Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀPOLITICAREGIONE

Presentati tre nuovi patti di sussidiarietà : giovani, povertà educativa, sport inclusivo sociale

Ammonta a oltre 2,5 milioni di euro l’impegno di Regione Liguria grazie ai fondi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per la realizzazione dei tre nuovi Patti concepiti con la co-progettazione di Regione con il Terzo Settore riguardano i Giovani, la Povertà educativa e lo Sport Inclusivo Sociale e coinvolgono complessivamente a livello ligure oltre 600 associazioni, 3000 volontari e 277 interventi progettuali.

“La co-progettazione è sempre più importante e sono stati creati tre patti che derivano dalle scelte della regione condivisa con il terzo settore”, dichiara l’assessore regionale alle politiche sociali Ilaria Cavo, “ricordando che il patto per lo sport inclusivo coinvolge 57 associazioni per 1,3 milioni mentre quello per la povertà educativa coinvolge più di 400 realtà e 76 progetti. Abbiamo importanti volumi di progettualità che coinvolgono 46000 destinatari senza dimenticare i tanti volontari e le associazioni; la prima parte dei fondi trasversali sarà dedicata ai volontari che svolgono traduzione e mediazione culturale per i profughi ucraini. I patti sono aperti ed una parte delle risorse è stata concordata con il terzo settore; nel complesso abbiamo stanziato fondi per tre filoni : giovani under 35, povertà educativa fino a 18 anni e sport inclusivo con 277 progetti, 600 associazioni coinvolte, 3000 volontari e più di 40000 persone raggiunte”.

Parole simili da parte di Andrea Rivano, portavoce del Forum del Terzo Settore :”Questo è uno step importante perchè valori di questo tipo non sono scontati ed abbiamo fatto un percorso condiviso con le associazioni; il lavoro degli enti del terzo settore è difficile e ringrazio la regione e tutti gli uffici per cosa fanno. Le organizzazioni e le varie realtà lavorano bene insieme e fare rete è fondamentale per realizzare progetti”.

“Vi è un importante lavoro tra istituzioni e terzo settore”, afferma Walter Massa di Arci, “e per il patto è stato usato il fondo del terzo settore. La trasversalità delle azioni permette di mettere insieme diverse associazioni e fare rete è fondamentale; coinvolgere i giovani è difficile ma vogliamo fare azioni che aiutano una fascia d’età molto trascurata. Siamo orgogliosi di tutto ciò perchè è un segnale importante da parte delle istituzioni”.

“Le nostre azioni vengono prese come esempio e voglio ricordare che è stata fatta un’importante rete di sinergie”, commenta Luca Verardo, presidente CSI Liguria, “ma il progetto che fa parte di questo patto, mind the gap, ha come scopo quello di eliminare la povertà educativa. Abbiamo coinvolto decine di associazioni e voglio ricordare che il 19% dei ragazzi dai 0 ai 18 anni leggono e vanno a scuola ma non frequentano teatri, musei e concerti”.

“Lo sport inclusivo crea importanti reti con azioni che coinvolgono associazioni che operano in territori svantaggiati per colmare il gap; in Liguria vi sono grandi collaborazioni che portano a notevoli risultati. Il progetto permette di far conoscere opportunità sconosciute con l’obiettivo di di lasciare qualcosa al territorio; gli impianti devono essere accessibili ed abbiamo coinvolto attività outdoor legate al mare e all’entroterra. Sono state realizzate piattaforme per far conoscere le diverse realtà inclusive ricordando che il turismo sportivo è in crescita; è fondamentale dare un’immagine di una realtà accogliente”, conclude Tommaso Bisio, presidente del Comitato Regionale UISP Liguria APS.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: