Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Politica mano nella mano

In Italia la Politica è sempre stata maschiocentrica, le donne, che da poco hanno conquistato il diritto al voto 1945/46 e le first Lady sono sempre rimaste in ombra, quasi per un riguardo, magari un po’ ipocrita, al contrario di quanto avviene in Usa e Francia, fino alla riserva di quote rosa in Parlamento. I nostri cerimoniali non richiedono la presenza della first Lady. L’unica che per prima si è un po’ staccata la Nilde Jotti, anche se sotto sotto siamo pieni di donne eccezionali che hanno lavorato nell’ombra. L’unica che è apparsa e poteva avere i requisiti, pur senza entrare nel ruolo fu’ Veronica Lario a fianco di Berlusconi che forse la voleva sul palcoscenico politico, ruolo che certamente ha interpretato dopo sui rotocalchi con il divorzio. Salvini ha esposto di sé a versione moderna, forse spregiudicata e forse aspetta un futuro spazio perché Francesca Verdini, possa esplicarsi, Francesca Verdini che potrebbe aver ereditato in linea femminile da madre assistente di Spadolini e nonna partigiana amica di Pertini. La signora Napolitano con il suo carattere dirompente e spontaneo, dietro certi silenzi è apparsa e quando lo ha fatto a ruota libera. La moglie di Ciampi e di Pertini poi vollero mantenere la propria privacy rinunciando al Quirinale. Un’ eccezione che in un certo senso conferma la regola, la Carfagna che voleva salire per meriti propri e non come designata, già laureata, si è impegnata studiando ancora e preparandosi, per diventare leader e non first lady. Arrivò a mortificarsi nella sua bellezza rinunciando a vistosi abbigliamenti e pettinature (tagliò i capelli) e prese posizione in difesa della Segre attaccata con 200 messaggi razzisti e antisemiti al giorno. Nel gioco dei ruoli con merito di leader, non accontentandosi di stare un passo indietro troviamo la Raggi, che prima di presentarsi al ballottaggio per il Comune di Roma dichiarava di essersi separata dal marito. Altra che non è mai apparsa, la fidanzata di Conte, mentre Di Maio è sempre accompagnato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: