Attualità

Religione e fede

santuario savona

“Fidatevi di Dio” cantava de Andrè L’Italia è un Paese Cattolico, ma la maggioranza (50%), pratica una religione fai da te, come risulta da una indagine de ”La Stampa”, da cui risulta che solo il 18% va a messa la Domenica. Cristianesimo alla carta, un proprio percorso spirituale, lontano dalla fede tradizionale. Atei e agnostici, magari lontani da 20 anni dalla Chiesa, mandano i figli all’oratorio, alla scuola dei Gesuiti, alla Prima comunione, anche vari politici giurano sul Vangelo, anche se un po’ lontani dal pensiero di Papa Francesco. I Francesi sono Cattolici più seri, convinti , diversi dai laici. Altra cosa in Usa dove la religione viene scelta, come si sceglie al supermercato con il carrello. Don Mazzi, Salesiano, fondatore di Exodus. dice che le crisi di religiosità, servono a far crescere, sono da escludere le esteriorità, parlare di anima mettendo crocette su test credo non credo, non è serio. Sacerdote non è un titolo onorifico, ma un servizio in nome di Dio Padre. Chi sposa il vangelo. predica povertà, la fede non si predica, si dimostra. I Cristiani, specie i giovani devono avere amore dentro, per aiutare, stare in mezzo alla gente, più per testimoniare che per insegnare, pregare insieme La spiritualità non è un corso di 3 anni per la comunione, quando in pratica molti considerano di più i soldi, dell’onestà e le famiglie spesso pensano a sopravvivere. I vecchi dicevano i soldi non li mangiano neanche le galline, ma servono, l’ importante è usarli bene. Torniamo alla Chiesa, al passato, alle origini, la messa torni alla cena, magari un tavolo in mezzo alla chiesa, colpisce, interessa di più specie i giovani. Papa Francesco combatte spesso da solo per vari problemi, ha fatto scendere la sua popolarità ma proprio Cristo aveva detto ai suoi Discepoli, sono stato perseguitato e lo sarete anche voi. La Chiesa è, deve essere spiritualità, la spiritualità è la sua forza, che le ha permesso di sopravvivere 2000anni, è un grande movimento, giusto possa avere vicini diversi. In Italia vivono 3milioni di islamici (cittadini o aspiranti) su 60milioni di abitanti, mentre gli altri credo raccolgono meno fedeli. I migranti sono un problema politico non religioso e l’Europa deve essere coerente con le sue decisioni. I Cattolici, capaci di grandi slanci, devono saper vedere, giudicare, prendersela con la politica non è fruttuoso per nessuno, meglio cambiare le persone, a partire dai preti, come dire aiutiamo ognuno a casa propria, ma bisogna saperlo farlo. L’Africa, deve essere aiutata a prendere coscienza della propria ricchezza (suolo e sottosuolo), a gestirla senza ruberie politiche, insegnare a procurarsi il necessario, con spirito di Pastori e non Preti da cerimonia. Torniamo alla semplicità del vangelo. Non mescoliamo fede che libera e religione che costringe. Non dobbiamo confrontare, mettere in conflitto cultura e tradizione Greco – Romana e cultura del Vangelo Attenti è facile sbagliare, errare, giustificare per poter continuare. Gli Antichi dicevano “errare humanum est perseverare autem diabolicum” (errare è umano, perseverare è diabolico).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: