Sport

Pallapugno, primo spareggio per accedere alle semifinali di serie A

Finalmente una partita che “conta”, tra la formazione di casa, l’Alta Langa di Oscar Giribaldi, e la Virtus Langhe di Dogliani, capitanata da Luca Galliano e che schiera come centrale il pluricampione d’Italia Giuliano Bellanti. Qui nel bell’impianto di San Benedetto (in effetti bello per gli atleti, meno per chi guarda, data la presenza di una fitta griglia che separa le gradinate dal campo e di cui non si intuisce la funzione se non quella, svolta egregiamente, di ostacolare la visione del gioco) la posta in palio è finalmente alta: rimanere in corsa per la conquista del campionato di serie A.

Dopo che la cosiddetta formula “Bresciano” ha condotto ad una lunga serie di partite pressoché inutili, stasera chi perde termina la propria stagione. Mentre chi vince andrà a giocarsi l’accesso alla semifinale contro la vincente dell’incontro che si svolgerà stasera a Madonana del Pasco (sempre alle ore 21) e che vedrà fronteggiarsi la quadretta di casa guidata da Paolo Danna e la Don Dagnino di Andora di Giordano e Sciorella, ultima squadra ligure in lizza. Avvio di match molto equilibrato: la Virtus Langhe si aggiudica il primo gioco, la squadra di casa conquista i successivi 3 giochi, per poi subire il recupero degli ospiti che si portano in vantaggio 5 a 3. Galliano, che ha faticosamente recuperato dall’infortunio al pugno, batte regolarmente ma al ricaccio si schiera come spalla, lasciando a Bellanti il compito di gestire il gioco e soprattutto il primo colpo di ribattuta. La strategia sembra pagare: dopo circa due ore di partita, si va infatti al riposo sul punteggio di 6 a 4 in favore della compagine di Dogliani. L’incontro riprende con l’ingresso in campo, nel ruolo di terzino al muro, di Cavagnero (Alta Langa) tenuto precauzionalmente in panchina nella prima fase del match a causa dell’infortunio patito in settimana alla mano destra, ma visto l’esito incerto il D.T. Fontanone decide di impiegarlo ugualmente. E la mossa si rivela azzeccata. La quadretta di S. Benedetto non concede infatti più nulla agli avversari, complice un calo fisico degli ospiti, e chiude il match con il punteggio di 11 a 6, conquistando 7 giochi di fila. Grande prova di Oscar Giribaldi, che come sua abitudine al ricaccio ha tenuto la palla lunga ed ha colpito sempre con estrema precisione, mettendo in grande difficoltà Galliano, apparso in effetti ancora non al meglio della condizione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: