Politica

Profili: Alessio Attilio (Mgp)

Classe 1990, diploma all’Istituto Nautico e iscritto alla facoltà di Giurisprudenza. Attualmente ricopre la carica di Coordinatore del Movimento Giovani Padani ma coltiva da sempre una passione per la politica. Il suo più grande auspicio è l’aggregazione in chiave movimentista delle forze giovanili di centrodestra nella città della Torretta. 

Perché fai politica?

La mia passione per la politica nasce da una necessità. Savona è una città culturalmente uniformata ad un pensiero dominante ma non forte. L’unica alternativa al centrosinistra è lavorare per e con la gente. In termini più semplici equivale a volgere lo sguardo sui temi di cui tutti abbiamo reale necessità: il sociale. Senza dilungarmi troppo penso che una seria amministrazione comunale dovrebbe garantire ai giovani italiani una casa ed un lavoro. Parcheggiarci al di fuori delle università in attesa di un lavoro non è sinonimo di serietà.

Come vedi i due maggiori partiti a Savona?

Hanno dimostrato un logoramento a fronte di nuove forze emergenti. In special modo il fenomeno delle ultime comunali è stato quello dei grillini che ha notevolmente logorato i consensi del Pd. Credo che l’unica risposta sia quella di lavorare in mezzo alla gente. L’unica via è quella della presenza sui problemi dei cittadini e per farlo bisogna mantenere una costante in termini di militanza continuativa. Ripresentarsi, di volta in volta, alle elezioni serve a poco.

In cosa consiste l’appeal del Movimento 5 Stelle?

E’ un voto di protesta che trova terreno fertile su un malcontento generale della cittadinanza savonese.

Sei stato tra i protagonisti che hanno contribuito alla protesta sul ricordo di Giuseppina Ghersi, perché questo impegno?

La storia deve essere considerata nel totale e non frazionata dalle proprie posizioni politiche. Dico sì al ricordo di Giuseppina come a quello di tutti gli innocenti che hanno pagato la follia dell’uomo nel periodo bellico.

Cosa significa esser giovani e occuparsi della cosa pubblica?

Spesse volte i giovani sono solo uno strumento. Sento parlare sempre di giovani quasi si trattasse di una categoria uniforme. Come per gli adulti, i giovani si dividono in vari gruppi: chi lavora, chi no, chi studia etc. Per ciascuna di queste categorie la politica dovrebbe avere la capacità di fornire delle risposte serie e coerenti.

Cosa vogliono i giovani a Savona?

Bisogna ripartire da zero. Occupazione, cultura, formazione e un forte rilancio della voce turismo possono essere gli ingredienti per una ricetta di rilancio di cui ha assoluta necessità l’intero territorio.

Due parole sul tuo movimento politico?

Il gruppo di ragazzi che frequento e coordino è un movimento di pensiero più che una realtà esclusivamente partitica. Siamo stanchi della politica affarista che occupa la nostra città da oltre mezzo secolo. Abbiamo deciso di opporci allo status quo e di agire. Credo che per sfidare seriamente la sinistra su questo piano sia assolutamente necessaria un’unione di tutte le forze giovanili del centrodestra savonese andando al di là delle casacche di partito. Io ci sono da sempre e mi metto a disposizione per qualsiasi proposta in tal senso.

Simone Poggio

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: