Economia

Reati ambientali: ecco come le imprese possono evitarli

Giornata formativa su “Rischio ambientale e nuove responsabilità d’impresa in materia di tutela della salute e luoghi di lavoro”, giovedì 8 marzo, nella sala convegni della sede camerale di regione Rollo 98, ad Albenga. Organizzato dall’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Savona per i Servizi alle Imprese e la Promozione, l’appuntamento recupera il convegno programmato in un primo tempo per martedì 21 febbraio e successivamente rinviato.  L’incontro affronta il delicato tema delle nuove responsabilità delle imprese e intende illustrare la metodologia per attuare, prima di incorrere in reati, un modello organizzativo In grado di escludere la responsabilità amministrativa prevista dal Decreto 231/2001 per quanto concerne sia i reati ambientali sia quelli per violazione alle norme di prevenzione.

La norma in vigore estende infatti alle persone giuridiche, quindi anche alle imprese, la responsabilità per i reati previsti dal D.lgs 152/2006 (Codice dell’Ambiente), come la gestione dei rifiuti non autorizzata, gli scarichi industriali, il traffico illecito di rifiuti e le emissioni in atmosfera. Tra i reati compaiono inoltre i danni ad animali e piante protette, nonché quelli agli habitat situati all’interno di siti tutelati. Tra le pene previste, il decreto riporta non solo sanzioni pecuniarie, ma anche misure
Destinatari del seminario sono in particolare le imprese agroalimentari e florovivaiste: imprenditori, dirigenti, responsabili del servizio di prevenzione e protezione (RSPP), rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS). Interventi e relazioni sono affidati a docenti esperti di modelli organizzativi e consulenza aziendale, nonché a tecnici specialisti del Sistema Camerale, che quotidianamente seguono e affiancano le imprese
Il programma della giornata (ore 9-18) è articolato sulle tre fasi di intervento: Pianificazione (identificazione e gestione della normativa applicabile – analisi e valutazione dei rischi per
salute e sicurezza – analisi e valutazione dei rischi ambientali); Attuazione (definizione delle responsabilità – competenza, formazione e consapevolezza –
comunicazione, consultazione, partecipazione – documentazione del sistema di gestione
le procedure – controllo operativo); Verifica (sorveglianza e misurazioni – infortuni, incidenti, situazioni pericolose – non conformità e azioni correttive – audit – riesame).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: