AttualitàCultura e MusicaPoliticaVarie

Ormai il velo dell’ombra è squarciato

La necessità di una nuova coesione nazionale

giornata della pace 2013 boves

Ormai il velo dell’ombra è squarciato, mentre la Seconda guerra mondiale, di cui in questi giorni di maggio è stata celebrata la fine in Europa (8 maggio 1945), con i suoi regimi totalitari e i suoi orrori, aleggia nel ricordo dei pochi che l’hanno vissuta (in qualunque modo), c’è una restante parte dell’umanità che non deve dimenticare ma imparare. Ricordi ed esempi che dovrebbero essere stornati da evidenti vizi di forma persistenti dal punto di vista storico almeno qui in Italia. Durante il secondo conflitto mondiale in tutta Europa si è assistito al sorgere spontaneo di forme di Resistenza all’invasione tedesca e ai regimi che la appoggiavano. Fenomeni, già dal primo dopoguerra, generalmente analizzati e ricordati con un giusto equilibrio negli altri Paesi del vecchio Continente.  Ulteriormente, il 19 Settembre 2019 il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione con cui condanna i totalitarismi del secolo scorso. Soltanto nella nostra Penisola si è osservata la strumentale sopravvivenza per oltre 70 anni di un «progetto politico» di Resistenza permanente contro i pericoli di fascismi sempre paventati e individuati anche in forme e circostanze assai improbabili. Questa anomalia nazionale è stata originata dalla presenza e dall’azione di quello che fu il più importante Partito comunista dell’occidente, per il quale l’impossibilità di conquistare il potere per quanto prestabilito dagli accordi internazionali si traduceva nella determinazione di mantenere viva la pressione sul governo italiano in virtù del proprio apparato militare costituito da ex partigiani. Tutto questo aveva lo scopo di contribuire alla formazione di un «significato condiviso» valido per tutti gli italiani? Certamente no, anche perché la Resistenza ebbe diverse componenti. Anche perché, arrogandosi tuttora diritti ingiustificati di rappresentanza esclusiva, il «Mito della Resistenza», per gli eredi di una simile operazione, continua attualmente ad essere uno strumento di lotta politica. Negli ultimi due secoli è stata una grande guerra l’ante e il post di epocali rivolgimenti e trasformazioni. Ora invece è una pandemia, la prima nella storia, ad annunciare la nuova era. Che comunque vada e si risolva – sperando ovviamente bene – segna la fine del mondo e della società nei quali abbiamo sin qui vissuto. Si rende apprezzabile ogni esempio di onestà intellettuale e di rettitudine. Il senso comune dell’onore e i buoni valori che discendono anche dalla tradizione resistenziale, che caratterizzarono una classe dirigente ed una consapevolezza democratica più forti e rinnovate emerse dalle macerie del conflitto, ci possono permettere confronti e analisi sui temi storici per cercare di riportarli sul terreno dell’oggettività, senza strumentalizzazioni. Tutto ciò con il rispetto delle idee che è necessario che esista. È ora di scrivere nuove pagine di storia, le ideologie del passato siano più oggetto di studio che prassi politica attuale. Bisogna “ricostruire” e costruire fra diversi. Non c’è molta alternativa.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: