Cultura e Musica

QUANDO SI DICE BIRO…..

di Giorgio Siri

Oggi è il giorno di nascita di Laszlo Biro, ungherese, nato il 29 settembre 1899. Giornalista e inventore, di origini ebraiche, emigrò in Argentina con la famiglia e morì a Buenos Aires il 24 ottobre 1985.  E’ ovviamente famoso per l’invenzione della penna a sfera, che progettò, insieme col fratello György, verso la fine degli anni 1930, per porre rimedio all’inconveniente delle macchie che le penne stilografiche provocavano sui fogli.  Bíró provò a sostituire il tipo di inchiostro utilizzandone uno simile a  quello delle rotative per la stampa dei giornali. Il nuovo liquido era però viscoso e rendeva la scrittura poco scorrevole. Cos’ l’ungherese ebbe un’altra idea, geniale: inserire all’interno della punta pallina metallica, minuscola, che permettesse la distribuzione omogenea dell’inchiostro, con lo stesso principio che permetteva ai cilindri rotanti di stampare la carta dei giornali. Nacque così la penna a sfera.

Come per tutte le invenzioni però, prima di poter diffondersi, la “biro” necessitò di molti perfezionamenti oltre, naturalmente, ad un cospicuo investimento finanziario. Le sperimentazioni di Bíró vennero interrotte dall’incombere degli eventi storici: ci si avvicinava alla Seconda guerra mondiale ed egli,  a causa delle origini ebraiche, dovette fuggire dal suo Paese. Fu prima a Parigi, e poi, a seguito dell’occupazione della Francia da parte dei tedeschi, in Argentina.

Nel paese Sudamericano, Biro iniziò la produzione della sua penna con il contributo di vari esperti e sostenuto dal Presidente della Repubblica, Augustin Pedro Justo. La pallina metallica, dalle caratteristiche precise, venne messa a disposizione solo da una ditta svizzera che fu in grado di produrla. Il problema dell’inchiostro dalla viscosità adatta venne affrontato all’inizio dal fratello di Laszlo, György, e successivamente dalla ditta di Goy e Kovalszky. Andor Goy ebbe un ruolo importante nella produzione su larga scala della penna a sfera.

Nel 1940 Bíró iniziò a lavorare in modo indipendente e nel 1943, brevettò la sua invenzione. I costi di produzione essendo però elevati rendevano la penna a sfera un prodotto d’élite. I fratelli Bíró cedettero allora il brevetto al barone italiano, naturalizzato francese Marcel Bich, che riuscì a produrre la penna abbattendo i costi del 90% Fu così che essa fu commercializzata in tutto il mondo. La prima penna a sfera era stata presentata al grande pubblico nel 1945, in Argentina, col marchio Eterpen, ma fu successivamente associata al nome di Bich, che divenne ricchissimo e famosissimo…quanto meno nel nome!!

Bíró morì a Buenos Aires il 24 ottobre 1985, povero, a quanto pare. Tra le sue invenzioni, la penna che porta il suo nome rimase la più famosa. In Argentina si festeggia il “giorno degli inventori” il 29 settembre, data di di nascita di Biro!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: