Archivi

Attualità

Piante da ornamento e conversazione

Albert Einstein diceva: “ogni cosa si possa immaginare la natura l’ha già creata”. Le piante servono per combattere lo smog, il grigiore delle città, abbiamo sempre più bisogno di piante a partire da quelle d’appartamento, giardino, particolari sono le piante da conversazione. Uomo e giardino, anche in vaso, sono una storia d’amore, possono capirsi, aiutarsi vicendevolmente. Per cercare i fiori, è utile seguire le api che sanno dove dirigersi anche in città. Cominciamo da Acmella, una pianta originaria del Brasile, dove cresce spontaneamente. Potrebbe essere una splendida proposta per appartamenti, se ne possono assaggiare i fiori, sembrerà di avere in bocca una caramella frizzante, mentre le foglie potrebbero essere usate da mangiare in insalata. Il suo fulgore è in primavera estate, all’esterno, mentre in inverno forse in appartamento. Altra pianta esotica, una solanacea, Solanua Oligenum, originaria dell’India, produce dei frutti commestibili, simili a uova. Da noi può vivere all’esterno in estate, in serra tutto l’anno. Può vivere per 3/4anni e a tempo giusto può essere messa in centro tavola, potendone assaggiare i frutti.      L’Edilium Coronarium della famiglia dello zenzero, di cui ha il profumo, si adatta ai nostri climi, non è commestibile, fiorisce nel periodo settembre/ottobre. Se ne possono avere di varie specie e colori, può raggiungere una altezza di 2 metri, necessita di molta acqua.  L’Euforbia Citofora simile ad una stella di Natale, fiorisce nel periodo agosto/ottobre  necessita di temperatura media e chiede molta luce. L’Akebia Quinata è una pianta rampicante dalle uova viola(commestibili), è originaria della Cina e Corea, robusta, molto profumata, fiorisce con durata  20 gg in inverno. Va messa a dimora, anche in vaso grande, in autunno per crescere in primavera.  La Canapa CBD, non ha principi attivi psicotropi, pertanto non dà assuefazione, va seminata da semi certificati per evitare contestazioni, si può usare anche per tisane rilassanti come camomilla. Altra pianta interessante è la Salvia, oltre alla classica officinalis, che spesso coltiviamo nei nostri gradini, ne esistono moltissime (circa 1000)  varietà, ricche di colori e profumi (da incenso, ananas, anice), anche le foglie a volte sono aromatiche, profumate, fiori di forme tali da mettere in difficoltà spesso anche le api . Infatti le varietà Sud Americane hanno fiori lunghi e sottili accessibili ad alcuni uccelli dal becco lungo, mentre  le api per succhiare il nettare devono bucare i fiori nella parte bassa del calice. Con la salvia possiamo avere giardino o balcone fiorito e profumato tutto l’anno, fiorisce in primavera dei rispettivi climi di origine : Salvia Elegans (tropicale) fiorisce da dicembre a marzo, Salvia Rumorosa resiste molto bene al freddo -20°, Salvia Madrensis cresce  sino a 2 metri di altezza, la Salvia Peruviana vive nel deserto, resiste bene al freddo – 15°.  Un cenno meritano le piante, come Melissa e Rosmarino che servono ad aiutare la natura, forniscono ospitalità, danno possibilità ai bruchi di riprodursi e diventare farfalle, “Balconi delle farfalle”, perchè hanno difficoltà a trovare habitat adatto in campagna a causa degli erbicidi velenosi usati.


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: