AttualitàCultura e Musica

Presentata online l’edizione numero 36 del Festival della Cultura di Alassio

E’ stata presentata in streaming l’edizione numero 36 del Festival della Cultura di Alassio che ha in sè la consegna del Premio Alassio Centolibri “Un autore per l’Europa”.

“Saluto tutti coloro che si sono collegati e gli intervenuti dicendo che sono contento del fatto che il Premio Alassio Centolibri non si ferma”, dichiara Fabrizio Vespa, “anche se alcuni eventi saranno online mentre altri saranno in presenza. Il legame Liguria-Piemonte è molto importante e manifestazioni come questa lo rendono ancora più forte”.

Parole simili da parte del vicesindaco di Alassio Angelo Galtieri :”Porgo un saluto a tutti dicendo che Alassio, in questo anno difficile, ha mostrato la sua resilienza. Per il secondo anno avremo una nuova versione della manifestazione con alcuni eventi online ma la cultura ed il turismo hanno bisogno della presenza delle persone. Il legame con il Piemonte è molto importante e quest’anno avremo due partner importanti, il Circolo dei Lettori di Torino e la Fondazione Selina Azzoaglio, ma voglio anche ricordare la masterclass di cinema che si terrà sabato 22 agosto in Piazza Partigiani realizzata in collaborazione con il Torino Film Festival”.

“Questa è l’edizione numero 26 del premio “Un autore per l’Europa” ed è un importante traguardo sia per la città che per l’evento stesso”, afferma l’assessore alla cultura Paola Cassarino, “ed i cinque finalisti, Camilla Baresani, Fabiano Massimi, Andrea Molesini, Melania Mazzucco e Michele Serra, risponderanno via streaming a cinque domande uguali per tutti. Il premio viene consegnato dal 1995 ed è importante per la nostra città; ringrazio la giuria nella persona del presidente Gianluigi Beccaria, il gruppo di italianisti presenti e la Fondazione Circolo dei Lettori. La finale e la consegna del premio si terranno il 5 settembre con la conduzione di Gerry Scotti”.

“Saluto tutti dicendo che per noi il lockdown è stato un momento di opportunità e scoperte”, sottolinea Elena Loewenthal, presidente del Circolo dei Lettori di Torino, “e le presentazioni online ci hanno portato un pubblico attento ed affezionato che ha superato le distanze. La collaborazione con Alassio supera la lontananza geografica e spero che questa partnership possa continuare; mercoledì 8 luglio, alle 18.30, verranno presentati in streaming i cinque finalisti con i loro grandi libri che vogliamo raccomandare”.

“Sono contenta di questa collaborazione e l’incontro con Alassio è per me importante anche perchè ci passavo l’infanzia e, così facendo, restituisco qualcosa”, evidenzia Selina Azzoaglio, presidente dell’omonima fondazione, “anche se le vecchie tradizioni si stanno perdendo. Mi piace l’idea di far tornare qui la pittura con cinque grandi esponenti, Elisa Anfuso, Alessandro Bazan, Sergio Ceccotti, Barbara De Vivi e Mauro Di Silvestre, abbinandoli ai cinque finalisti del premio. Ognuno sarà scelto da una giuria popolare via web e immortalerà Alassio in un modo unico; così facendo si avrà un importante visione creativa per rendere all’Italia il concetto di bel paese che ci serve per porci bene all’estero come attrattiva turistica. Ritroviamo inoltre i concetti che rendono grande l’Italia ricordando i Medici a Firenze ed il Duca di Montefeltro ad Urbino che valorizzarono le loro città con grandi artisti. Occorre ricominciare da qui e spero che questo possa essere un buon lavoro di gruppo”.

“L’abbinamento arte-cultura è importante e questo è un approccio unico ed inedito per dare centralità alla pittura”, ricorda Cesare Biagini Selvaggi della Fondazione Azzoaglio, “ed abbiamo individuato artisti in sintonia con gli scrittori ed i loro mondi. Descriviamo un panorama completo unendo l’Italia e le diverse generazioni di artisti; abbiamo coinvolto Sergio Ceccotti, nato negli anni 30, ed una millenials. Gli artisti saranno votati da una giuria popolare, non tecnica, ed il vincitore realizzerà un’opera su Alassio trasmettendo un’immagine contemporanea della città”.

“La cultura è importante e conoscendo la storia si delinea il futuro”, afferma Enrico Galleano, amministratore delegato Bus Company, “ma la cultura dev’essere per tutti. L’azienda per cui lavoro è piemontese ma ci piace collaborare con la Liguria; per noi la Riviera di Ponente è una meta turistica importante e stiamo pensando ad itinerari personalizzati per portare i nostri turisti in Liguria. Il Festival è un buon volano e le diverse aziende si sostengono con la cultura”.

“Sono contento di esserci e l’hotel per cui lavoro ha le caratteristiche per ospitare eventi di questo tipo”, dichiara Stefano Ugolini, coordinatore generale Diana Grand Hotel, “e la nostra ospitalità è nota anche per la ristorazione. Al termine dell’evento ci sarà una cena con lo chef stellato Renato Ricchebuono frutto di un’importante partnership”.

“Siamo felici di lanciare questo evento ed il Diana Grand Hotel, che ringrazio, ci aiuta molto; un sincero grazie va anche a Fabrizio Muratore, al brand Gramsci per i cocktail ed al brand Fronte Mare che ci permette di realizzare la masterclass di cinema alla quale prenderanno parte anche le scuole cittadine. Saluto tutti coloro che sono intervenuti e auguro a tutti un sincero in bocca al lupo”, conclude Raffaella Ferrantino, responsabile ufficio stampa del Festival.

 

Per info :

Sito web : www.alassiofestivalcultura.it

Pagina Facebook : Festival della Cultura di Alassio

Instagram : alassiofestivalcultura

 

 

ALASSIO CENTOLIBRI E LA TERRAZZA DEL DIANA GRAND HOTEL

Anche l’edizione di quest’anno avrà come quartier generale la splendida terrazza sul mare del Diana Grand Hotel che ospiterà la cena del 4 settembre alla vigilia della serata di premiazione di sabato 5 settembre. Insieme al Gramsci Alassio che ospiterà l’aperitivo di apertura della serata della finalissima con Gerry Scotti e i vincitori.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: