Cultura e Musica

Presentata la stagione artistica 2012-2013 del teatro Chiabrera

E’ stato presentato ieri presso il Foyer del Teatro, la Stagione Artistica 2012-2013 del Teatro G.Chiabrera, alla presenza del Sindaco di Savona Federico Berruti e del Direttore del Teatro, Roberto Bosi. Afferma il Sindaco Federico Berruti nell’introduzione al programma: “Presentare il ricco cartellone della stagione del Teatro Chiabrera è uno dei piaceri che mi toccano ogni anno”.

“Lo faccio, ancora una volta, dopo aver gustato titolo dopo titolo, nome dopo nome, le scelte che, la direzione, con grande sensibilità e in accordo con l’amministrazione, ha fatto. L’estate scorsa abbiamo riflettuto, grazie al nuovo Savona Screen Festival, sulla televisione (attraverso la rassegna Ideona) e sul cinema (grazie al ritorno del grande schermo sul Priamàr). È stato un grande successo. Il pubblico ha apprezzato, e molte idee e riflessioni sono emerse da quelle bellissime giornate. Alcuni di quegli spunti li ritroveremo nel programma di prosa della stagione del Chiabrera. Il teatro è un medium autonomo, forte, di grande prestigio e dalla storia importante. Eppure è sempre riuscito a dialogare con la mutevole realtà che lo circonda. Così fa oggi, attraverso testi, autori e attori. Da anni l’attenzione alla contemporaneità caratterizza una parte del programma del nostro teatro. Quest’anno il richiamo sarà ancora più evidente e pregnante.Ma non ci sarà solo la prosa. Il programma musicale è di straordinario livello.” Prosegue il Sindaco Berruti “Il nostro territorio è ricco di proposte musicali di qualità, ma il Chiabrera resta lo scrigno del virtuosismo, della bellezza e anche del nomi più celebrati. Attraverso il nostro teatro la grande musica giunge a noi, da tantissimi anni. Ma non è tutto. Come dimenticare il teatro per i più giovani, ovvero il pubblico di domani? Molto ancora ci sarebbe da dire, dunque, ma la cosa migliore, a questo punto, è sfogliare il programma e cominciare a selezionare gli spettacoli che ci interessano di più”. Il Direttore del Teatro Chiabrera, Roberto Bosi ha sottolineato e approfondito gli aspetti e le peculiarità del ricco programma: “La stagione artistica si compone di quattro rassegne per settantaquattro rappresentazioni confermando la consueta qualità della proposta e con una nominale modifica nell’articolazione che vede unificare la “prosa” e il “teatrogiovani” sotto la più semplice dizione di “teatro”. Come già anticipato nei mesi scorsi, la stagione teatrale, approfittando di una serie di opportunità contingenti offerte dal mondo della produzione, è stata pensata come autorevole prolungamento ideale del “Savona Screen Festival” estivo dedicato al grande e piccolo schermo. Non certo nel senso di “portare il cinema (o la televisione) a teatro”, né, all’opposto, nel mettere alla “prova” del palcoscenico, del contatto diretto con un pubblico più “esigente”,  figure note del cinema italiano e della produzione televisiva. Si tratta, piuttosto, scontata la differenza del “mezzo”, di uno scambio che può riservare piacevoli sorprese e motivi d’interesse e che valuterà conclusivamente il pubblico se “alla pari”. D’altra parte la permeabilità tra teatro, cinema e televisione è ormai un dato indiscutibile e sta interessando non solo attori che provengono dallo schermo, ma anche dalla tradizione teatrale. Inaugura la rassegna Laura Morante, volto notissimo del cinema italiano che, in tempi lontani, è stata un’originale Ofelia con Carmelo Bene. Il perturbante testo di Martin Crimp, tra i più interessanti drammaturghi inglesi contemporanei, ricorda atmosfere pinteriane con uno svelamento sempre rimandato della verità, una storia d’amore e di menzogne che tiene “avvitati” Corinne e Richard. Altra “morettiana” di ferro è Margherita Buy che “Nel nome del padre”, testo di un “padre” nobile del teatro italiano quale Luigi Lunari, restituisce con sognante dolcezza la tragica storia di Rosemary Kennedy, sfortunata figlia di Joseph e sorella del presidente assassinato mentre tocca a Patrick Rossi Gastaldi dare voce ad Aldo Togliatti, figlio di Palmiro, che ha visto la sua vita sconvolta dalla lotta e dalla passione politica del padre. Un incontro che avviene in un aldilà ipotetico, in una sorta di camera di “decantazione” delle passioni che si conclude con un commuovente abbraccio consolatorio. Che manca, invece, nella strepitosa interpretazione di Monica Guerritore, un ritorno dopo gli storici spettacoli con Gabriele Lavia, che “diventa” Oriana Fallaci nella desolata ultima casa di New York. Ad un passo dall’addio, la grande cronista, la prima “celebrity” ripercorre la sua straordinaria carriera non nascondendone le contraddizioni e la scelta di celarsi per vivere, poi, nel mito. Sarà certamente senza merletti, per la regia di Giuseppe Marini, “La locandiera” di Nancy Brilli, altro gradito ritorno dopo quindici anni. Il famoso testo goldoniano manca, nella stagione serale, dal 1980 (Gravina-Micol) e l’attrice, dotata di grande simpatia, dovrà aggiungere a Mirandolina, mix di fascino seduttivo e di freddo calcolo, la perfidia di una moderna commediante nella lotta senza quartiere del narcisismo tra i sessi. Il nostro “fil rouge” tra cinema e teatro è dato anche dagli “interplays” di testi nati per la televisione e passati in palcoscenico e viceversa. Ai primi appartiene “Scene da un matrimonio” (in origine “Scene di vita coniugale”) di Ingmar Bergman. Federica Di Martino e Daniele Pecci, nell’adattamento e regia di Alessandro D’Alatri, sono riusciti a confrontarsi con la mitica edizione di Lavia-Guerritore del 1998 ospitato anche in città. Quel che viene “sacrificato” delle brume nordeuropee e degli umori strindberghiani viene rischiarato, ed alleggerito, da un certo cinismo riflessivo non privo di ironia affidato ad una coppia più giovane e, forse, ancora vitale. Ai secondi appartiene, invece, “Il discorso del re” di David Seidler nato, appunto, come testo teatrale e vincitore, come film, di quattro Oscar 2011. Ad affiancare Luca Barbareschi, logopedista sui generis di altezze reali, il Giorgio VI di Filippo Dini tra i più quotati giovani attori italiani, in una commedia ironica e commuovente, temperata dall’empatia tra le persone e attraversata dalla rudezza della Storia. Dopo 20 anni tornano due testi molto diversi. Al “Cyrano” di Rostand si oppone “Il nipote di Rameau” di Diderot. Se nell’edizione con Branciaroli (1992) lo spadaccino guascone univa al trasporto emotivo un costante distacco ironico, una presa di distanza in favore dell’autenticità del personaggio storico, nel presente allestimento Alessandro Preziosi (anche regista) toglie letteralmente il naso a Cyrano, ne sottolinea l’indomabile slancio, l’eccesso del sentimento che lo guida ad utilizzare ogni mezzo per rivelare la sua passione a Rossana, pur comprendendo la sua inadeguatezza (che quindi non è fisica) ad esprimerla appunto perché oltre il “comune” sentire dell’amore. E se con Lavia (1992) “Il nipote di Rameau” era una sorta di teatro filosofico giocato sulla scacchiera della vita che si interroga sul rapporto tra bene comune ed esigenze personali, per Silvio Orlando (anche regista) ad andare in scacco è la virtù contro la necessità materiale, gli orientamenti ideali contro le opinioni dei potenti, il tutto “abbassando” il livello morale del musico fallito fino a farne una maschera grottesca e antesignana del “libero servo” pronto a compiacere e servire l’opinione pubblica (forgiata dai potenti). Marco Baliani, riconosciuto maestro dell’arte della narrazione, ha saputo creare una “ballata in ariostesche rime” per Stefano Accorsi che si riaffaccia a teatro vestendo i panni del “Furioso Orlando”, amato non corrisposto. Contrappuntata dalla presenza di Nina Savary, la performance generosa ed instancabile all’inseguimento di Angelica è sorvegliata dalla lieve ironia del grande scrittore emiliano e consente una piacevole (ri)scoperta del suo capolavoro. Tra i più neri e perfidi testi pirandelliani, “L’uomo, la bestia e la virtù” manca dal nostro teatro dal 1978 (Tieri-Lojodice). Affidato alle attente cure di Enzo Vetrano e Stefano Randisi, specialisti dell’autore agrigentino, la pièce distilla tutto il superbo sarcasmo e il paradossale rovesciamento dei valori a cui porta l’osservanza delle regole e dei ruoli convenzionali: è, infatti, l’amante Professor Paolino che, a tutti i costi, fa ottemperare al marito i suoi doveri coniugali per coprire la gravidanza “intempestiva” della moglie, ma che ne sarà della “virtù” (risvegliata) della signora Perella? “La coscienza di Zeno” è assente, invece, dal 1987 quando il teatro ospitò la prima nazionale dell’edizione guidata da Giulio Bosetti e per la regia di Egisto Marcucci. Il nuovo spettacolo, sempre sul testo di Tullio Kezich dal romanzo di Svevo, vede protagonista Giuseppe Pambieri e la regia di Maurizio Scaparro, decano e maestro del teatro italiano. L’inetto Cosini, malato di “vita”, continuerà a depistare il dottor S. fumando “l’ultima sigaretta” in attesa della fine del mondo. Immediatamente adottata dai nostri studenti e poi dal pubblico, Lucilla Giagnoni prosegue la sua ricerca sulla “luce”. Ai ragazzi propone il terzo e conclusivo segmento del suo cammino “rivelando” in “Apocalisse” la contiguità tra la luminosità del testo di S. Giovanni e l’accecante “Edipo Re” sofocleo, al pubblico, dopo il percorso dantesco, offre l’emozionante viaggio dal Big Bang alla rivoluzione einsteiniana dimostrando che si può parlare della scienza attraverso la Genesi e Shakespeare. E se Bergonzoni continua a stupire con i suoi fulminanti calembours e gli Oblivion, lanciati dalla televisione “orizzontale” di internet, giocano intelligentemente con un secolo di materiale musicale, “alto” e “basso”, Antonio Catania, altro noto viso “cinematografico”, da Moretti a Verdone, da Salvatores a Soldini, è lo spassoso ministro fedifrago di “Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa” di Ray Cooney, una macchina perfetta di risate. Completano la stagione Ficarra & Picone e Aldo Giovanni e Giacomo, due formazioni che rappresentano sempre di più, con pregi e difetti, una  possibile (auspicabile?) circolarità futura tra televisione, cinema e teatro. Per l’operetta Corrado Abbati continua nell’espansione del repertorio in terra americana. Tocca ora al musical “Bulli e Pupe” di Frank Loesser, celebre successo hollywoodiano e film con Marlon Brando e Frank Sinatra, contraltato, però, da un “hit” della tradizione viennese quale “Il pipistrello” di Johann Strauss jr. secondo, per allestimenti, solo alla “Vedova allegra”. La Compagnia Italiana di Operetta onora il suo “titolo” presentando, invece, la classica e colorata napoletanità di Salomè, la “Scugnizza” di Lombardo-Ranzato. Nel balletto riprende la trilogia čajkovskijana con il sempre amato natalizio “Schiaccianoci” nell’edizione del Russian Ballet Moscow mentre il Balletto di Milano ripercorre il Novecento francese. Da quello anteguerra con una “Soirèe Ravel” che si conclude con l’immancabile Bolèro alla Parigi degli anni cinquanta degli chansonniers, da Brel alla Piaf ad Aznavour in una fresca e seducente coreografia che ha valso ad Adriana Mortelliti il Premio Vespasiano 2012. La stagione musicale mantiene il suo profilo internazionale invitando artisti celebri e “rising stars”. A Philippe Graffin, specialista del repertorio francese con la temibile “Tzigane” di Ravel si affianca Mengla Huang, Premio Paganini 2002, nel Concerto di Mendelssohn, che mancava in città da quindici anni, sostenuto dall’Orchestra Filarmonica Ceca “Janáček” con la rara sesta sinfonia di Dvořák, punto d’incontro tra la tradizione classica tedesca e quella nazionale ceca.. Al Quartetto di Tokyo, formazione stellare che, nell’alternanza di alcuni componenti, vanta una straordinaria carriera quarantennale in giro per il mondo suonando quattro Stradivari e con una discografia sterminata della quale presenta  i “maestri”, da Haydn a Beethoven e Schubert, si avvicina l’inconsueto Trio Diaghilev che con due pianoforti e una “foresta” di percussioni celebra il centenario della prima rappresentazione de “La Sagra della Primavera” di Stravinskij. A Rudolf Buchbinder, annuale appuntamento con i “maestri del pianoforte”, ospite abituale del Musikverein e dei Wiener Philharmoniker in un recital monografico dedicato alle sonate di Beethoven, appena reincise per la Sony, si avvicendano Sofya Gulyak, Primo Premio Leeds 2009, in un programma irto di difficoltà dalla “Wanderer” di Schubert ai “Quadri” di Musorgskj e il giovanissimo Benjamin Grosvenor, artista Decca e vincitore del BBC Young Musician Competition, tra l’ “Andante Spianato e Grande Polacca Brillante” di Chopin e la trascrizione virtuosistica di Schulz-Evler del “Bel Danubio blu” straussiano. Ma è il ritorno di Sigiswald Kuijken a segnare, almeno per chi scrive, la stagione. Dopo trent’anni dal suo memorabile recital dedicato a Bach, Kujiken, una della maggiori e più autorevoli figure della musica antica internazionale che ha contribuito a fondare grazie anche ai suoi studi innovativi, si presenta a capo de La Petite Bande in un concerto dedicato a J.S. Bach e a Telemann, il “sole” e la “luna” del barocco tedesco.”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: