Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Presentata l’edizione numero 12 di “Fattorie Aperte”

Mostrare ai bambini dove e come nascono gli alimenti che hanno sulla tavola ogni giorno, raccontare i saperi della terra e del mare, insegnare loro a creare qualcosa di buono e salutare con le proprie mani sono esperienze formative fondamentali. Sabato 8 e domenica 9 ottobre torna in Liguria “Fattorie Aperte”, l’iniziativa giunta all’edizione numero 12 organizzata dalla Regione Liguria, in collaborazione con il Sistema Camerale della Liguria, l’Ufficio Scolastico Regionale e le organizzazioni professionali (CIA, Cisl- UGC, Coldiretti e Confagricoltura, Coldiretti-Impresa pesca, Confcooperative e Legacoop). Al centro della manifestazione l’obiettivo fondamentale delle fattorie didattiche: l’offerta sempre nuova e smart di attività e laboratori rivolte alle scuole; attraverso le visite in fattoria si crea, infatti, un’opportunità di sviluppo per le stesse attività agricole promuovendo il turismo “scolastico” in ambito rurale e valorizzando i prodotti tipici e di qualità. I laboratori che si possono svolgere in una fattoria vanno dalle visite guidate a veri e propri open day dimostrativi: le aziende si trasformano in vere e proprie fucine del gusto; le visite, spesso, sono integrate e completate organizzando incontri preliminari in aula. Sono 36 in tutto, da Ponente a Levante, le fattorie didattiche coinvolte nella manifestazione Fattorie Aperte, che svolgono attività formative e divulgative per le scuole nel campo dell’educazione alimentare, dell’agricoltura e dell’ambiente, tramite percorsi didattici gratuiti per scoprire i segreti dell’orto, del bosco, degli oliveti, dei vigneti e degli animali. Si aggiungono 4 ittiturismi, a rappresentanza del settore, con svariati laboratori per svelare i segreti del mare e della pesca. In caso di maltempo la manifestazione “Fattorie Aperte 2022” verrà rimandata nelle date di sabato 15 e domenica 16 ottobre 2022. Parte integrante dell’evento è anche il concorso fotografico “Scattiamo… in fattoria”: basterà realizzare delle immagini nei giorni 8 e 9 ottobre durante le attività di Fattorie Aperte ed inviare l’opera con cui concorrere entro il 14 novembre secondo le modalità evidenziate sul sito www.lamialiguria.it; un nucleo di scatti meritevoli verrà premiato dell’assessore Alessandro Piana con prodotti enogastronomici liguri.

“Questa manifestazione torna dopo due anni di stop dovuto alla pandemia”, dichiara l’assessore regionale all’agricoltura Alessandro Piana, “coinvolgendo 36 aziende più 4 ittiturismi. Ci saranno attività didattiche legate all’educazione alimentare mostrando ai bambini come nascono i prodotti; le aziende hanno fatto un importante percorso formativo per avere questo titolo sottoscrivendo la Carta della Qualità. Lo scopo di tutto ciò è trasmettere i valori rurali molto importanti per la nostra società senza dimenticare il concorso fotografico “Scattiamo…in fattoria” che ha come premio prodotti del territorio; ringrazio gli uffici per cosa fatto per il psr ricordando la misura 6.1 e ben 11 milioni stanziati per aiutare le aziende. La sinergia tra le istituzioni è fondamentale per il settore e tutto ciò è un esempio virtuoso; per essere parte del progetto le aziende fanno corsi di educazione alimentare, salubrità, tracciabilità e qualità dei prodotti. Il caro energia è frutto di speculazione e le aziende di questo settore sono poco energivore ma i prezzi per le materie prime sono più alti; spero non ci sia un aumento dei costi per i consumatori finali ed è necessario dare aiuto alle aziende”.

Parole simili da parte di Federica Serra e Gloria Manaratti per il dipartimento agricoltura :”Le fattorie riconosciute hanno un’importante garanzia per le scuole e le famiglie; sono molte le aziende presenti da diversi anni e siamo contenti del fatto che tutto ciò ritorna dopo due anni di stop dovuto alla pandemia. Sulla mappa del progetto Fattoriamo sono presenti qrcode con audioguida in aiuto dei più piccoli; con queste esperienze i bambini scoprono l’attività agricola ma anche la stagionalità dei prodotti, il cibo sano e l’educazione alimentare. Ci sarà un concorso fotografico ma anche diversi laboratori organizzati dalle aziende agricole di tutta la Liguria; tutto ciò è apprezzato dai produttori, dalle famiglie e dalle scuole. L’agricoltura di nicchia è importante ed è bello trovarsi in mezzo alla natura; le aziende che possono partecipare al progetto devono fare un percorso formativo, essere accreditate, sottoscrivere la Carta della Qualità ed una polizza. Tutto ciò è realizzato in collaborazione con le associazioni di categoria e l’Ufficio Scolastico Regionale e ne siamo orgogliosi”.

“Il progetto ci piace poichè rientra nell’ottica dell’educazione alla salute ed è necessario ricominciare a vedere cosa producono le aziende”, sottolinea Roberto Galuffo dell’Ufficio Scolastico Regionale, “ricordando che in questo modo famiglie, bambini e scuole si collegano. Spero che attività del genere possano continuare nell’ambito della Rete Regionale di Educazione alla Salute anche perchè serve applicare una filosofia di salute presso i ragazzi e le famiglie”.

“La mia azienda è una delle prime che è diventata fattoria didattica e dopo il corso di formazione ho ampliato l’attività creando ospitalità, ristorazione ed agricoltura sociale”, afferma Cinzia Angelotti, de Il Fienile di Arcola, “ed è necessario capire cosa gli ospiti vogliono da me. La mia realtà è ad indirizzo vitivinicolo ma la vendemmia si fa in un periodo diverso da “Fattorie Aperte” e, grazie ad alcuni corsi online, sono diventata food artist e realizzo disegni con il cibo; ho anche creato un libro intitolato A tavola con Fata Merenda per invogliare i bambini a mangiare frutta e verdura”.

“Per noi l’attività che svolgiamo è importante e sia i bambini che i genitori devono capire come l’olivo, coltivato dai monaci benedettini, debba essere valorizzato”, evidenzia Flavio Gorni dell’azienda Monaci Templari di Seborga, “e grazie a queste piante si può capire il tempo che farà. L’evento avviene in concomitanza con la raccolta delle olive che è molto importante da mostrare ai bambini; facciamo altre attività ma quella legata all’olio è la più importante”.

“Siamo diventati un agriturismo e la nostra azienda realizza percorsi su richiesta dei clienti ma è altrettanto importante avere i bambini per far conoscere loro le realtà agricole liguri; facciamo percorsi per adulti per far conoscere la nostra realtà”, conclude Giuseppe Privitera dell’Azienda Agricola Bey di Imperia.

 

Le attività di Fattorie Aperte 2022 sono gratuite; per partecipare ai laboratori e alle visite è necessario prenotare contattando direttamente la fattoria o l’azienda ittica interessata. Tutte le informazioni sul sito www.lamialiguria.it.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: