Cultura e Musica

Ottava edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana

Oggi si entrerà nel vivo dell’ottava edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana, organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Regione Liguria, Fondazione A. De Mari, Doppia J srl Gestione Ssupermercati e il patrocinio della Provincia di Savona, dell’ANCI e del MEI. La nuova edizione del festival ripropone la formula del doppio appuntamento musicale: un aperitivo alle 18.30, per presentare i nuovi progetti musicali e il concerto la sera, sul lungomare o in piazza Rocca, alle 21.30, con i gruppi maggiormente segnalati dalla giuria del Premio. Alle ore 18.30, in piazza Palestro, ad inaugurare lo spazio d’incontro pomeridiano con etichette, artisti, giornalisti e operatori culturali saranno Domenico Ferraro (direttore editoriale Squilibri), Omerita Ranalli, Enrico Grammaroli (Archivio Franco Coggiola del Circolo Gianni Bosio) e Bianca Giovannini, Ludovica Valori e Désirée Infascelli (Bandajorona).

L’incontro con l’Editore Squilibri offrirà l’occasione di presentare il volume e i due CD “Mira la Rondondella. Musica, storia e storie dai Castelli Romani” a cura di Sandro Portelli (Squilibri Editore 2012), una ricerca “collettiva” sul campo che, dal 1968 ai giorni nostri, ha interessato Albano, Ariccia, Genzano, Lanuvio, Velletri e Lariano, toccando anche Frascati e Grottaferrata. Il libro ricostruisce una memoria storica e una cultura musicale forgiate dalla vicinanza con Roma e dal rapporto con la terra, nell’originale intreccio di cultura contadina ed echi urbani. Ed è proprio nella città di Roma, che si tornerà con la presentazione dell’album “Mettece Sopra” di Bandajorona (Goodfellas, 2012), un disco in cui la cultura popolare domina e incanta. Bandajorona scatta una fotografia della Roma che si vive ogni giorno: personaggi che vagano nei nuovi quartieri bohémien e popolari della capitale, invenzioni linguistiche inaspettate e incontri con i portatori di memorie antiche e di culture “altre”. L’incontro sarà condotto dal giornalista Ciro De Rosa. La sera alle ore 21.30, sul lungomare, nello Spazio Culturale Orto Maccagli, suonerà il gruppo Antiche Ferrovie Calabro-Lucane, guidato da Ettore Castagna, musicista e ricercatore, impegnato in importanti esperienze in ambito etnoacustico. Con il progetto Àlaca si entrerà nel vivo del tema del festival con un viaggio sui trenini a scartamento ridotto delle ferrovie regionali Calabro-Lucane. Linee marginali, percorrenze lente fra boschi, fiumare, timpe. Periferie rese disabitate dall’emigrazione ma pure angoli di resistenza di una diversità culturale. Fra le pieghe della memoria contadina c’è un repertorio affascinante e poco conosciuto che è quello delle montagne al centro della Calabria: dallo Zomero, alle Serre, alla Sila. Gli strumenti che utilizzeranno Domenico Micu Corapi,  Giuseppe Ranieri e Gianpiero Nitti saranno necessariamente quelli del mondo contadino e pastorale di quest’area: zampogna a chiave, ciaramella, lira, chitarra battente, rullante e grancassa. Nella serata sarà consegnato a Elena Salvatorelli e Domenico Ferraro (Squilibri Editore) il Premio Realtà Culturale 2012 con la seguente motivazione: “Un editore romano che affianca da sempre la ricerca con la divulgazione: su questo binomio sono nati molti dei libri che Squilibri ha dedicato alla musica popolare, non solo laziale, documentando spesso il suo lavoro con supporti sonori o audiovisivi. Squilibri ha continuato nel corso degli anni ad essere un soggetto attivo e curioso, grazie al coinvolgimento costante, fra gli altri, di uno studioso come Sandro Portelli o all’apporto di un musicista e cronista del calibro di Otello Profazio, oltre che di un catalogo insigne e stimolante.” Il festival proseguirà fino al 27 luglio con la presenza di alcuni tra i più rappresentativi artisti italiani della musica tradizionale. Il Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana ha ricevuto anche quest’anno il prestigioso riconoscimento della Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: