Attualità

Polveri sottili: nel 2011 Savona 27 volte sopra i limiti

Secondo il dossier Istat sugli indicatori della qualità urbana 2011, nella città di Savona, lo scorso anno, la rete delle centraline di controllo ha registrato in 27 giorni il superamento del limite per la protezione della salute umana previsto per le polveri sottili Pm10. Il superamento è stato dovuto alle rilevazioni sul traffico veicolare (ovvero in punti di campionamento rappresentativi dei livelli d’inquinamento determinati prevalentemente da emissioni provenienti da strade limitrofe con flussi di traffico medio-alti) e si confronta con i soli 5 sforamenti che erano stati registrati nel 2010.

Altre tre giornate di supero (5 nel 2010) sono state registrate misurando l’inquinamento di fondo. Nessun supero ha riguardato specifiche emissioni di tipo industriale. Il numero medio di superamenti a livello nazionale si è attestato a 54,4 giorni, in aumento rispetto agli ultimi anni, nel corso dei quali i valori erano diminuiti dai 68,9 giorni del 2007 ai 44,6 giorni del 2010. L’incremento è in parte dovuto all’andamento dei fattori meteo-climatici nell’Italia settentrionale e, soprattutto, nella Pianura Padana. Sempre secondo i dati Istat, il valore più elevato della concentrazione media annua di Pm 2,5, misurato in microgrammi per metro cubo di aria, ha toccato il valore 18, a fronte di un valore limite che nel 2011 era fissato a quota 28. Anche in questo caso il dato è stato determinato dalla componente traffico. A livello ligure, il corrispondente valore massimo registrato a Genova è stato pari a 22,3 mentre La Spezia si è fermata a 16. Negli anni precedenti la concentrazione di Pm 2,5 nell’aria savonese era stata leggermente inferiore: 15,9 nel 2008, 15,9 nel 2009, 14,4 nel 2010.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: