martedì, Gennaio 21, 2020
Home > Attualità > QUANDO VIVERE IN CONDOMINIO DIVENTA UN INCUBO

QUANDO VIVERE IN CONDOMINIO DIVENTA UN INCUBO

Disturbi molesti Chi vive in città/condominio, ne sa qualcosa, in particolare : esercitazioni ad alto volume di musica, canto, chitarra, pianoforte, percussione, pub o locali pubblici sottostanti ,cane che abbaia, ristrutturazioni edili, lavatrici in ore serali, camminare con zoccoli, TV ad alto volume, treno, autostrade o non più usuali canto del gallo, suono orologi o campane, cui vanno aggiunte le molestie olfattive Cosa e come si può fare Interessanti le iniziative di Genova che premia pubblicamente la “buona movida” : il locale che più si impegna per ridurre, combattere, mentre più classica Roma aveva chiesto ronde notturne dell’esercito contro vandali e fracassoni Prove rumore si possono effettuare con un fonometro meglio se eseguite da un tecnico o pubblico ufficiale (es. vigile); poi inviare lettera R/R lamentando i fastidi e citando giurisprudenza in merito Soluzioni controllare rumori e limitarli in orari almeno 8-22, qualche eccezione sino 23 Tappo per orecchie risolve ½ problema ma ne crea altri TV ad alto volume spesso è dovuta a disturbi come ipoacusia (sordità incipiente tipica della 3a età) o acufene (rumore di acqua che scorre, fischio, ronzio) Si possono ovviare superando una resistenza psicologica (non facile ammettere difficoltà di udito che possono solo peggiorare se non curate) Disturbi si possono prevenire con visita audiometrica volta a migliorare l’acustica, evitando di alzare volume TV, di estraniarsi dalla vita di relazione e la sordità. Insonorizzare, dopo aver individuato la fonte precisa da cui provengono rumori, con pannelli specifici (assorbenti) da applicare a parete o soffitto con costo intorno a 25-30 euro a metro quadro Una novità Attenti alle fritture non solo perchè fanno ingrassare e intasano le nostre arterie, ma potrebbero non esere gradite ai vicini Per la prima volta con sentenza n. 14467 del 2017 la Cassazione ha sancito che il naso non è figlio di un dio minore, condannando per reato penale di molestie olfattive provenienti dalla cucina di una famiglia, equiparandole a getto pericoloso di cose Oggi frittura di pesce e chissa quando soffritto di cipolla, salsiccia, cavolofiore bollito, trippa, ricette speziate Il Giro tra leggenda e storia fa 100 Un mondo vicino alla gente,”un mondo buono” diceva Montanelli La gente amava i corridori erano gli sportivi più vicini alla gente, passavano davanti casa, era una cosa bellissima, si applaudivano e dalla finestra si buttavano petali di rosa, quasi si potevano toccare, prendevano la bicicletta smettendo il lavoro Spesso era, una festa di paese, percorrevano un circuito in paese, con premi messi a disposizione dai negozianti Il ciclismo sportivo sarà arricchito anche con il colore paesaggistico descritto da grandi firme per declamare anche osterie o canzoni “Pedalando pedalando la corsa vola e va “ L’inizio non fu facile, praticato da ricchi snob e presto lasciato al popolo. Basti pensare che il governo Giolitti volesse mettere al bando la bicicletta perchè pericolosa ed antiestetica La bici invece diventa accessibile agli inizi del ‘900 e sarà il principale mezzo di locomozione con 600.000 unità circolanti ( sarà soggetta a tassa circolazione di 10 lire) Poi iniziarono le grandi corse (Tour, Giro, Vuelta e le classiche del nord) Ogni anno a maggio inizia la carovana a tappe, attraversa tutto il nostro paese diventando più che un evento sportivo Iniziò nel 1909, poco dopo il Tour, auspice la Gazzetta dello Sport che in quell’occasione battè sul tempo altri progetti ad opera di Marchesini. Nella prima fu una impresa eroico sportiva, ebbe una partecipazioni di 127 corridori, un percorso di 2448 Km suddiviso in 8 tappe con una permanenza in bicicletta di 10/12 ore ed un monte premi di 25.000 lire somma notevole,una fortuna per i tempi In una Italia povera, in gran parte contadina (un operaio guadagnava 1,16 lire) Nel 1911 il giro parte da Roma in omaggio al cinquantesimo anniversario dell’unità d’Italia Vincerà Gerbi detto”diavolo rosso” diavolo (pare spesso spargesse chiodi per strada )e rosso per la maglia Sarà definito eroico per le difficoltà partiti 80 arrivati 8 corridori Nel 1914 diventerà ciclismo mito con tappa più lunga ,Lucca /Roma 210 km percorsa in 17,5 ore su strade polverose, vincerà Girardengo 21 anni Nel 1915 arriverà la tragedia della grande guerra a fermare le gare Bisognerà aspettare il 1919 per rivedere la carovana ripartire con passione rimasta immutata e vincerà ancora Girardengo, l’omino di Novi (cosi detto per la sua corporatura) Spuntano altri campioni arrivano i dualismi a ravvivare le gare, gareggiano con generosità: Bottecchia poi Binda ( ragionatore) tanto forte che volte verrà pagato per non correre Guerra (guerriero di nome e di fatto), detto anche locomotiva umana, imprevedibile e simpatico La gente apprezza e ripaga in tifo caloroso Nel 1931 al Giro appare la maglia “rosa” La prima viene portata da Guerra che nella sua Mantova batte Binda il rivale di sempre Ma l’anno magico di Guerra sarà il 1934 al giro (10 vittorie in 17 tappe) Tra la prima e la seconda guerra mondiale nel ciclismo cambiano molte cose, migliori bici,Campagnolo (1936) inventa il cambio, da individuale diventa sport di squadra, e soprattutto le strade diventano asfaltate Anche in Italia si cambia, con l’avvento del regime l’imperativo è vincere meglio all’estero per dar lustro alla Patria ed il pio Bartali (viene dA azione Cattolica) , toscano forte per classe, stile e caratteraccio nel 1937 si impone al Giro e nel 1938 al Tour, non si adatta al saluto romano Nel 1940 appare la stella di Coppi ventenne di Novi Ligure, anche lui come Bartali, corre per la Legnano Atleta perfetto in sella, con gambe esili e polmoni esagerati che gli consentiranno il dominio in montagna All’esordio vince il 27° Giro, Bartali in crisi gli dà via libera e poi sarà un bel duello tra i due Arriva un altro stop per le gare con la IIa guerra mondiale con distruzione, morte, miseria : Coppi combatte in Africa, Bartali collabora per la Liberazione Finalmente la guerra finisce e nel 1946 riparte il Giro della rinascita vinse Bartali La rivalità tra i due Campioni è forte, anche nella vita, sono diversi, Bartali bianco vicino alla chiesa, Coppi anche per vicende familiari(dama bianca) è giudicato rosso Nel 1949, Coppi rasenterà la leggenda vincendo nello stesso anno 1949 Giro e Tour Nella rivalità tra i due si inserisce Magni, vincente al Giro, sarà chiamato “leone delle Fiandre” per le tre vittorie in terra fiamminga Nel 1950 il ciclismo entra in crisi con l’avvento della “Lambretta” e per sopravvivere dovrà cercare nuove idee e sponsor Importante contratto con TV ; nel1954 inizia il processo alla tappa di Zavoli e nei film però si passa da “ladri di biciclette” a “Il sorpasso” Con il 2 gennaio 1960 Coppi muore di malaria non riconosciuta, Bartali resta orfano del suo tradizionale rivale finisce la leggenda ed inizia la storia con Gimondi che vince nel 65 soppiantato nel 68 da Merkx forte ovunque (il cannibale pigliattutto) Il ciclismo cambia, se una volta si usa simpamina (bomba) che aiutava a sfruttare le proprie forze ora si cerca di truccare il motore, .appaiono eccitanti, anabolizzanti, trasfusioni di sangue,epo e con gli anabolizzanti arrivano i controlli Certamente il doping è 10 anni avanti l’antidoping Dal boom del 1960 al 1970, il Giro che continua con un grande Moser, nel 79 Saronni, Il 1990 Bugno sembra rinverdire la leggenda tenendo la maglia rosa per tutto il Giro Poi irrompe Pantani (il pirata) forte specie in montagna un sogno che durerà poco, infine Basso ,Nibali Aru Il Giro del 2017 nell’edizione 100 paritirà per la terza volta dalla Sardegna il 5 maggio per arrivare a Milano il 28 maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *