Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Pensieri Cattivi di Halloween

E’ la terza volta, me ne rendo conto, che metto al corrente i pazienti- e curiosi, spero – lettori, dei miei pensieri cattivi, spero mi si perdoni, ma che senso avrebbe nutrirli, se non si possono esprimere; comunque sono quasi quelli degli altri miei pezzi dello stesso “sentimento”, con qualcosa in più però!

Stavolta li collego ad “Halloween” , ed inizio proprio da tale ricorrenza che si sovrappone o meglio, molto meglio, fa’ da quinta ad Ognissanti, e che ormai è divenuta comune, anche e soprattutto per i bambini,  che non nutrono ancora, forse,  ideologie, pregiudiziali e “pensieri cattivi” come i miei e che, nonostante si dica, si ridica, ci si arrovelli e non si sprechino mai abbastanza espressioni di sgomento e di disgusto per essa, ha origini radicate nel Cristianesimo, come il Carnevale del resto e non mi ripeto oltre, rimandando a due miei pezzi,  “Halloween amato e odiato” on line dal 2 novembre 2016 – caspita come passa il tempo! – e “Halloween sempre nelle polemiche”, on line dall’8 novembre 2019, reperibili ancora nei nostri archivi! L’importante, questo lo voglio sottolineare, è che si pensi al Primo di Novembre soprattutto per  Tutti i Santi ed al 2 Novembre per la Commemorazione dei Defunti – pensiero assolutamente non cattivo!-

Adesso passiamo alle vere cattiverie: clima, innanzi tutto: ormai un’ossessione, un continuo, un sottofondo che ci accompagna tutti i momenti; un giorno in cui di nuovo sarò a casa con la televisione accesa tutto il pomeriggio conterò quante volte, dalla voce catodica, proviene l’espressione “cambiamenti climatici” oppure “riscaldamento globale”; domenica 24 ottobre, alla peraltro simpatica e interessante trasmissione “Kilimangiaro”, l’irrefrenabile Mario Tozzi ha ancora ammonito sulla catastrofe incombente e, a chi nutrisse ancora del dubbi, ha mostrato i ghiacciai che si sciolgono…su Internet, in proiezioni di istituzioni scientifiche riconosciute certo, non so se delle Nazioni Uniti o di quale altro organismo, ma “PROIEZIONI” pur sempre, dovute a calcoli, valutazioni, indagini, sicuramente, ma alle quali ne potrebbero corrispondere altre di segno opposto; mostrate così, invece, sembravano – potenza del “clic” sulla tastiera del computer – che fossero proprio i ghiacciai del mondo, in scala ridotta e tascabile, ad essere visti; ha aggiunto poi, cosa che si dice e ripete da anni, che il ghiacciaio del Calderone, sul Gran Sasso, in Abruzzo, il più a sud d’Europa, è ormai quasi scomparso: ipotesi e basta, come tante altre sui cambiamenti climatici che invece sono diventate dogmi! A parte che  è tipico del ghiacciaio del Calderone il contrarsi e l’espandersi, sempre sulla rete – ci posso guardare anch’io, non solo Tozzi! – si leggono interessanti osservazioni, sul Calderone, nel sito Caput Frigoris AQ – che non è una sigla runica ma un’espressione latina “Capitale del gelo”, L’Aquila – che raccontano un’altra storia – chi vuole può visitare la pagina –  e pure si legge quanto riferito da Davide Peluzzi, che non è un nazi-skin, no-vax, no green-pass, ma un’alpinista ed esploratore, ambasciatore del Parco Nazionale del Gran Sasso e presidente di Explora Nunaat International, che, a settembre, così dichiarava, riguardo al Calderone,  ad “Abruzzo Web”: ”  Dicono che il ghiacciaio sia scomparso ma non è vero; il fatto è che non lo cercano nel posto giusto. Ghiaccio e manto nevoso sono due cose diverse. Il ghiaccio c’è eccome, ma è semplicemente coperto da detriti e pietre – cita poi un video postato sul sito, n.d.r – Mi sono calato nei crepacci del ghiacciaio e ho dimostrato che lì lo spessore del ghiaccio arriva a 25 metri. Parliamo dell’altezza di un palazzo. Come possono raccontarci che non esiste più? Ed aggiunge: “Per quanto riguarda i ghiacciai è assolutamente tutto nella norma. Abbiamo documentazione ormai decennale che ci racconta che in Antartide il ghiaccio sta aumentando e lì si trova il 90% del ghiaccio totale presente sul nostro pianeta. In qualche altro luogo si sono ridotti, certo, ma non ovunque e comunque la storia ci dice che così come può capitare che si riducano, allo stesso modo possono riformarsi. Per restare sul Calderone, ad esempio, è un dato di fatto che in epoca romana vi fossero tre gradi in più rispetto ad oggi e che il ghiacciaio non esistesse.” Ipotesi? Altrettanto credibili ed attendibili; nessun dogma è infranto! Ed invece sembra che non si possa replicare ai proclami che annunciano l’Apocalisse climatica prossima ventura, con il corollario che “abbiamo ancora poco tempo” ma comunque, con l’altro corollario, come fanno gli impareggiabili Telegiornali, compiacendosi – giustamente – dei bagnanti che affollano le spiagge! Perchè questa Apocalisse prossima ventura, nel frattempo ci regala sole, caldo – record, spesso – e vacanze! Che dovrebbero preoccupare, se le cose vanno così male,  non rallegrare; sarebbe come avere il raffreddore o la tosse, perdurando il Covid, e non fare il tampone, come ha fatto lo scrivente, il mese scorso, consigliato dal fratello medico! Ci sarebbe molto altro da dire, sull’argomento, ma me lo riservo per l’avvenire!

Comunque la discussione sul clima, o meglio, sulla riduzione delle emissioni, giustissima, è stata al centro del G20 di Roma, un grande successo per l’Italia e per il Governo italiano, con la presidenza di Draghi, che si delinea sempre più come di assoluto prestigio, specie di questi tempi che precedono l’ attuazioni dei programmi finanziati dagli importanti stanziamenti europei e mentre i cosiddetti “sovranisti”, pure in caduta di popolarità, continuano a sbraitare e ad avanzare le loro pretese fumose, poco chiare e che non avranno nessun seguito, su questo se ne facciano una ragione!

Elezioni: prima di tutto quelle avvenute in uno dei più importanti Paesi europei, la Germania, dove il successo dei Socialdemocratici di Scholz, pur rattristando un po’ i democristiani come lo scrivente che pur sempre simpatizzavano per Angela Merkel – per quando la tedesca CDU si attesti su posizioni più conservatrici di quella che era la nostra DC –  assicura l’alternanza ad un partito storico della Germania,   il Partito cui appartennero grandi leaders socialisti come Willy Brandt e Helmut Schmidt;  la vittoria socialdemocratica, mettendo all’angolo un certo  “nuovo che avanza” presuntuosamente e che, tra le sue schiere, conta un raggruppamento come “Alternative für Deutschland“, con le sue brutte parentele, ma non solo esso, può significare l’inizio del tramonto dei capipopolo, dei tribuni, dei falsi guru e dei falsi profeti che, negli ultimi anni se non decenni, hanno alzato sempre di più la voce e la cresta e riscosso immeritati successi, nutrendosi del malcontento che purtroppo si diffonde in periodi di transizione, e ora di pandemia, come l’attuale. Sulle elezioni amministrative di casa nostra , mentre molti prendono in esame l’astensionismo senza precedenti, vorrei sottolineare, come nessuno mi sembra abbia fatto, che tra i grandi sconfitti della competizione appena avvenuta, si può annoverare il sondaggio: anch’esso, e finalmente, figura tra i perdenti; questo oracolo insinuante ed invadente, nascosto dietro invisibili enti di ricerca, sempre a mezzo mentre si vorrebbe ragionare serenamente e su basi concrete, ha fallito; come i “demoni impostori” contro cui Macbeth inveisce, prima di morire dopo essersi battuto con Macduff,  per averlo illuso con una premonizione sibillina e falsa, così il “sondaggio politico”, che imperversa da noi ben dal 1972, a cui ci si appella, quasi a sostituire, o a minacciare, secondo i suoi responsi, gli esiti dei suffragi elettorali stabiliti dalle leggi, ha disatteso le aspettative di chi tanto vi confidava. “Buon” segno dei tempi anche questo? vedremo!

Puigdemont: chi è costui? Carles Puigdemont anzi Puigdemont i Casamajò, per dirla con spagnolesca –  e  catalana – correttezza, uno di quei personaggi di cui si parla occasionalmente e che poi viene dimenticato: ci è venuto a trovare a settembre, in Sardegna, in luoghi di antiche presenze catalane…il leader dell’autonomia e del velato separatismo della Catalogna, già presidente della “Generalitat” corrispondente, la cui spericolata azione, con il referendum indipendentista promosso nel 2017, non ha mancato, con le varie manifestazioni che si erano svolte e la relativa tensione provocata, ad inclinare verso un anticipo di conflitto civile, che poi non c’è stato anche per l’equilibrio di cui ha dato prova il Governo spagnolo…Della seria situazione non se ne è però accorto, o almeno non l’ho sentito io, il rossochiomato illustre e augusto direttore della rivista Limes, che porta il cognome del famoso Ammiraglio cui è intitolata una delle più note e belle vie di Napoli. A questi, come a tanti giornaloni, vorrei far notare che non si fanno scappare l’occasione per gridare improperi contro il Belgio, accusando il dualismo politico -vallone/fiammingo – che là vige, di portare il Paese sull’orlo della scissione o peggio non appena se ne presenta l’occasione mentre non riescono nemmeno a notare quando davvero, nel caso della Spagna, si potevano davvero riscontrare scene di guerra civile…Il predetto direttore di Limes, addirittura, in occasione degli attentati terroristici del 2016 , ha preso, proprio lui, una cantonata,formidabile; a “Uno Mattina”, tra i tanti impropreri che nemmeno il conduttore Franco Di Mare risparmiava, aveva dichiarato che in Belgio ci soni sei forze di Polizia: una frottola gigantesca; l’illustre , il cui verbo dovrebbe essere infallibile, nel sottolineare che il Belgio è, secondo lui, un Paese fallito, che pure è vivo e vegeto e va’ avanti, e comunque l’espressione era del “Financial Times” ed era in origine di una certa simpatia, ebbene l’illustre direttore si è verosimilmente confuso; il Belgio ha un’unica Polizia, dopo la riforma del 2000 che ha istituito una Polizia su due livelli, Federale e Locale,  ed abolito le precedenti Gendarmeria e Polizia – e comunque ci sono Giornali e Telegiornali che, senza porsi nessun dubbio, hanno parlato, negli anni, con il piglio accusatore, delle due Gendarmerie Fiamminga e Vallone, che non esistevano neppure prima! -; ci sono invece sei zone di Polizia a Bruxelles, che equivalgono, più o meno,  alle nostre Questure, non sei forze di polizia in Belgio; su questo forse si è confuso l’egregio direttore di Limes, nel coro di chi riteneva che il Belgio, dove gli attentati terroristici sono avvenuti con gli stessi modalità e precedenti degli altri Paesi, li avesse dovuti prevenire, unico Stato fra tutti!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: