Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Presentato il Premio Rapallo Bper Banca 2023

La prima edizione del Premio Europeo Rapallo Bper Banca 2023 è stata vinta da Catherine Dunne con il libro Una buona madre (Guanda, 2022), un romanzo corale che racconta in modo attuale il tema della maternità, come imperativo biologico e come costrutto sociale; la cerimonia di premiazione si terrà martedì 7 novembre alle 17.30 presso il Salone di Rappresentanza della Sede BPER Banca di via Cassa di Risparmio a Genova. Durante la serata Margherita Rubino, coordinatrice del premio, dialogherà con la vincitrice Catherine Dunne; inoltre sono state presentate anche le terne delle scrittrici finaliste per il Premio Rapallo Bper Banca 2023, il riconoscimento dedicato alle migliori autrici italiane promosso dalla Città di Rapallo con il sostegno di BPER Banca. Il Premio è composto da due sezioni: narrativa, che prevede una prima, seconda e terza classificata, e saggistica, che include di premiare libri di indagine giornalistica sul welfare, di educazione varia; tra le oltre 100 candidature arrivate, sono state selezionate tre finaliste per ciascuna categoria.

“Ringrazio Margherita Rubino per l’impegno dicendo che il premio cresce”, dichiara il vicesindaco di Rapallo Pier Giorgio Brigati, “ed i limiti al numero di partecipanti per ogni casa editrice hanno permesso di dare maggiori opportunità. Il Premio Europeo è una novità e può diventare sia il trampolino di lancio per una carriera che una conferma della stessa; ringrazio la regione che ci dà visibilità senza dimenticare la giuria e spero che tutto ciò possa avere successo ricordando Bper. Si continua una tradizione iniziata con Carige che prosegue oggi con Bper; siamo orgogliosi del fatto che questo era l’unico premio per una donna scrittrice e le donne hanno bisogno di spazi importanti. Tutto ciò è molto bello e spero si possa proseguire così”.

Stessa soddisfazione da parte di Lella Costa per la giuria :”La visibilità del premio cresce e la qualità è alta; per la saggistica meritano attenzione le opere che portano uno sguardo europeo rendendo importante il legame tra gli artisti e la città. Nel romanzo di Teresa Cremisi il lettore viene trascinato in un mondo contraddittorio, assurdo, tragico ma soprattutto comico; ci si convince che la cultura è più sicura della morale, che le parole vanno usate con lealtà e audacia, che i libri sono uno strumento insostituibile per stare al mondo, e che ridere è un esercizio da non abbandonare mai. L’opera di Marina Valensise abbina bene i personaggi e le capitali mentre Sara De Simone narra un’attrazione cerebrale tra due donne, Katherine Mansfield e Virginia Woolf, che sanno di essere uniche; la qualità narrativa è alta e abbiamo letture piacevoli anche nella saggistica”.

“Ci sono sia orgoglio che divertimento per un premio che cresce”, prosegue Maria Luisa Agnese, “e la giuria ha deciso liberamente. Sono molte le donne presenti in libreria con romanzi belli e voglio dire che abbiamo ritenuto impossibile non premiare Catherine Dunne ma ne abbiamo trovate altre che potremmo definire meritevoli; la scelta è stata sofferta ma siamo stati tutti d’accordo. Claudia Petrucci ci ha convinti anche perchè il titolo della sua opera è bello ed è onorato nei fatti ed il suo romanzo racconta un importante confronto tra passato, presente e futuro con la casa che fa da collante alla storia; la professoressa universitaria Giusy Sciacca ha ambientato la sua storia nel passato avente come protagonista un’eroina siciliana che ama la sua terra, una ragazza ricca che dopo uno scandalo si è ritrovata a vivere ai margini della società ma ha il coraggio di ricostruire sè stessa. Quello di Mariapia Veladiano è un libro originale e la scrittura è ottima ma affronta il tema del disagio mentale”.

“Questo premio valorizza le scrittrici ed il Premio Europeo è una novità”, afferma Margherita Rubino, coordinatrice del Premio, “e mi sento di dire che c’era bisogno di un premio per le donne che scrivono. Da 20 anni le scrittrici sono presenti nei premi importanti come il Campiello e lo Strega e nella classifica de La Repubblica del 9 settembre per i dieci libri più venduti in Italia troviamo dieci donne; le scrittrici hanno sempre maggiore spazio e ne sono contenta. Voglio ricordare che Catherine Dunne ha scritto un importante romanzo intitolato L’altra metà di niente ed il libro per cui sarà premiata il 7 novembre racconta la storia di alcuni madri di diverse generazioni facendo convergere le vicende; nel libro viene anche ricordata la vicenda per cui in Irlanda, negli anni ’50, venivano tolti i figli alle madri nubili. Il libro si legge bene e se ne parlerà il 7 novembre presso la sede di Bper quando Catherine Dunne ritirerà il premio. I lavori sono stati lunghi perchè si sovrappone il Premio Europeo, novità di quest’anno che premia la migliore scrittrice europea; per la narrativa è uscita la terna dei vincitori che saranno annunciati l’11 novembre e tra le proposte troviamo Claudia Petrucci con “Il cerchio perfetto” (Sellerio), Giusy Sciacca con “D’amore e di rabbia” (Neri Pozza), Mariapia Veladiano con “Quel che ci tiene vivi” (Guanda) per la narrativa e Teresa Cremisi con “Cronache dal disordine” (La nave di Teseo), Sara De Simone con “Nessuna come lei” (Neri Pozza), Marina Valensise con “Sul Baratro. Città, artisti e scrittori d’Europa alla vigilia della Seconda guerra mondiale” (Neri Pozza) per la saggistica. Consegneremo la terna alla giuria popolare e 30-35 persone scelte dall’Ordine dei Medici che scelgono la vincitrice ed il premio per la saggistica”.

“Ringrazio Margherita Rubino per cosa fa e questo premio, diventato più selettivo, è molto importante; Bper aderisce volentieri ed è molto attenta alla lettura guardando oltre il proprio recinto e ascoltando il territorio. Rapallo è importante per la banca ed ispira scrittori e musicisti ma per Bper la parità di genere e la responsabilità sociale sono fondamentali ricordando il contributo delle donne alla cultura; siamo il title del premio e la seconda edizione dimostra di essere all’altezza dei precedenti. E’necessario continuare l’impegno per la letteratura ed il Tigullio ispira artisti, filosofi, musicisti e letterati; le donne esprimono, a livello culturale e nella letteratura, un’importante punto di vista che è una componente essenziale della storia, della civiltà e della cultura. Il premio aiuta a prendere coscienza di questo che richiede tanto impegno e lavoro”, conclude Alfredo Majo per Bper.

Per partecipare all’evento del 7 novembre è necessario prenotarsi scrivendo una mail all’indirizzo: prenotazionepremiorapallobper@gmail.com

Rispondi