Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

“Per fare un albero ci vuole…una bottiglia”, l’iniziativa di Carige e Porto dei Piccoli a favore dell’economia circolare

Partendo da un tetrapak e da una bottiglia di plastica i bambini, grazie alla loro fantasia, saranno accompagnati a comprendere le 3 “R” dell’economia circolare, ridurre, riutilizzare, riciclare, e come ogni oggetto possa avere una nuova vita; con un linguaggio semplice si parlerà dell’impatto che la produzione e lo smaltimento dei rifiuti hanno sull’ambiente, delle microplastiche che soffocano i mari ma la cui salvaguardia è essenziale per la sopravvivenza del pianeta. Non ultimi gli obiettivi che l’umanità si pone per i prossimi anni, sintetizzati nell’Agenda 2030, per rendere il mondo più sostenibile.

“Questa è l’edizione numero sette di un’importante iniziativa che ritorna dopo lo stop dovuto alla pandemia”, dichiara Alfredo Maio, responsabile della comunicazione di Carige, “ed abbiamo deciso di adottare una particolare sensibilità verso i bambini che saranno futuri risparmiatori con programmi di educazione finanziaria. Questa iniziativa ha un tema generale ed ogni banca la declina a modo proprio secondo il territorio ed i suoi bisogni; a Genova abbiamo creato un laboratorio in collaborazione con il Porto dei Piccoli avente come tema la sostenibilità ambientale. L’educazione al riciclo ed al rispetto della natura è molto importante anche nell’ottica dell’Agenda 2030 e questo laboratorio, realizzato con un’importante realtà genovese che collabora con il Gaslini, permette di riciclare plastica e tetrapak realizzando un albero partendo, appunto, da una bottiglia dimostrando che i materiali possono avere una seconda vita”.

Stessa soddisfazione da parte di Clarissa Poggi, coordinatrice de Il Porto dei Piccoli :”Ben otto classi di bambini delle scuole elementari prenderanno parte a questo laboratorio in cui, attraverso il gioco, si impara un corretto riuso dei materiali; è fondamentale insegnare buone pratiche come la sostenibilità attraverso modalità che risultano divertenti. Facciamo una sorta di ponte con diverse realtà per portare a casa qualcosa di grande e ne siamo orgogliosi”.

“La società digitale del prossimo futuro sarà caratterizzata da una crescente attenzione, sostenibilità e consapevolezza”, sottolinea Giovanna Boggio Robutti, DG di FEduF (ABI), “che sono anche i leitmotiv di una nuova economia, possibile solo se alla transizione tecnologica si accompagnerà un profondo cambiamento culturale”.

“Attraverso i laboratori didattici organizzati grazie alla consolidata collaborazione con FEduF e con il Porto dei Piccoli ci proponiamo di coltivare nelle nuove generazioni una sensibilità spontanea e diffusa verso i tanti temi che riguardano la sostenibilità”, ricorda Roberta Famà, Responsabile Comunicazione di Banca Carige, “e partendo proprio dai più piccoli è importante far comprendere come le nostre azioni quotidiane possano fare la differenza e ciascuno possa fare la propria parte per contribuire a creare in futuro un mondo migliore”.

“Ci siamo e ci saremo sempre per iniziative che portano all’attenzione di bambini e ragazzi tematiche importanti come quelle promosse dal Festival della Cultura Creativa; uno dei mezzi tramite i quali cerchiamo di trasmettere valori è il gioco, che per noi assume ancora più significato se diventa motore per apprendere e animare le nuove sfide collettive. Il laboratorio sulle 3 “R”, ridurre, riutilizzare, riciclare, non può che condurre i nostri adulti di domani ad acquisire una quarta “R’” quella di responsabilità”, conclude Gloria Camurati Leonardi, Direttore Generale e fondatrice dell’Associazione Il Porto dei Piccoli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: