Attualità

Quiliano, logo “DeCo” ai prodotti di 4 aziende

Prime quattro iscrizioni, a Quiliano, sul registro dei prodotti a Denominazione Comunale di Origine (De.C.O.). Si tratta di produzioni realizzate da quattro aziende agricole e vitivinicole del territorio: Andrea Canova (vini Buzzetto e Granaccia), Luca Murgia (vini Buzzetto, Granaccia, Pigato, Vermentino, vini liguri da tavola), Giuseppe Rebella (prodotti ortofrutticoli, chinotti, albicocche di Valleggia, cavoli, olive da olio), Pierluigi Belfiore (prodotti ortofrutticoli, pesche, ciliegie, albicocche di Valleggia, frutti di bosco).

A valutare positivamente le domande presentate è stata una commissione presieduta dal consigliere comunale Elio Marabutto e di cui fanno parte Daniele Caparvi, Giuliano Del Bono, Roberto Minuto e Paola Vottero. Con questo riconoscimento, i prodotti delle quattro aziende possono utilizzare, in esclusiva, il loco “De.C.O.” del Comune di Quiliano. L’iniziativa, prevista da una legge nazionale ma che in Liguria è stata attuata, oltre che a Quiliano, solo in altri tre Comuni (Perinaldo in provincia di Imperia, Sant’Olcese e Rezzoaglio in provincia di Genova), è volta a valorizzare le attività agroalimentari tipiche locali attraverso iniziative a sostegno e a tutela delle tradizioni ed esperienze agroalimentari e gastronomiche maturate nel corso degli anni nella preparazione e produzione di specialità e prodotti locali. 
Il regolamento della De.C.O. si propone di individuare sul territorio le produzioni originali meritevoli di promozione e protezione attraverso la loro iscrizione in un apposito registro pubblico ed il rilascio di un logo identificativo da apporre esclusivamente sui prodotti iscritti nel registro. La tutela e la promozione dei prodotti che si legano alla tradizione del territorio, costituiscono il punto di partenza delle attuali strategie di penetrazione, sia sui mercati nazionali, che su quelli esteri. A questo riguardo, il territorio del Comune di Quiliano, può, essere considerato un vero e proprio “giacimento” di prodotti tradizionali: dai prodotti da forno, ai formaggi, al miele, all’olio, agli ortaggi, alla frutta e, alle culture minori meritevoli di maggiore tutela e più incisiva promozione sui mercati.
La differenza tra la De.C.O. e gli altri marchi di qualità esistenti, come la DOP e l’IGP consiste nel fatto che mentre questi ultimi garantiscono e premiano la qualità di un prodotto, la De.Co semplicemente permette agli enti locali di essere titolari di una denominazione atta a salvaguardare e promuovere un prodotto agroalimentare determinato, di garantire al consumatore la provenienza di ogni prodotto ed il legame con la sua terra di origine.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: