Cultura e MusicaMusica

Premio internazionale Spotorno Nuovo Giornalismo

 Prenderà il via venerdì  alle ore 15,00 al Centro Congressi Palace, il Premio Internazionale Spotorno Nuovo Giornalismo, la “tre giorni” dedicata all’approfondimento e alla riflessione sui percorsi del giornalismo. L’evento, fortemente voluto dal Comune di Spotorno, Assessorato al Turismo insieme alla Polisportiva Spotornese, sotto il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, con il contributo della Regione Liguria, della Provincia di Savona e della Fondazione De Mari – Cassa di Risparmio di Savona, si pone in stretta continuità con il premio storico, nato nel borgo rivierasco, alla fine degli anni 70. Pioniere fra i Comuni italiani, Spotorno istituì a partire dal 1978 un Premio giornalistico annuale che ottenne, nel giro di poche edizioni, una risonanza nazionale. Nel borgo ligure, tra il 1978 e il 1987, furono premiati Sergio Zavoli e Miriam Mafai, Carlo Casalegno (alla memoria), Arrigo Levi, Peter Nichols (Times), Enzo Biagi ed Egisto Corradi.

Dopo una lunga pausa, l’Amministrazione comunale, attenta negli anni a perseguire una politica culturale di livello, ha voluto riproporre nel 2013 una nuova edizione del Premio. Una sfida non semplice che, proprio per questo, è stata affidata a professionisti del settore, in grado di garantire, in nome della continuità con il passato, una rilettura moderna del Premio, a partire dai mutamenti che hanno coinvolto il linguaggio della comunicazione. A battezzare questa rilettura dell’evento sarà un protagonista d’eccezione del mondo del giornalismo: Gianni Riotta, docente di New Media a Princeton, editorialista de La Stampa, già direttore del Tg1 e de “Il Sole 24 ore”. Riotta ha fortemente creduto nel progetto, accettando non soltanto di presiedere la giuria, ma anche di imprimere nuovi contenuti che si colleghino al taglio internazionale e innovativo del giornalismo contemporaneo e dunque del Premio Spotorno. In stretto contatto con Riotta ha operato l’ideatore e curatore del Premio, Daniele Bellasio, caporedattore centrale de “Il Sole 24 Ore”, responsabile della redazione Commenti, inchieste e attività social media, già condirettore del mensile “IL” e vicedirettore esecutivo del quotidiano “Il Foglio”. Accanto a lui, Samanta Chiodini e Pietro Galeotti, autori televisivi di primo piano, da anni impegnati nella trasmissione “Che tempo che fa”.Grande la soddisfazione del vicesindaco del Comune di Spotorno, Franco Riccobene, che ha profuso forte impegno per la realizzazione dell’evento. «Il Premio Internazionale Spotorno Nuovo Giornalismo riprende una iniziativa di cui il Comune di Spotorno fu protagonista tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta, con l’obiettivo di aprire una canale di comunicazione straordinario con il mondo dei media, così articolato e diffuso nel nostro tempo. Anche se il momento economico penalizza fortemente le iniziative delle Amministrazioni pubbliche – ha detto Riccobene – il Comune di Spotorno ha creduto e lavorato intensamente per realizzare una manifestazione di contenuto, che costituirà un momento centrale per la riflessione sulle nuove vie del giornalismo. La professionalità dei curatori ha permesso di creare un evento di prestigio, a cui intendiamo dare continuità, che è stato realizzato con il contributo esterno di una serie di sponsor istituzionali e privati, che colgo l’occasione per ringraziare. Nei giorni del Premio, Spotorno offrirà un palcoscenico ideale tra cultura, ambiente, balneazione».

CHE COS’E’

Il Premio, che intende inserirsi nel panorama italiano come laboratorio aperto al dibattito e all’approfondimento sui linguaggi del giornalismo, si compone di due riconoscimenti:

· premio #sbarbaro – Per il giornalismo “senza confini” che volge il proprio sguardo all’internazionalizzazione, nel confronto e nell’attenzione per l’Europa e per il mondo.
· premio #primizie – Per il giornalismo che innova, nelle forme, negli strumenti e nel linguaggio, non orientandosi per forza ai nuovi mezzi di comunicazione (web e social network), ma dando una impostazione “altra” all’informazione tradizionale.
Due, quindi, i premiati: una figura “storica”, già molto conosciuta, del mondo dell’informazione, e una figura affermata e attiva nel settore più moderno e innovativo.
Il conferimento dei riconoscimenti, che avverrà domenica 22 settembre 2013 alle ore 10,00 al Palace, costituirà il momento finale di un percorso di tre giorni, dove saranno presenti a Spotorno esponenti di primo piano del mondo della comunicazione che potranno incontrarsi, ospiti delle location più prestigiose ma anche confortevoli del borgo rivierasco, in riva al mare, in un confronto di idee e di esperienze vissute. Un laboratorio a cielo aperto, un “BeachCamp”, quindi secondo una formula di incontro e di comunicazione innovativa, dove il pubblico potrà dialogare con personalità del giornalismo italiano e internazionale.

LA GIURIA
La giuria del Premio Internazionale Spotorno Nuovo Giornalismo è composta da giornalisti di primo piano dei media tradizionali e multimediali italiani e esteri che saranno presenti a Spotorno nei tre giorni dell’evento per approfondire temi e confrontarsi con il pubblico durante i Beach Camp. Questi i membri della giuria:

Gianni Riotta, PRESIDENTE
Docente di New Media a Princeton, editorialista de La Stampa,
il suo ultimo libro si intitola “Il Web ci rende liberi?” (Einaudi)

Fabrizio Forquet – Vicedirettore de Il Sole 24 Ore

Marco Bardazzi – Caporedattore centrale – Digital Editor – LA STAMPA

Federico Sarica – Direttore di Rivista Studio

Renato Tortarolo – Giornalista – Cultura e Spettacolo Il Secolo XIX

Alessandra Sardoni – Conduttrice de La7

Pietro Galeotti – Autore di Che tempo che fa

Luca Sofri – Direttore de Il Post

Annalisa Cuzzocrea – Notista politica della Repubblica

Stefano Bartezzaghi – Giornalista, scrittore, editorialista di Repubblica, docente di Teorie della creatività all’Università Luiss di Roma

Antonio Troiano – Caporedattore Cultura del Corriere della sera, dirige La Lettura

I LUOGHI
Due sono le sedi che ospiteranno i momenti più importanti della tre giorni spotornese: il Centro congressi polifunzionale Palace, collocato sulla via Aurelia, affacciato sul mare, e il Molo Sirio, uno degli scorci più pittoreschi del borgo, raggiungibile sempre dalla via Aurelia, allestito per accogliere gli ospiti in un evento che conservi, assieme al prestigio, anche la freschezza di un incontro informale. Al Molo Sirio avranno luogo i Beach Camp, i momenti di approfondimento, dibattito, confronto e incontro tra “addetti ai lavori” e pubblico. Al Molo Sirio sarà, inoltre, possibile effettuare la registrazione all’evento ricevendo il materiale informativo. Al Centro Congressi Palace si svolgeranno, invece, i momenti più ufficiali della manifestazione, a partire dall’apertura ufficiale del Premio, con un saluto delle autorità locali, sino al conferimento dei Premi stessi.

IL PROGRAMMA

Tanti i momenti di incontro, di dibattito, ma anche di spettacolo che si susseguiranno nei tre giorni spotornesi. Due i Beach Camp previsti, gli incontri con i giornalisti, nei pomeriggi di venerdì e sabato, moderati rispettivamente da Daniele Bellasio e da Gianni Riotta, dove si parlerà di temi d’attualità legati alla comunicazione e all’utilizzo dei nuovi media. Ospiti di primo piano si interrogheranno, insieme al pubblico, sul futuro dell’informazione, dei giornali e sull’utilizzo dei social network. Tra gli ospiti, Matteo Civaschi e Gianmarco Milesi, gli autori di “Shortology”, un cult nel mondo della comunicazione.
Spazio anche ai momenti di spettacolo. Nella serata di venerdì, sul palco di Piazza della Vittoria alle ore 21, appuntamento musicale con Paolo Jannacci. Pianista, compositore e arrangiatore, Jannacci citerà alcuni dei brani più noti del padre Enzo per proseguire con la propria personalissima musica. Sabato sera, sempre alle 21 sul palco di Piazza della Vittoria, sarà la volta di un altro grande ospite, Francesco Baccini che proporrà lo spettacolo “Baccini canta Tenco”: un momento musicale estremamente raffinato, ma anche coinvolgente, con un invito a ripercorrere alcuni dei momenti più intensi del grande cantautore italiano attraverso la voce di Baccini.
Durante i tre giorni dell’evento sarà inoltre possibile visitare la mostra storica, allestita nella Sala mostre del Palace, che ripercorre i momenti più intensi delle edizioni del Premio che si sono susseguite, in modo non continui, dal 1978 al 1987. La consegna dei premi #sbarbaro e #primizie avverrà nella mattina di domenica, ore 10,00, presso il Palace.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: