Economia

Patto ligure di stabilità per “salvare” i Comuni

Andora è fra i 143 comuni italiani che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha individuato come “virtuosi” e che per il 2012 non dovranno sottostare al Patto di Stabilità. Sarà firmato, in questi giorni il decreto del Ministero che ufficializzerà la virtuosità dei conti del Comune ligure e che liberà risorse, circa 1.360.000 euro, che l’ente potrà utilizzare per abbattere la pressione fiscale o effettuare pagamenti.

Il sindaco Franco Floris (nella foto) attende ora di conoscere dati certi sulle entrate IMU per verificare la possibilità di agire sulle aliquote, e nel frattempo lancia una proposta che possa aiutare i comuni liguri sopra i 5.000 abitanti che sono “ingessati” dal Patto di stabilità. “Deve essere riproposto, ampliato e migliorato il Patto Regionale, così come accaduto lo scorso anno – dice Floris – la Regione dovrebbe caricare su di sé tutto l’obiettivo del patto di stabilità, consentendo, estremizzandolo, di portare a zero il patto comunale. Il saldo regionale rimarrebbe invariato, ma gli enti locali potrebbero finalmente agire per le loro comunità. I comuni liguri con più di 5.000 abitanti sono 52: potrebbe essere un’ottima soluzione che mi auguro venga praticata vista la sensibilità ai problemi degli enti locali dimostrata dall’assessore regionale al bilancio Pippo Rossetti. Le risorse liberate potrebbero essere utilizzate, ad esempio, per lavori preventivi a tutela del territorio e per le necessità del post alluvione. Il Patto di stabilità, vincola a livello nazionale circa 20 miliardi di euro – continua Franco Floris – soldi che i cittadini hanno versato in tasse e che non possono essere restituiti in servizi ed opere, che fra l’altro aiuterebbero le imprese in questo momento di crisi economica. Solo Andora ha in cassa un tesoretto da 18 milioni di euro che non può utilizzare”.
Il Comune di Andora è stato individuato quale “ente virtuoso” dal ministero dell’Economia dopo un’analisi dei suoi bilanci. In particolare sono stati tenuti in considerazione parametri quali il rispetto del Patto di stabilità interno per gli anni 2010 e 2011 (prerequisito necessario per essere candidati), l’autonomia finanziaria (riferita all’anno 2009 e relativa alle entrate tributarie ed extratributarie), l’equilibrio della parte corrente e la capacità di riscossione.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: