Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Politici liguri a sostegno dell’Agricoltura regionale

Nei loro ambiti rispettivi, Mai e Vazio prendono posizione

Le Regioni Italiane hanno presentato al Governo un documento di richieste di sostegno per i comparti agricolo, ittico e zootecnico; di tale petizione fanno parte le proposte avanzate dall’Assessore regionale all’Agricoltura e Pesca della Liguria, Stefano Mai.

“Sono molto soddisfatto perché quanto ho richiesto è stato accolto favorevolmente dai colleghi delle altre Regioni e presentato al Governo tra le necessità urgenti e imprescindibili – così si esprime l’Assessore Mai -. Da un lato abbiamo potuto leggere che il testo provvisorio del decreto Cura Italia pare contenga già alcune nostre istanze, come ad esempio la cassa integrazione in deroga, l’anticipo della Pac o la sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali. Tuttavia abbiamo ribadito al Governo come in questo momento sia fortemente necessario anche un accesso al credito agevolato per le aziende in crisi”.

“Per quanto riguarda la Liguria, è fondamentale che sia stata portata avanti la richiesta di istituire un fondo speciale nazionale di sostegno per il comparto florovivaistico. Si tratta di un settore per noi cruciale che rischia di essere messo in ginocchio nelle prossime settimane. Inoltre sono state proposte: l’attivazione del fondo di solidarietà europeo, la dichiarazione dello stato di calamità e l’attivazione del fondo di solidarietà nazionale che dovrà essere adeguatamente finanziato”.

“Abbiamo previsto anche delle soluzioni immediate inerenti il Programma di sviluppo rurale come ad esempio l’anticipo e l’aumento dei pagamenti per le misure a superficie. È stata poi chiesta l’attivazione degli strumenti del Psn, il Piano di sviluppo nazionale, per la stabilizzazione del reddito, equiparando la pandemia a una vera e propria condizione di calamità naturale”.

“Per quanto concerne il comparto ittico, è stata condivisa la mia proposta di scomputare dal prossimo fermo biologico le attuali giornate di pesca che non possono essere sfruttate in questo periodo. Sono state anche presentate altre necessità impellenti, come ad esempio la moratoria per le imprese rispetto ai contributi previdenziali, tasse, mutui, prestiti, o la necessità di apertura di linee di credito, e ancora l’anticipo ad aprile del fermo biologico previsto per agosto. Infine è stata evidenziata la necessità dello sblocco dei pagamenti per i fermo pesca già effettuati”.

“In sostanza, attraverso un confronto serrato che va avanti da alcuni giorni, siamo arrivati alla definizione di un documento contenente le principali esigenze di agricoltura, pesca, allevamento, acquacoltura, ittiturismo e agriturismo. Abbiamo bisogno di misure energiche che siano in grado di permettere alle nostre aziende di superare questo difficilissimo periodo e ripartire al più presto. Per questo motivo abbiamo chiesto che siano realizzate anche importanti semplificazioni burocratiche, in modo da sgravare le aziende da taluni obblighi e oneri e lasciare che si concentrino sul salvare la produzione”.

Anche Franco Vazio, deputato del Partito Democratico, prende posizione a favore dell’Agricoltura regionale e così afferma:

Come Regione Liguria stiamo cercando di attivare tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione, anche agendo in deroga, sfruttando le possibilità assegnate dal decreto che attendiamo. Nei prossimi giorni approverò un documento di misure che possano essere di sostegno a tutti i comparti citati. Deve essere chiaro che non ci possiamo permette nemmeno la chiusura di un’azienda e la perdita di un posto di lavoro. Ogni giorno ci stiamo impegnando per questo. Auspichiamo quindi che le nostre richieste vengano accolte nella loro totalità”.
“L’emergenza Coronavirus e i suoi effetti sull’economia ha impattato duramente sulla filiera agricola ligure ed in particolare sul settore floricolo. In questo fine settimana sono stato in continuo contatto telefonico con moltissime imprese della Liguria e con autorevoli dirigenti di importanti associazioni di categoria; conosco le criticità e i problemi sul campo e credo che il DL approvato ieri offra al settore una prima importante risposta, da ampliare e migliorare con i prossimi provvedimenti normativi d’urgenza”.

“Le coltivazioni in vaso sono deperibili in brevissimo tempo e non servono grandi competenze e spiegazioni per comprendere le conseguenze drammatiche di un invenduto su larga scala. Agricoltura non è solo filiera alimentare e per questa ragione, in questi giorni, ho lavorato 24 0re insieme ai ministri e ai sottosegretari del Pd affinché il DL comprendesse prime ed efficaci misure di sostegno anche a questo settore così gravemente colpito. Peraltro abbiamo assistito in queste ore anche ad autentiche furberie commerciali a danno delle nostre imprese agricole, alle quali è stato comunicato che i contratti firmati sarebbero “saltati” giacché le “aromatiche non erano più vendibili” per effetto dello stop alle vendite imposto dai DPCM approvati”.

“Il basilico, il rosmarino, la salvia, invece, sono e restano alimenti, anche se sono coltivati e venduti in vaso e per i quali, quindi, non esiste alcun blocco alla vendita al dettaglio. È la stessa Agenzia delle Entrate che ha confermato con plurime risoluzioni che “basilico, rosmarino e salvia, freschi, origano a rametti o sgranato” sono destinati all’alimentazione e come tali prevedono l’aliquota IVA del 5 per cento. Se qualcuno pensa di fare il furbo a danno delle nostre imprese agricole sappia che troverà il sottoscritto e il Pd in mezzo ai campi a stroncare comportamenti che con l’attuale emergenza sanitaria non c’entrano nulla”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: