Economia

Pesca, un patrimonio da tutelare con la qualità

Il problema, oggi, non è quello di moltiplicare (i pani) ed i pesci, ma almeno di tutelare quelli che ci sono. E non sarà un’impresa di poco conto. E’ quanto si è capito questa mattina fin dalle prime battute dell’incontro dibattito sulla filiera della pesca organizzato nella Sala della Sibilla, sul Priamàr, da Capitaneria di Porto e Camera di Commercio di Savona. Una sala gremita in ogni ordine di posti da addetti ai lavori, imprenditori del mare ma anche commercianti all’ingrosso, ristoratori, rappresentanti di enti di controllo, veterinari, amministratori, autorità.

Si è capito subito, perché già l’intervento di apertura del comandante del Porto di Savona, Enrico Moretti, si è confrontato con una realtà fatta di molte regole – tutte giustificate dalla necessità di tutelare la salute di chi, a fine corsa, consuma il pesce – che non possono non pesare, e in qualche caso gravare, sui comportamenti di chi quel pesce lo va a pescare. “Noi siamo chiamati a controllare – ha sottolineato Moretti -, ma vorremmo che questo fosse per davvero l’ultima delle nostre incombenze. Vorremmo invece essere considerati come partner di chi su questa attività vive, produce reddito e contribuisce all’economia costiera, compreso il turismo”. “La pescosità del mar Ligure – ha aggiunto il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, intervenuto subito dopo – è un patrimonio e come tale dobbiamo difenderlo e possibilmente incrementarlo. E’ qualcosa che si avvicina alla civiltà co0ntadina, con valori di tradizione e di professionalità che prima di tutto devono essere difesi e poi inseriti in un disegno di sviluppo, che in questo caso va ricercato nella sempre più elevata qualità del prodotto”. Prodotto che dà origine ad un’importante filiera: lavorazione, conservazione, consumo, e che incide notevolmente sul turismo ligure. “L’ospite della riviera, dei nostri ristoranti e alberghi – ha detto Pasquale – vuole conoscere sempre di più il cibo che consuma. Chi saprà dargli le risposte più convincenti avrà le migliori possibilità di fidelizzare e aumentare i propri clienti”: “Il paradosso – ha osservato il sindaco di Savona, Federico Berruti – è che mentre da parte dei consumatori c’è sempre più apprezzamento per la qualità del pesce del mar Ligure, dall’altra parte ci troviamo con i nostri pescatori sempre più in difficoltà: costi crescenti, norme tra cui è difficile districarsi e prezzi di vendita poco remunerativi rischiano di farci perdere delle professionalità di notevole rilievo, difficili da rimpiazzare”. E sui problemi dei pescatori si è soffermato anche l’assessore regionale all’Agricoltura e Pesca, Giovanni Barbagallo: “Non è possibile che un Paese con migliaia di chilometri di coste come l’Italia sia costretto ad importare il 70 per cento del pesce consumato, Purtroppo ci sono troppe regole, troppa burocrazia. Per far funzionare questa filiera abbiamo bisogno di un sistema più semplice. Ci sono già state delle manifestazioni, il settore è esasperato perché a più regole sui accompagna, in questa congiuntura, una minore remuneratività”. E’ toccato all’ammiraglio Felicio Angrisano, capo del Dipartimento Marittimo della Liguria, ricercare un minimo comune (nella foto) denominatore, partendo da quella che viene definita la “politica comune” della pesca: attività, cioè, che deve trovare una sintesi tra tutti gli attori che vi partecipano, sempre tuttavia con un obiettivo chiaro e prioritario: la difesa della qualità e dell’ambiente, presupposto indispensabile e ineludibile. “Non ci sono scorciatoie se si vuole tutelare il lavoro e la salute. Qualità lungo tutta la catena alimentare: dalla rete al piatto, come dice il tema di questo incontro. Ma anche, potremmo dire, dal piatto alla rete, se vogliamo pensare allo sviluppo del settore, perché il prodotto va anche valorizzato al meglio per dare più motivazioni a quelli che passano le notti in mare”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: