il Comune di Monterosso al Mare investirà 166 mila euro per opere su 9 appartamenti.

“Sono stati investiti più di 37 milioni per il recupero di 734 alloggi in tutta la regione”, dichiara l’assessore regionale all’urbanistica Marco Scajola, “ricordando che a Genova abbiamo destinato 15 milioni per 383 alloggi, ad Imperia 7,6 milioni per 96 alloggi e l’acquisto di ulteriori 5, a Savona 7 milioni per per 206 alloggi e a La Spezia 7,6 milioni per 48 alloggi. Per lo spezzino degno di nota è il bonus 110% senza dimenticare che abbiamo creato un giro d’affari di 450 milioni che aiuta le aziende del settore. I tempi di recupero sono legati alla programmazione del PNRR perchè questi fondi sono collegati ed i lavori finiranno nel 2026; abbiamo attivato le diverse ARTE del territorio e questi investimenti aiutano chi ha bisogno di un nuovo alloggio o di una riqualificazione in quello che già abita. Ringrazio tutte le realtà coinvolte dicendo che il Modello Begato fa scuola e vogliamo ripeterlo altrove; gli interventi verranno effettuati su tutta la regione”.

“Sono contento di questo lavoro che coinvolge ARTE; quest’ultima realtà riqualifica e recupera il patrimonio immobiliare di edilizia residenziale pubblica. Con operazioni di questo tipo avendo importanti linee guida; la Liguria si muove bene e ne sono contento. Abbiamo recuperato più di 700 alloggi ricordando che il PNRR è articolato ed ha in sè tante novità se viene usato bene; abbiamo rinnovato l’offerta delle case popolari con tanti investimenti avendo un piano di rigenerazione importante per le nostre città e cambiando il volto della regione con il recupero degli alloggi esistenti. Per noi il recupero urbano è fondamentale ed il PNRR moltiplica la qualità della vita; le riforme sono collegate agli investimenti ed i bandi, pur essendo equi, devono tenere conto delle peculiarità del nostro sistema”, conclude il presidente Giovanni Toti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: