Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Omaggio all’artista Paolo Collini

Dal titolo “Collini” e redatta dal prof. Mauro Carrera (docente universitario, critico e giornalista d’arte; curatore di molteplici eventi e pubblicazioni in campo artistico di rilievo nazionale) è  fresca di ristampa per i tipi del “Monte Università” di Parma. La monografia celebrativa dei 45 anni di carriera del Maestro di fama internazionale Paolo Collini ha avuto molto successo. Le sue opere sono esempio sorprendente di pittura letteraria. Non per una diretta ispirazione alla letteratura (Clerici, Buzzati, Magritte), nemmeno per il presentarsi come assiomatica, apodittica, quanto perché infonde cenni di una riflessione semiotica sottintesa. Le cromie con evanescenze azzurrine e il tema del volo – tipiche nelle figurazioni di Collini – splendidamente s’intonano con la livrea celeste e l’ideale di Libertà, che sono elementi distintivi della FIVL che già nel 2015 aveva festeggiato l’autore a Denice. Dopo i saluti dell’Assessore alla Cultura, Prof.ssa Giovanna Rolandi, e del Vicepresidente nazionale FIVL, Gr. Cr. Lelio Speranza (purtroppo scomparso), erano intervenuti il curatore e l’artista, quindi la relazione della Vicepresidente de “La Casa delle Arti”, Maria Scarfì Cirone, (scrittrice e poetessa; autrice di trenta libri, l’ultimo dei quali “Il Garofano di Sabbia” era stato presentato con grande successo di pubblico recentemente a Savona). Il Maestro Collini ricevette l’attestato di benemerenza della Presidenza nazionale FIVL.  Le conclusioni furono dell’Ing. Antonio Rossello (Pres. Sezione FIVL delle Albissole; autore di due libri “Ombre e colori” e “La fiamma che arde nel cuore”, entrambi finalisti al Concorso pluridisciplinare “Pannunzio”). Al termine, il pubblico in sala fu allietato dalle note del pianista Francesco Vichi e dalla voce del tenore Gennaro Cascone. Presentò l’incontro l’artista Caterina Galleano, speaker ufficiale della FIVL.Paolo Collini, per chi ancora non lo conoscesse, spicca nello scenario dell’arte contemporanea per il talento e l’indubbia carica poetica. La sua attività espositiva inizia, con la sua prima personale, a Milano nel 1970. E’, infatti, nella città natale che, durante gli studi liceali e la frequenza a Brera, comincia il suo rapporto con il mondo artistico, che lo vede sin dal debutto esplorare l’universo del simbolico e del surreale. La sua visione, oniricamente naturalistica, è arricchita da suggestioni romantiche, dove allignano strutture archetipiche e simboli di bellezza immortale e dove spesso, su profonde acque, sorvolano – emblematiche – figure alate. Nel corso degli anni ottanta si accosta al “citazionismo”: architetture misteriose, “mito” e il senso del “tempo sospeso” esprimono la sua narrazione. In seguito, tra il vero e l’immaginario, una poiesi che induce enigmi visivi e spaesamenti in spazi le cui frontiere – tra memoria, realtà e sogno – si rivelano spesso impalpabili.  La pittura di Collini è ormai da trent’anni oggetto d’interesse da parte della Critica più attenta, che l’ha invitato a numerose manifestazioni d’arte pubbliche e private, tra cui la XLII Biennale di Venezia e “Arte e Alchimia “ da parte di Arturo Schwarz. Ha tenuto più di ottanta mostre personali in Italia e all’estero recensite sui maggiori quotidiani e riviste.  Tra le pubblicazioni dedicategli, si ricordano le monografie: “Magie antelucane di Collini” di Riccardo Barletta (ed. Ghirlandina, Modena 1984), “L’enigma della nostalgia” di Mario De Micheli (ed. Mondadori, Milano 1991) e “Dimore dell’invisibile” di Luciano Caprile (ed. Vinciana, Milano 2000). Il volume “Collini” – frutto di un intenso anno di lavoro – è al contempo una monografia d’arte e un libro di dialogo con il pittore. Oltre al saggio centrale sull’artista – in italiano e in inglese – e ai dettagliati apparati (biografia, bibliografie e mostre) redatti a cura di Mauro Carrera, sono contemplate una prefazione di Marzio Dall’Acqua (Presidente del Mup – Monte Università Parma e storico dell’arte) e una poesia espressamente composta da Arturo Schwarz (poeta e critico d’arte).Paolo Collini  che è nato a Milano e vive tra il capoluogo lombardo e Londra, si è formato sulle orme dei grandi maestri metafisici e surrealisti, elaborando rapidamente una personalissima poetica tra il visionario e un romanticismo postmoderno. A partire dagli anni ottanta il suo percorso è tangente alla corrente pittorica del “Citazionismo”, sviluppando enigmi e simbologie ammiccanti ad un classicismo contemporaneo. Apprezzato in Italia, ha conquistato anche l’interesse del collezionismo europeo e in particolare quello tedesco virando la sua ricerca in direzione di atmosfere più rarefatte e nordiche. Le acque e il cielo diventano i luoghi ideali e di elezione delle sue composizioni. Durante gli anni Novanta più intenso si fa il suo interesse per un erotismo impalpabile ed oscuro, onirico e notturno.Invitato a numerose manifestazioni d’arte pubbliche e private tra le quali alla Biennale di Venezia, ha tenuto più di novanta mostre personali in Italia e all’estero.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: