Sport

Pallapugno: Vendone batte Bubbio 11-8

Vendone batte un bel colpo. Dopo qualche prestazione sottotono, la quadretta ingauna ruggisce e agguanta la vittoria sul terreno amico, dando ancora un senso alla lotta per evitare lo spareggio-salvezza. Peveragno è ad un punto e i giochi non sono ancora del tutto fatti. Partita in salita a Vendone per Long John Ranoisio ed i suoi. C’è da vendicare sportivamente la sconfitta all’andata, sull’ostica piazza di Bubbio, un “buen retiro” per gli astigiani. Giribaldi è un cliente non facile proprio per questo, per l’abitudine al confronto sui campi di adattamento e lo sferisterio di Vendone ha qualche caratteristica particolare.

Si sa pure che gli avversari piemontesi cercano di chiudere presto le partite, in relazione ad una autonomia relativamente limitata. Ne vien fuori un bel match, incerto fino all’ultimo, preceduto da un clima da tregenda, con un cielo da girone dantesco che nulla di buono faceva presagire. Fa freddo e questo favorisce il potente battitore di locale. Vendone insegue per tutta la partita e riesce a portarsi alfine sul sette pari. L’allungo finale sarà poi però tutto locale, con un 11-8 che la dice lunga sulla difficoltà di tutti per una partita in cui l’esperienza degli ospiti ha avuto un certo peso di fronte alla freschezza ed alla sfrontatezza dei giovani locali. Bogliacino, Iberti e Blangero sono giocatori navigati e rotti all’esperienza dei campi anomali. Giovanni Ranoisio a mente fredda commenta: “siamo andati bene, soprattutto Davide Somà ha colpito in modo convincente, faremo di tutto per vendere cara la pelle”. Ora due partite fuori, con San Biagio e Benese: arriva il redde rationem contro squadre già qualificate negli otto per il play off scudetto. L’attesa è grande.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: