Cronaca

Ospedali di Cairo e Albenga, Melis (5Stelle): ” I territori meritano di più

 “Stupisce leggere sulla stampa locale che non si debba più parlare, in particolare per l’ospedale di Cairo Montenotte, di aree disagiate e di dialettica politica tra chi sostiene il pubblico e chi il privato. Per la Sanità è innegabile che il pubblico sia prioritario. Abbiamo peraltro visto quanti e quali danni, oltre che inaccettabili ritardi, ha generato l’ossessione per il privato così caparbiamente difeso dal centrodestra nonostante tutto”, dichiara il consigliere regionale Andrea Melis riprendendo il tema dei nosocomi di Cairo e Albenga. “La nostra battaglia per una Sanità pubblica efficiente e rispondente ai reali bisogni dei cittadini, dunque, continua e martedì prossimo, in consiglio regionale, presenterò un ordine del giorno per la classificazione dell’ospedale di Cairo come nosocomio “di Area Disagiata” con il ripristino dei Pronto Soccorso sia nella struttura ospedaliera “San Giuseppe” di Cairo sia nel “Santa Maria di Misericordia” di Albenga. Battaglia, quella per l’ospedale di Cairo, portata avanti già a fine 2015 con il Movimento 5 Stelle Liguria in prima linea con la mozione poi bocciata dalla Giunta regionale e dalla maggioranza. Conseguenza: l’ospedale di Cairo non ha ricevuto nulla, anzi. Così come l’ospedale di Albenga”.  Continua il consigliere pentastellato: “Oltre a chiedere che sia avviato l’iter per la classificazione dell’ospedale di Cairo come ospedale “di Area Disagiata”, contestualmente chiediamo che sia riattivato il Pronto soccorso di entrambi i nosocomi, valorizzando i servizi offerti in funzione delle esigenze sanitarie del bacino di utenza senza che la gestione della struttura ospedaliera sia messa a gara a favore di soggetti privati. Basta privati! Non è vero dunque che l’unica proposta sul piatto oggi sia la privatizzazione: come M5S abbiamo più volte indicato vie più virtuose. E non è vero che sia una questione di gusti: la strada tracciata finora, vale a dire la volontà di affidare i nosocomi al privato, è deleteria e sta generando ritardi. Il tutto sulla pelle dei cittadini”. Conclude Melis: “Mi pare evidente, come ha peraltro evidenziato anche il TAR nella sua recente sentenza, che il piano per la privatizzazione dei nosocomi di Cairo e Albenga è stato scritto male, portato avanti malissimo e conclusosi peggio. La vera via maestra per una sanità di tutti è pubblica”, conclude Melis.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: