Attualità

Reddito di cittadinanza e i Centri per l’Impiego

Il Centro per l’impiego è un ufficio della Pubblica Amministrazione cui è demandata la gestione del mercato del lavoro locale. Dipendono dalle Regioni, operanti a livello provinciale in sostituzione dei vecchi uffici di collocamento e intermediazione che ammontavano a 552 unità a partire dal 1997. Sarà poi la legge Biagi nel 2003 a sancirne il passaggio definitivo. Il reddito di cittadinanza deve passare, avvalersi dei Centri per l’Impiego, che hanno un bilancio di 700 milioni, spesi per personale. A volte con rapporto di lavoro precario. Da un’indagine dell’ Anpal (Associazione Nazionale Politiche Attive del Lavoro), risulta un’ organico sottodimensionato (8.000 addetti), di cui il 22% in Sicilia, contro 110mila in Germania, 70mila in Gran Bretagna e 45mila in Francia. Bisogna definire compiti, competenze, fondi, personale, incentivare l’industria, avere personale specializzato, per poter parlare di intermediazione (3 offerte di lavoro). Strada lunga e difficile forse anche un po’ preoccupante. I servizi erogati dai Centri, sono una sorpresa per quanto attiene al funzionamento, infatti ognuno è organizzato autonomamente, a volte anche in una stessa regione, mentre dovrebbe essere omogenei a livello Nazionale, per poter parlare di Politiche Attive. Oggi gli Uffici di Collocamento bravi solo nel disbrigo delle pratiche burocratiche, ma non abituati al loro compito di ricerca disponibilità e proposte ai lavoratori Da noi l’occupazione, anzi la bassa occupazione, specie per i giovani:è: per età 18/24 anni 18% contro 33,5% in Europa, per età da 24/29 65% contro 72% in Europa. In Italia mancano scelte e preparazione in indirizzi Tecnici, come emergono carenze in Alternanza Scuola Lavoro . Nei prossimi 5 anni, mancheranno 300.000 soggetti con alte competenze tecnologiche e una formazione continua, in itinere, per adeguare i lavoratori alle nuove tecnologie, alle nuove mansioni. Se difficile è cercare lavoro per i giovani, quasi impossibile per persone in età lavorativa avanzata (oltre 50anni) Interessante l’esperienza realizzata in Lombardia in merito alla formazione da Privato e Pubblico insieme.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: